PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

12 novembre 2007

referendum n. 3 “Dichiarazione preventiva delle alleanze politiche"

commentate perché e per come siete favorevoli o contrari alla dichiarazione preventiva delle alleanze di governo.

14 commenti:

  1. Aquile e passeri13 novembre 2007 10:02

    Favorevole.
    Per farla finita con la buffonata del nì droite nì gauche e col trasformismo centrista.
    Chissà che ciò non produca l'esplosione dell'UV in più gruppi con collocazioni più precise.
    Io, ad esempio, vedrei con piacere un'UV di destra, simile alla Lega, che governasse insieme ad una CDL un po' più dignitosa di quella attuale.

    RispondiElimina
  2. bruno courthoud13 novembre 2007 12:18

    per aquile e passeri
    Un articolo di fondo molto interessante in ordine al problema in Italia del bipolarismo, comparso qualche settimana fa su La Stampa, che purtroppo non ho conservato, classificava l'UV tra le "leghe locali di fatto".

    RispondiElimina
  3. Alberto Grisero - Aosta13 novembre 2007 16:07

    Vogliamo dirla tutta? Negli Anni '80, nonostante certi inciuci democristiani, non è che si stesse così male! In ogni caso io voto SI', al solo scopo di tirare un bel "pacco" all'Union Valdotaine: mandiamoli a zappare!

    RispondiElimina
  4. Le motivazioni che spingeranno al voto ciascuno di noi sono le più varie; perfino quella di chi non capisce il contenuto della proposta ma ha l'obiettivo di dare un colpo al sistema può starci; io ho deciso per il SI cercando di capire lo scopo e le conseguenze di tutte le proposte di legge.
    Questa in particolare mi trova consenziente perché consente all'elettore di non votare a scatola chiusa e, soprattutto, di non delegare agli "eletti" ogni tipo di scelta.

    RispondiElimina
  5. Si chiede ...volete l'introduzione del sistema italiano in Valle ? Larghe coalizioni con partiti e partitini ogni giorno a ricattarsi, uniti solo nel cercare la vittoria e poi tutti contro! Al peggio non c'è fine dicono...Non sono masochista quindi non voterò il quesito.

    RispondiElimina
  6. Meglio l'alleanza preventiva per il rispetto del programma, rispetto ai successivi accordi "poltronari".
    Sono i posti a sedere che fanno si che le forze politiche non "vadano più d'accordo" (Perrin-Caveri, Ferraris-La Torre), se il programma e le cariche sono condivise fin dall'inizio 8anche dagli elettori), non ci sarebbero problemi di governabilità!

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud14 novembre 2007 14:10

    altra tribuna referendaria:
    finalmente ho capito perché invece di votare NO bisognerebbe stare a casa (non voto); ce lo ha spiegato, con il suo magnifico e convincente eloquio, Vicquéry: "Vogliono far fuori l'UV". Ma Vicquéry, perché proprio l'UV e solo l'UV? Ma siamo seri e dormi tranquillo! Il ne faut pas toujours pleurnicher comme tu le fais!
    A parte l'invito al non voto, chi sa ripetermi quello che ha detto l'ineffabile Albert Cerise?

    RispondiElimina
  8. x Luigi ...Ma se i referendari in paricolar modo Louvin dice che l'alleanza preventiva non sarà comunque vincolante!?!? e tu dici "Sono i posti a sedere che fanno si che le forze politiche non vadano più d'accordo" e infatti portandoli da 35 a 42 certo si andrà più d'accordo quindi al quesito 2 vota SI.

    RispondiElimina
  9. Per anonimo delle 14.10:
    Puoi dirmi dove Louvin dichiara che l'alleanza preventiva non è vincolante? non sono riuscito a trovarlo sul sito di VdaVive.
    Ritengo comunque che l'attuale maggioranza in Parlamento, nella fattispecie al Senato, regga perché, nonostante tutte le diversità fra le forze politiche, hanno un "programma" comune. Se avessero dovuto, solo per accordarsi DOPO le elezioni, far combaciare a forza diversi programmi, sarebbe già caduto da tempo...
    L'aver già digerito preventivamente la diversità e le necessità delle altre forze della coalizione aiuta significativamente la stabilità successiva.

    RispondiElimina
  10. Non sono l'interprete del pensiero di Louvin, tuttavia mi pare che lui, insieme agli altri referendari, dica che l'alleanza preventiva non è obbligatoria. Cioè, se un movimento si crede sufficientemente forte da raggiungere da solo la percentuale che fa scattare il premio di maggioranza, non ha l'obbligo di coalizzarsi; quanto all'obbligo di rispettare il programma che, partito singolo o caolizione, sia stato sottoscritto, soltanto il corpo elettorale alla fine della legislatura sarà giudice.

    RispondiElimina
  11. Ho sbagliato riga, era per l'anonimo delle 20.35. Chiedo scusa a lui e a bc.

    RispondiElimina
  12. x luigi era pubblicato sulla Vallée alla domanda "se un partito o più che ha partecipato al voto sotto la coalizione vincente per ipotesi subito dopo la votazione la dovesse abbandonare cosa accadrebbe?" la risposta di Louvin la puoi trovare sopra cioè "l'alleanza preventiva non è comunque vincolante quindi non accadrebbe nulla" quindi se qualcuno non sarà soddisfatto delle poltrone sarà peggio di ora...

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud15 novembre 2007 19:21

    altissimo tasso di anonimi (e di altro!)in VDA: Il y a des peuples

    RispondiElimina
  14. luigi, c'è sempre l'alleanza con se stesso, come appunto dice martello...

    RispondiElimina