PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

28 agosto 2008

nonsolovalledaosta

imperversano sulla rete le analisi critiche e spesso polemiche sui risultati dell'atletica italiana a Pechino. Ho aggiunto a destra (settore "elenco blog personale") i link a atleticanet, atletica trevigiana , noi velocisti, laurent ottoz e easyspeed, dove il popolo dell'atletica si ritrova, fuori dai recinti federali. Di alcuni trovate proprio solo il link, non essendo abilitati i feed.
Liquidate alcune pratiche di fine agosto che m'impediscono di concentrarmi sul blog, proporrò una mia sintesi sul tema. Gli appassionati di politica valdostana portino un po' di pazienza.
Le prenotazioni per la pizzata dei non cucullati progrediscono. A rilento, ma progrediscono. In privato.

25 agosto 2008

posta da Pechino

Roberto Dujany era a Pechino, preparatore atletico della nostra nazionale di calcio, nel solco della tradizione di eccellenza di molti tecnici valdostani di professionalità riconosciuta, apprezzata e richiesta in campo nazionale ed internazionale, dove vince la logica dell'eccellenza e del merito.
Immenso piacere mi ha fatto la cartolina che ho ricevuto da lui, di cinese quanto inconsueta forma e grafica. Grazie.

pizza per non cucullati

era stata lanciata l'idea di una pizza.
E' chiaro che per gli anonimi mangiare tenendo il cappuccio sarebbe un problema, ma non per gli altri. Chi volesse partecipare può inviarmi un'email utilizzando il link a fianco (privacy, cosa non faremmo per te...). Vediamo se ci sono i numeri per organizzare.

24 agosto 2008

malattia sociale

"L'aspetto sorprendente di questa evoluzione culturale è che i luoghi proibiti dove si daranno convegno i peccatori (sbottonandosi la patta o calandosi le mutande per fare due chiacchiere come si deve) non saranno più i bordelli, o casini che dir si voglia, ma le biblioteche, sotto costante minaccia di chiusura ad opera della Buoncostume letteraria. E la nuova malattia sociale sarà l'intelligenza. Quando tutto questo accadrà ricordati che per la prima volta lo hai letto qui."

(Mordecai Richler - lettera di Boogie a Barney)

google olympics: day seventeen

- games over

23 agosto 2008

google olympics: day sixteen

è nato prima il gallo o la pallina?

più foto

ho quasi triplicato le foto sull'album della motocavalcata Mexico City-New York del '68.
Per accontentare Alberto Grisero ho cercato di renderle più luminose, ma come cromista non sono certo gran che. Se vi va, cliccate qui.

22 agosto 2008

bilinguismo olimpico



Roblés oblige

ou

bonjour Roblés?

grandioso Alex Schwazer formato salvafidal

Alex è l'unico vero erede di Pino Dordoni e Abdon Pamich, portatore di una classe che non è solo frutto della fatica, come invece spesso nella marcia accade.
La marcia è l'unica disciplina dell'atletica nella quale i giudici, brandendo dalla camionetta heka e nekhekha, mamma e papà di tutte le palette, hanno discrezionale potere di vita e di morte, di ammonizioni e squalifiche, ma la superiorità e la tecnica di Alex Schwazer sono state tali da evitargli questi rischi.
La Fidal ha richiesto al Comune di Vipiteno di aggiungere due nomi alla sua anagrafica, arricchendola in Alex Verband Retter Schwazer.

google olympics: day fifteen

più grandi sono, più forte picchiano

21 agosto 2008

quarant'anni fa...

...di questi giorni, le Olimpiadi erano a Città del Messico.
Con Sergio Ottolina e Ito Giani ci eravamo fatti portare (sul cargo del Coni, quello che trasporta cavalli, barche, materiali ecc.) le nostre Laverda 650, per andarci a fare un bel giro negli Stati Uniti dopo le gare. Per i casi della vita Ito e io fummo costretti ad affrettare il ritorno e ci sparammo Città del Messico-New York (7.300 Km) in dieci giorni.
Sto digitalizzando le diapo che mi sono rimaste. Lavoro infame: foto rovinate, colori degradati, un sacco di tempo (da sei a dieci diapo all'ora, da non credere).
Una trentina sono qui, neppure le più belle.

