PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

23 agosto 2008

google olympics: day sixteen

è nato prima il gallo o la pallina?

5 commenti:

  1. Caro Eddy,
    perché l'atletica italiana è caduta così in basso? O è solo una mia impressione?

    RispondiElimina
  2. non è un'impressione, la fidal non ha saputo rinnovarsi e soprattutto adattare la propria struttura e le decisioni di politica di bilancio alle mutate condizioni del Coni e di tutto il mondo sportivo italiano.
    Aggiungi che la dirigenza post-Gola ha continuato nella pratica suicida di pagare le cambiali elettorali con i posti del settore tecnico, che dovrebbe essere l'unico veramente meritocratico e protetto dalla politica, se si desidera veramente ottenere risultati.
    Il settore giovanile è allo sbando, siamo ai proclami ed ai "progetti".
    Si distribuisce a pioggia e si spende a pioggia, senza scelte di fondo.
    Ogni volta, a mondiali e olimpiadi, arriva il redde federationem.
    Ogni voltas la baracca si salva con le medaglie della marcia, un settore deove nessuno mette il naso, i tecnici fanno "liberamente" il loro lavoro, e i risultati si vedono, anche (o proprio perché) si tratta di un'attività tutto sommato fuori standard rispetto al resto dell'atletica.
    Di più non dico.

    RispondiElimina
  3. Beh, hai detto molto.

    RispondiElimina
  4. Come mai, quest'anno, il Coni ha deciso di non mandare propri osservatori a Pechino? Se non ho capito male, questa e' la prima volta in cui lei resta disoccupato, durante le Olimpiadi.

    RispondiElimina
  5. non esageriamo: non sono stato neppure a Montreal '76, a Mosca '80, a Los Angeles 1984, a Seul '88, a Sidney 2000, ad Atene 2004.
    Quest'anno la Giunta Nazionale, della quale faccio parte, ha deliberato di non inviare nessun suo componente a Pechino. Risparmio: oltre 160.000 euro.

    RispondiElimina