PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

23 settembre 2007

aggiornamento

aggiornamento del sondaggio Rai :
V-Day e liste civiche, protesta fiscale e contro i privilegi del Palazzo: come definiresti questa ondata di anti-politica?
Alle otto di stamane:
Sacrosanta (61%)
, Salutare (26%), Populista (5%), Rischiosa (7%)

36 commenti:

  1. Ribadisco la mia simpatia per Grillo " artista " e la mia freddezza sulle sue tematiche . Ad anonimo dico che non mi piacciono i condannati in Parlamento , ma la cosa non cambia l'orbita dei pianeti . Sul numero di mandati parlamentari ci sono pro e contro : gli auspicabili rinnovamenti vanno a scapito dell'esperienza , per cui lasciare al cittadino il compito di eleggere o meno gli abitudinari non è eresia . Sul fatto che siano i partiti a scegliere i candidati direi che sono d'accordo , visto che i partiti candidano chi si fa il mazzo . Una buona soluzione potrebbe essere un 2 terzi di candidati scelti dai partiti e un terzo dai cittadini tra persone non di apparato . Ma come individuare le persone fuori apparato ? In ogni caso a me pare che Grillo tocchi demagogicamente le corde di chi se ne sta pigramente ai margini della politica e in quanto tale non stravedo certo per lui politico .

    RispondiElimina
  2. Scusa Eddy, se ti pongo questa domanda.Oggi parlando di politica,mi hanno detto che la tua scelta di lasciare il movimento unionista,è per un motivo solo,cioè quello che, qualcuno ti avrebbe "Tolto" delle preferenze per dirottarle su un candidato UV della bassa valle.Io chiaramente non sono così bene informato su come si svolgono le elezioni in VdA,ma mi chiedo, se è accaduto ciò,vuole dire che anche Tu hai accettato questo sistema in passato, o no? e allora perchè arrabbiarsi se la regola è quella, e tu in passato l'hai accettata,e forse, dico forse, ne hai beneficiato anche tu? Sono sicuro che non mi darai una risposta in politichiese.

    RispondiElimina
  3. Naturalmente volevo dire politichese

    RispondiElimina
  4. Non sono unionista e non stravedo per eddy che ha sì abbandonato l'uv ma senza dichiarare una maturata distanza dal credo unionista , solo una non condivisione del modo di fare politica . Ma questa è la mia opinione ,certo eddy ha agito in base a una sua coscienza illuminata e per questo lo rispetto . Di conseguenza non condivido le insinuazioni di anonimo , cui eddy non dovrebbe manco replicare : è come chiedere a un commerciante se sono vere le voci ( su cui nulla si specifica di probante )secondo cui la sua merce non sarebbe ok . Che anonimo non sia l'anonimo intervenuto sovente qui , ma un avversario di eddy che così lo combatte ? Eddy , non ti curar di lui ma dopo letto passa oltre .

    RispondiElimina
  5. Eddy Ottoz ha compiuto una scelta di grande coraggio scegliendo di uscire dall'UV con dignità (senza fare di se stesso una vendita promozionale) e sostenendo la sua contrarietà all'astensione.
    Sono certo che se continuerà a girare per i luoghi della politica lo farà con la medesima dignità ed a testa alta.

    Caio Giulio Cesare

    RispondiElimina
  6. Vi sono, in democrazia, eletti ed elettori. Non possiamo pretendere che tutti i cittadini diventino od aspirino ad essere degli eletti. Però ogni cittadino elettore ha un sacrosanto diritto: quello di "monitorare" quotidianamente l'operato dei propri eletti. Mi pare che Beppe Grillo si stia limitando a fare questo, azione che dovremmo trovare il modo di rendere più continua e sistematica da parte dei cittadini elettori, soprattutto qui in VDA dove l'appiattimento e il servilismo quotidiano al padrone di turno sono di casa.
    p.s. Chi avesse qualche problema con la lingua francese, può leggere il messaggio proastensione del Comité Fédéral dell'UV tradotto pari pari e fatto proprio in buona lingua italiana da Emily Rini pei il Foyer di FA.