italia-usa 1-1

filo-atlantici fino in fondo, i responsabili delle nostre staffette 4x100 non hanno voluto lasciare soli usa e gran bretagna nel limbo della squalifica.
vera solidarietà.
raccogliamo i meritati frutti del lavoro del nostro settore tecnico: squalificante? squalificati!
il paese del diritto si aggrappa però ai cavilli. più che corsi, ricorsi. vedremo.

immediato sms-commento di un amico (tecnico di velocità): "che vergogna...! X gli interessi di pochi..."
alle 16,12, da un allenatore, un mms: "Complimenti alla gestione dello sprint, ma anche più in generale a quella di tutto il settore tecnico!"

brava elisa!


gli indigeni del Rio delle Amazzoni non praticano lo sport della marcia.
Sono infatti cacciatori di teste, non salvatori di teste.

google olympics: day fourteen

è difficile volare come le aquile quando lavori con i tacchini (arthut bloch)

20 agosto 2008

copycats

sarà esposto dal 28 al 31 agosto alla mostra
"Archeologia Post-Industriale - l'Informatica funzionante"
presso l'ex biblioteca comunale di Palazzolo Acreide (Siracusa), Corso Vittorio Emanuele 4A.

E' un clone di Apple ][ assemblato con parti che all'epoca importavo da Taiwan, venduto in kit per corrispondenza nel 1982, tuttora funzionante.
Per saperne di più cliccare qui, seguendo poi i link Apple e successivamente Apple 2 Ottoz.

C'è tutto un mondo là dietro:
* Freaknet MediaLab, Catania - http://freaknet.org
* Poetry Hacklab, Palazzolo Acreide - http://poetry.freaknet.org
* Dyne.org foundation, Amsterdam - http://dyne.org
* Museo dell'Informatica Funzionante - http://museo.freaknet.org

google olympics: day thirteen

emil zatopek: una lepre chiamata cavallo

19 agosto 2008

quarant'anni fa...


...di questi giorni, le Olimpiadi erano a Città del Messico. Ho tirato allo scanner alcune foto, fatte perloppiù al villaggio, le trovate cliccando qui . Niente di speciale forse per i molti che non c'erano, ma divertenti per chi stava lì, trova, ritrova e riconosce.

beijing's snow food

sauté di mongole
il piatto più ricercato dagli italiani

magia dei numeri


il giorno 17 il medagliere italiano faceva 666

una nuova gialappa's

Letteralmente incredibile, e sottolineo sia il letteralmente che l'incredibile, lo spettacolo di Usain Bolt nei 100 metri, che aggiorna gli interrogativi sulla velocità. Bellissimo e a noi così vicino il nuovo grande primato mondiale di Yelena, con una vena di profumo di palaindoor di Aosta, cornice dello speciale rai dedicatole ieri sera.
Godibilissima la rai. Non avendo concluso con la Gialappa's ha comunque messo su un quartetto che in quanto a comicità non ha nulla da invidiarle. Chi desiderasse un buon commento tecnico non ha che da collegarsi a Eurosport (sky 210) ed ascoltare Giorgio Rondelli, ma il cabaret abita solo su rai 2 e raisport sat, con Marco Bragagna (vedi "fermate Bragagna....!", oppure "fermate l'umorismo autistico di Bragagna"), Attilio Monetti, Stefano Tilli e il supporto di Paolo Bellino, che si conferma specialista in bellinate. Chi rimpiange Francesco Panetta ha proprio ragione.
Ultimo in Europa a chiamare Göteborg "Gotemburgo", Bragagna sta ora innovando l'olandese con il suo gustoso "Van Zail", attribuito al sudafricano (di chiara origine boera) L.J. Van Zyl. Seguirlo sulle sdrucciole assassine e nella pronuncia dei cognomi e delle città è un vero spasso.
Tutto il quartetto è super.
Micidiale "tendenzialmente la prima corsia è sempre vuota" (detto con lieve stupore). La pista di Pechino (e non solo) ha nove corsie proprio per poter lasciare la prima "sempre" vuota per tutto ciò che non sia mezzofondo. Ciò permette sia di avere otto corsie in condizioni di fondo identico, sia di evitare che nelle curve velocisti e ostacolisti debbano beccarsi la temutissima prima corsia. Strano che alla Rai la notizia non fosse ancora giunta. L'affermazione "Tutta la Giamaica, anziché da casa, ha seguito la finale di Bolt in piazza su grandi schermi o nei locali pubblici" istilla il dubbio che, a "casa", i giamaicani la tv non ce l'abbiano proprio tutti.
Inarrivabili "quando corri non devi pensare", "gara difficoltosa, è pur sempre una finale olimpica", "chissà perchè solo una via di periferia", l'eufemistico uso di "assente" per Andrew Howe, per non dire di "qui corrono tutti" (finale dei 3000 siepi). Esilarante.
Tilli osserva acutamente, durante la semifinale dei 400hs femminili, "qui le atlete sono costrette ad andare forte" (strano, alle olimpiadi...). Insiste sulle velociste: "non completano la spinta dietro", malgrado sia noto a chiunque conosca l'abc della tecnica che la spinta dietro "non" va completata, pena correre più lenti. Più maligno infine quando invia messaggi trasversali ad Ascoli Piceno sulla distribuzione dello sforzo nei 400m. Attesissima la risposta di Carlo Vittori.
Dominano insomma l'horror vacui, il terrore del silenzio, il parlare parlare parlare pur di dire qualcosa, il festival dell'ovvio e dell'inutile.
Grazie a Dio le immagini parlano da sole, e parlano bene.