    RispondiElimina
  7. considerazione ineccepibile di Parfait Jans nel suo giornalino in rete "le salasse" (con relativo invito ad andare a votare e indicazioni di voto che ovviamente non commento):
    1) il popolo è sovrano
    2) nel caso in cui vi siano tentativi di privarlo della propria sovranità mediante inviti all'astensione, qualunque siano le relative motivazioni,
    3) si configura, secondo il più consolidato diritto medioevale il gravissimo delitto di
    4) lesa maestà.

    RispondiElimina
  8. Vuoi vedere che ogni tanto qualche anonimo ha ragione ad avere qualche "Dubbio"? Visto le NON risposte ai quesiti scomodi? Maah! Politici o no, siamo tutti uguali,forse qualcuno con un po' piu'di dialettica, ma in fondo in fondo........

    RispondiElimina
  9. Un quesito è tale se permette una risposta articolata e non una scontata . Il tuo è un non quesito . Dovresti assumere degli 007 che ti documentino sulla verità della tua asserzione e poi pubblicare qui il loro plico . Il tuo modo di procedere ripugna anzichenò .

    RispondiElimina
  10. Salve.

    Io dico che tutti i problemi si possono risolvere col buon senso e senza fare tanto clamore.

    Un bel rinnovamento della classe politica, con conseguente costruzione di un parlamento che abbia voglia di dare una sistemata alle norme vergognose che tanto ci irritano, è possibile anche con il caro vecchio strumento del voto.

    Il casino che fa Grillo può servire a scoprire la pentola ma più che altro è funzionale alla crescita della sua popolarità.

    Buona vita.

    Wild Bill Hickok

    RispondiElimina
  11. sono immerso nella chiusura delle presentazioni delle domande di contributo delle società di atletica leggera (trip buroallucinante, scadenza il 30 settembre, termine perentorio, per cui se cade di domenica, ciccia, porta tutto entro il sabato, ma il sabato gli uffici dell'Assessorato non lavorano, per cui devi consegnare il venerdì 28, ma gli uffici habbo pensato bene di chiudere al pomeriggio anche in questi giorni di scadenze. Vi lascio immaginare...
    Ogni tanto emergo per respirare, come le balene, e leggo i vostri commenti.
    Anonimo del 26 alle 22.24, a che cosa, secondo te non voglio rispondere? Alle saghe evocate nelle piole alla ricerca della preferanza perduta? A fare outing nella direzione auspicata da peperoncini al plutonio (direzione che non conosco)? Dimmi a che cosa e risponderò, dammi solo il tempo di verificare e consegnare qualche quintale di classifiche e paperaces entro domani alle 12 in piazza Narbonne. Poi, potrai far scempio di me.
    Nel frattempo mi limito a un bravo Parfait Jans.
    E non perdetevi Longarini, non si occupa di preferenze, ma dei veri problemi.

    RispondiElimina
  12. va detto che habbo non è il nomignolo di un telescopio in orbita nel patois di Fénis, ma una storpiatura disgrafica della terza persona plurale dell'indicativo presente del verbo avere.

    RispondiElimina
  13. A proposito di Longarini e delle sue richieste di condanna, mi pare esemplare quanto a disinformazione ed uso distorto del mezzo giornalistico l'articolo di 12vda che titola: Lavoyer prosciolto.
    A parte che condanna o proscioglomento le decidono i giudici e non il PM, il servo Musumarra ha omesso (deliberatamente?) di elencare le pesanti richieste di condanna nei confronti di tutti gli imputati (Lavoyer compreso) da parte del dr. Longarini.
    Non c'è di sicuro bisogno di "giornalisti" così.

    RispondiElimina
  14. Cuor di leone, magari leggi tutto l'articolo prima di criticare, visto che sono citate tutte le richieste del pm...

    RispondiElimina
  15. vada per il flame, ma servo è gratuito e offensivo. Con cuidado, por favor, specialmente gli anonimi...

    RispondiElimina
  16. Mi scuso per il tono e per l'offesa; ribadisco che secondo me il focus della notizia non è la richiesta di assoluzione.

    RispondiElimina
  17. La coppia Dino Viérin-Adriana Viérin (presidente e segretaria particolare), l'altra coppia Claudio Lavoyer-Patrizia Carradore (assessore e segretaria particolare). D'accordo, la colpa è anche nostra, perché li abbiamo votati noi: quindi facciamoci un esame di coscienza. Anzi, siamo doppiamente colpevoli, perché nel caso di Adriana Viérin e Patrizia Carradore,le abbiamo addirittura votate dopo i "fattacci" (comunque vadano a finire le cose): l'una consigliere regionale, l'altra consigliere comunale, ora addirittura vicepresidente del Consiglio (sono queste le nostre quote rosa?). Potremmo dire che ognuno ha i politici che si merita. Vogliamo continuare così? Candidarli ancora? Votarli ancora? Magari con la scusa che tanto, politici o no, siamo tutti uguali (vedi anonimo più sopra)?
    Un'ultima osservazione: il caso Maccari ha solo evidenziato in modo macroscopico e patologico i legami tra "feudatatio" (Dino e Adriana Viérin) e "vassallo" (Maccari) legalizzato e scelto come sistema di governo con la cosiddetta riforma della pubblica amministrazione del 1995 fortemente voluta da Dino Viérin. Non mi dilungo in noiose spiegazioni che ho già dato altrove.

    RispondiElimina
  18. Il tifo politico , nel 2007 , di Angelo Musumarra per Luciano Caveri è assodato quanto quello di ogni Imam per il Corano . Tale tifo è rintracciabile in quasi ogni scritto politico di Musumarra . Si può discutere sul come caratterizzare , nei giudizi , questo sentire / agire . Ma se martello fa marcia indietro relativamente alla terminologia da lui usata per indicare quanto sopra , non significa che il tifo , con le conseguenze che comporta , non esista : c'è ed è , nel suo piccolo , una delle innumerevoli cause della piatta monotematicità culturale della regione .

    RispondiElimina
  19. Già...le piole; quando sono dei piccoli bacini di voti vanno bene,anzi gli ultimi giorni prima delle importanti scadenze ci si tappa il naso e le si frequentano,se invece da lì escono dei discorsi "Plebei" di "Quelli" che non sanno e non capiscono niente,allora meglio demonizzare il tutto,"C'est plus facile".

    RispondiElimina
  20. Visto dove si candiderà Ottoz nel 2008 le nostre care "piole" non le frequenterà più. Pa fatta, un niveau trop bas...

    RispondiElimina
  21. Visto che sono un estimatore di Ottoz potrei sapere anch'io dove si candiderà nel 2008? Grazie.
    Pompeo

    RispondiElimina
  22. Anch'io come sopra .

    RispondiElimina
  23. Probably Forza Italia

    RispondiElimina
  24. E' un metodo scorretto di agire.

    Eddy Ottoz potrà anche fare ciò che tu stai ipotizzando (forse con motivazioni solide) però non sei corretto, Anonimo.

    Potremmo anche pensare che tu sia uno dell'UV incaricato di bruciare l'effetto sorpresa.

    Da parte mia se Eddy Ottoz vorrà continuare a dare il suo contributo alla comunità da una collocazione moderata centrista avrà il mio appoggio.

    Eleuterio (comahike@email.it)

    RispondiElimina
  25. Le considerazioni su 12vda e sul suo spudorato appoggio ad ogni iniziativa della Giunta regionale, al di là della personale simpatia (o antipatia) del capo redattore, pongono sul tavolo un argomento fondamentale di ogni democrazia compiuta: la stampa libera. Ora qui da noi, tra agenzie di stampa abbondantemente foraggiate dall'Amministrazione (450.000 euro l'anno per l'Ansa), giornali di cui non si conosce la proprietà e dei quali si sussurra siano fidejussori alcuni tra i politici più in vista, telvisione regionale in cui perfino l'usciere è lottizzato, risulta piuttosto difficile credere che la verità sia quella che ci viene proposta.
    Per esempio, nessun giornale scitto, virtuale o televisivo, ci ha ancora parlato compiutamente di referendum, tutti troppo occupati a seguire il Presidentissimo nelle sue missioni in Svezia, in Polonia o nelle isole danesi.

    RispondiElimina
  26. Effetto sorpresa?? Non siamo mica ad un quiz. Ottoz è un uomo pubblico (che gli piaccia o no)e quindo è normale che la Sua azione politica venga guardata con più o meno interesse dall'opinione pubblica. Di conseguenza anche le Sue azioni future destano o possono destare interesse. Nulla di male quindi a pochi mesi dalle elezioni a fare il toto candidati. Mi pare che un settimanale locale lo faccia già da tempo...

    RispondiElimina
  27. Quello dell'Anonimo era un evidente tentativo di sputtanamento, e non mi stupisce che tu lo avvalli.