minima lista

sull'intervista di Marco Vierin a Impresa VdA: servirebbe sapere che cosa intende per "dignitoso" e per "esistente". certo è che se esistente bacia la rima con cliente, il semplice dignitoso fa a pugni con riconoscente.
che l'uomo non sia tagliato per le grandi opere è probabile, per la grande opera è sicuro.

google olympics: day twelve

Disprezzate le forme gonfiate dalla plasticità. (Constantin Brancusi)

18 agosto 2008

google olympics: day eleven

Il campione?
Un errore biologico!

17 agosto 2008

16 agosto 2008

google olympics: day nine

multifunction horse

15 agosto 2008

si cambia musica

da nuoto e scherma bollettini di medaglie.
inizia l'atletica: è l'ora dei bollettini di eliminazioni.

google olympics: day eight

le medaglie non si contano, si pesano

14 agosto 2008

google olympics: day seven

when the going get tough, the toughs get going (john belushi)

13 agosto 2008

google olympics: day six

Italian men and russian women never shave before competition...

12 agosto 2008

1927

archiviando mi capitano in mano vecchie foto. questa è aosta nel 1927. in alto a sinistra il vecchio cimitero (oggi parcheggio dell'ospedale), sotto il quale spicca il campanile di saint etienne ecc.
la qualità è quella che è, ma cliccandoci su troverete un sacco di particolari interessanti.

google olympics: day five

tutte le discipline olimpiche sono uguali, ma qualcuna è più uguale delle altre

fisicamente a posto


Dio esiste, ed è un Dio giusto, l'eliminazione di Aldo Montano ne è la prova.
"Brucia perdere, soprattutto quando ti senti bene fisicamente", ha dichiarato dopo la sconfitta.
Appunto, "fisicamente". Resta il fatto che, per l'altro 80% che serve in un'olimpiade, è invece indispensabile il "mentalmente".

11 agosto 2008

10 agosto 2008

9 agosto 2008

google olympics: day two

oggi ciclismo

oliviero

ricevo con sincopato e sintetico email linguaggio da un amico che ho pregato ieri sera di salutarmi Oliviero Beha a Morgex, non potendoci io proprio andare:

"oliviero ricambia i tuoi saluti e si è raccomandato in tal senso,dicendo he è da tano tempo che non ti vede,ha alresi' asserito che dopo aver votato a sinistra finora ,non se la sente piu'.morale riformare gli italiani privi di ogno moralità."

8 agosto 2008

il google del giorno (google olympics: day one)

certamente molti di voi sanno che, in particolari occasioni, sulla home page di google il logo è personalizzato in modo discreto, senza sottolineature, così, lasciando agli internauti il gusto di accorgersene ed apprezzare l'understatement.
oggi si aprono i giochi di Beijing e, qualsiasi ricerca effettuiate, se lo fate dalla home page di google, troverete questo logo.
per rivisitare la storia dei google holiday logo del 2008 cliccate qui.
troverete in fondo alla pagina anche i link per tutti gli holiday logo dal 1999 al 2007.
ognuno è durato un solo giorno, ma, forse proprio perché così effimeri, molti sono veramente belli ed è interessante percorrere con essi un decennio dell'internet.