    Eleuterio (comahike@email.it)

    RispondiElimina
  28. Basta con il gossip politico e lasciate che Eddy si candidi, se crede, dove meglio ritiene opportuno, cominciamo invece a pensare a pulire il "consiglio regionale" e conseguentemente ad individuare quanti non dovranno, per una questione di etica politica, non più candidarsi, in quanto o condannati o comunque incriminati di gravi abusi e danni contro la pubblica amministrazione (i nostri soldi). Dovremmo farne un elenco preciso e puntuale ed invitare, se oseranno proporsi, tutti i cittadini che non si ritengono ancora sudditi a non votarli. Diversi nomi emergono già dalle inchieste della magistratura in corso in questi giorni e relativo processo.

    RispondiElimina
  29. Bruno , prima di guardare alle persone bisogna subito escludere quelle ora nell'uv , poi quelle oggi in partiti ai piedi dell'uv , poi anche quanti in formazioni che pensano di allearsi domattina col leone . Dopodichè seguiamo pure la tua griglia selettiva .

    RispondiElimina
  30. personalmente sono d'accordo ... ma non osavo spingermi a tanto. Mi limitavo all'etica politica, e non volevo fare valutazioni "politiche". Quanto sopra solo per avere un consiglio regionale più "pulito". Per ringiovanirlo e rinnovarlo proporrei anche di escludere tutti i candidati in pectore che, in qualunque partito o mouvement, abbiano già fatto due legislature e quelli che abbiano più di 60 (al massimo 65) anni.
    p.s. date un'occhiata al sito caveriano, il quale, nel suo pensierino, prima fa il casseur nei confronti di Palazzo Chigi e della futura finanziaria (niente di male, ovviamente), poi, nel suo "calepin" (possiamo tradurlo "galoppino" in italofrancovaldostano?) se la prende con gli ipotetici "casseurs" locali. Caveri doubleface.

    RispondiElimina
  31. per non essere reticente sul tema delle "preferenze tolte" con l'anonimo del 24 settembre ore 16,17, che trasmette dall'interno della costellazione dei cinque bar della politica, riproduco il suo commento inserendo di volta in volta i miei commenti/risposte:

    Scusa Eddy, se ti pongo questa domanda.Oggi parlando di politica,mi hanno detto che la tua scelta di lasciare il movimento unionista... (lasciato il movimento o il gruppo? e quando, all'inizio del 2004, allorché non ho rinnovato la tessera, o in luglio di quest'anno, quando sono uscito dal gruppo, nel quale operavo da "indipendente", fatto ben noto a tutti?
    ...è per un motivo solo,cioè quello che, qualcuno ti avrebbe "Tolto" delle preferenze per dirottarle su un candidato UV della bassa valle. le preferenze sono come le porte del saloon, vanno e vengono. Tutti i candidati, eletti o trombati, al momento del risultato ritengono che qualcuno abbia loro "soffiato" dei voti. In sostanza passano dell'ottimismo della campagna alla realtà del responso elettorale. Direbbe Gramsci: l'ottimismo della volontà e il pessimismo della ragione. Se preferite: post coitum animale triste. Capita in alcuni casi che, con il noto meccanismo delle tre carte, oops, preferenze, qualcuno effettivamente "sposti" voti da un candidato all'altro. Fa parte del gioco perverso che suggerisce appunto l'opportunità di rivedere le regole del gioco.
    Ciò detto, non ero mai stato iscritto all'Union in passato, e fui candidato nel 1998 come "indipendente". Alle elezioni si verificò il solito giochetto, e, forse non quante io magari immaginai, ma un bel numero di preferenze furono spostate more solito (ciò avviene tipicamente negli ultimi due giorni prima del voto (venerdì e sabato). Risultato: fui il primo dei non eletti. Risultato bis: per non fare la solita figura di quello che si offende (lezione appresa nello sport), subito dopo la mia sconfitta andai ad iscrivermi all'Union per esprimere l'apprezzamento per avermi ospitato nella sua lista. Accadde poi che Rollandin risultò tre mesi dopo ineleggibile ed io entrai in Consiglio per tutta la legislatura. Nel 2003, candidato come iscritto all'Union, risultai nuovamente primo dei non eletti. Nuova operazione di tosatura delle preferenze, ma tant'è. Sono poi entrato in Consiglio a seguito della sconfitta di Rollandin ad opera di Perrin. Perrin a Roma e fuori dal Consiglio, Ottoz riparacadutato dentro.
    Ota ti chiedo: perché nel 1998, a seguito dello stesso giochetto (preferenza spostata) andai ad iscrivermi e nel 2003, stesso giochetto, avrei dovuto comportarmi in modo opposto?
    La realtà è che, come ho già detto chiaramente altrove, avvennero dei fatti, nel mese di novembre 2003, per i quali, dopo un franco chiarimento con il presidente dell'Union Manuela Zublena, le chiarii per quale motivo, se fossero avvenute alcune porcherie, non avrei rinnovato le tessera nel 2004. Il presidente mi rassicurò, garantendo che si sarebbe dimessa piuttosto che consentire che le cose che paventavo avvenissero (si tratta di questioni politico/etico/morali, per evitare equivoci...). La porcheria avvenne, nessuna dimissione, Eddy non rinnovò la tessera. Potrei aggiungere che, al momento delle ultime elezioni comunali di Aosta avvennero altri fatto politico/etico/morali deprecabili e mi rafforzai nell'opinione di aver preso la decisione giusta. Non posso dire di più poiché non ritengo giusto fare nomi.
    Entrato in Consiglio mi parve corretto aderire al gruppo dell'Union, pur proclamando ad alta voce che lo facevo da indipendente, poiché certamente, nei voti che avevo preso a giugno 2003 ce n'erano che non mi avrebbero votato se avessi militato in un'altro partito. Poi sono successe tante cose non previste, referendum, posizione sui costi della politica ecc., sui quali mi sono trovato in contrasto nel gruppo e da indipendente nell'Union sono passato a indipendente-indipendente, un po' come il caffé-caffé in tempo di guerra. Tutto il resto è letteratura o, se preferisci, feuilleton.

    ...Io chiaramente non sono così bene informato su come si svolgono le elezioni in VdA... presumendo di sapere chi sei, so che sei invece ben informato su come si svolgono ...ma mi chiedo, se è accaduto ciò,vuole dire che anche Tu hai accettato questo sistema in passato, o no? accettato cosa? Spiegati meglio, accettato cosa? ...e allora perchè arrabbiarsi se la regola è quella, e tu in passato l'hai accettata,e forse, dico forse, ne hai beneficiato anche tu? beneficiato di che cosa, e come? Solstanzia le accuse... ...Sono sicuro che non mi darai una risposta in politichiese. l'errore (che poi hai corretto) mi pare un lapsus freudiano...

    RispondiElimina
  32. consommé all'uranio (24 settembre ore 21,16):
    ti sarei grato se chiarissi che cosa intendi per "dichiarare una maturata distanza dal credo unionista".
    Non ho qui il file, metterò in un prossimo commento il link, ma ti sarei grato se leggessi o rileggessi quanto ho dichiarato entrando in Consiglio lo scorso anno.

    RispondiElimina
  33. Grazie della risposta Eddy,la mia era una richiesta ad una questione diamo così "Aperta" che chiaramente non riguarda solo te, è qualcosa che si chiedono in molti.Visto che siete dei personaggi pubblici non dovete offendervi se a noi poveri elettori,ogni tanto ci vengono dei dubbi e delle curiosità.Ti ringrazio della tua risposta,non era mia intenzione offendere nessuno,perciò a tutti gli anonimi che si sentono in dovere di darti consigli,dico di non preocuparsi, Eddy è capace a rispondere da solo.

    RispondiElimina
  34. e chi si offende? e per che cosa, poi, come ho già avuto occasione di scrivere qui?

    RispondiElimina
  35. anonimo del 26 settembre alle 22.24 chepoiseisempretu
    soddisfatto? ritiri il "visto le NON risposte ai quesiti scomodi"?

    RispondiElimina
  36. anonimo del 27 settembre ore 22.20, chepoihoilsospettochesia sempretu:
    perché disprezzi le piole? uso questo termine con affetto e con rispetto, mia bisnonna era piemontese e mia nonna non ha mai parlato altro.
    Devi avere qualche inconfessato complesso. Qualcuno ha forse parlato qui di "plebei", ha "demonizzato" qualcosa? Perché ti senti in colpa? Lo specchio, anonimo, lo specchio... tot eun...

    RispondiElimina