PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

21 novembre 2007

Oggi ho comunicato al Consiglio (clicca qui) la decisione di aderire al gruppo della Casa delle Libertà. Molti amici e molti frequentatori di questo blog ne saranno delusi, altri meno, altri per nulla...

16 commenti:

  1. Caro Eddy, nel tuo discorso hai parlato della tua migrazione fatta per garantire l'alternanza..a me sembra solo un uscire dalla porta(dal Mouvement) per rientrarci dalla finestra (Vista l'imminente alleanza tra CDL e UV)....o sbaglio?forse il mio discorso è un po riduttivo ma il succo che colgo è questo...

    RispondiElimina
  2. ho appunto scritto stile vierger-like poiché la parola transumanza travalica un po' i limiti del tuo vocabolario.
    Ma com'è che ti senti costantemente chiamato in causa?
    Coda di paglia o coscienza della tua importanza, al punto che ritieni che si parli sempre e solo di te?

    RispondiElimina
  3. sono un anonimo delle 9.38 qualunque e non sicuramente du vierger..il mio era un discorso serio..e non voleva essere offensivo o rompiballe..è solo un'opinione......

    RispondiElimina
  4. mi devo scusare, ho fatto confusione e quindi risposto sul post sbagliato. Il mio commento era indirizzato al post qui sotto, non a questo o a te.
    Sorry.

    RispondiElimina
  5. anonimo delle 9.38
    non sei né offensivo né rompiballe, né sei l'unico a porsi questa domanda.
    Posso solo dire che le cose non stanno così, sta a te credermi o meno.
    La mia dichiarazione in consiglio contiene una serie di elementi su ognuno dei quali è possibile concordare o dissentire. Sui quali è possibile confrontarsi e approfondire, discutere insomma. Come sempre, sono disponibile per questi approfondimenti.
    Quanto a uscire dalla porta per rientrare dalla finestra, sarei già morto congelato, essendo uscito dall'UV nel mese di dicembre 2003, e avendo perciò trascorso all'addiaccio quattro inverni.
    Non sarebbe stato più semplice rientrare dalla porta, direttamente nell'UV, con tessera e tutto l'armamentario? Consideri la mia mente così contorta da rientrare nell'UV passando dalla Cdl? A che pro?
    Ti sarei grato se, con il pieno diritto di restare della tua idea, tu confutassi uno, alcuni o tutti i passaggi della mia dichiarazione in consiglio.
    Le tue obiezioni mi aiuteranno sicuramente a capire meglio come viene percepita fuori del palazzo questa mia scelta di campo.

    RispondiElimina
  6. In linea di massima il tuo discorso potrebbe anche essere condivisibile, anche se non sempre riesco a vedere gli esponenti della CDL come rappresentanti della nostra autonomia...e ultimamente neanche gli unionisti forse..per quanto riguarda il rientro dalla finestra è solo un'impressione che ho, visti i nuovi sviluppi in fatto di alleanze ma se sostieni il contrario rispetto altua idea.

    RispondiElimina
  7. proposta:
    pubblico, in post diversi e successivi, i passaggi della mia dichiarazione in consiglio, in modo che tutti possiate commentarli punto per punto e ne possiamo discutere.
    Non vorrei però martellarvi le ghiandole con questioni che magari non interessano che a me e ad altri due o tre.
    E' una proposta accettabile?

    Per quanto riguarda le future alleanze, esse sono, appunto, future, e richiederebbero passaggi lungi dall'essere stati fatti e poco probabili. Ti ricordo che l'ultimo congresso dell'UV ha deciso che si deve "reouvrir le dialogue avec les gauches" e che il conseil fédéral mai ha modificato quest'indirizzo. La scissione di aoste vive e di renouveau non ha lasciato nell'UV solo uno sporco manipolo di destrimani. Più anime tuttora coabitano e certe scelte sarebbero comunque traumatiche. La presa di distanza di Césal dalla sezione di Courmayeur la dice lunga.

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo con te che l'UV non deve essere piu'" Ni droite mais plus a gauche". Del tuo intervento in consiglio(seguito su internet) sono d'accordo sul fatto che non si può piu' demonizzare il centrodestra.Quando l' UV governava con la DC ,non andava poi così male! Se mi permetti una critica ti dico; dispiace che persone preparate come te non abbiano voluto lottare dall'interno!!Non tutti siamo d'accordo che si debba andare sempre e solo a sinistra,ANZI.....,soprattutto in questi ultimi tempi,ma non possiamo togliere il disturbo tutte le volte che c'è un clima non del tutto sereno.

    RispondiElimina
  9. Alberto Grisero - Aosta22 novembre 2007 16:45

    Premesso che la ex Democrazia Cristiana era più al Centro, rispetto alla Casa delle Libertà (a livello nazionale, infatti, alcuni suoi esponenti sono andati a Sinistra: Prodi docet!) mi sembra, francamente, che Eddy Ottoz abbia risposto con un pizzico di imbarazzo alle domande che gli sono state poste: come mai?

    RispondiElimina
  10. Caro Grisero, vorrei capire dove percepiresti imbarazzo. Invidio la tua acutezza e sensibilità, perché io, povero idiota, mi sono lasciato ingannare e ho inteso solo curiosità, voglia di sapere l'opinione altrui, e di confrontarsi.

    Forse tu preferisci cercare tracce di una coda di paglia che non esiste...

    Riguardo al ping-pong Destra-sinistra, se è per quello ANCHE dalla CdL vi sono state migrazioni a sinistra...
    La tua pseudologica certezza del maggior "centrismo" della DC rispetto alla CdL lascia il tempo che trova.

    La DC era un leviatano che si allargava da entrambi i lati, a seconda dell'opportunità.

    Ma anche convenendo sul fatto che la CdL sia una coalizzazione di centro destra, o anche di pura destra, non vedo perché questo dovrebbe essere fonte d'imbarazzo per eddy.

    Magari spiegamelo tu.

    Forse rosichi perché eddy non si è unito a un gruppo di sinistra per te meno indigesto della scandalosa CdL?

    RispondiElimina
  11. sono l anonimo qualunque..la presa di distanza di cesal non l'ho ritenuta sincera ma piuttosto imbarazzata...le cose dette da francois mi sconcertano un poco e non avessi avuto la logica spiegazione di Eddy delle 14.39 mi convincerei ancora di piu di una migrazione unionista a destra..sempre piu imminente...

    RispondiElimina
  12. l'impressione del lettore è proprio che adesso che la poltrona traballa, va bene abbandonare anche il ni droite ni gauche...

    RispondiElimina
  13. dante , shakespeare und goethe zusammen23 novembre 2007 09:30

    In politica uno non può dire : c'è chi approva e chi no e quindi sentirsi a posto . Il problema è : cosa rappresenta l'UV ? Il male , dico io , e su questo si dovrebbe discutere . Ma tu non lo vuoi fare se non a battute che non entrano nel problema . Come vedi non parlo di alleanze ; Forza Italia è iperprona davanti all'UV per dimostrare che nulla osta alla firma matrimoniale se non l'ok rossonero , perchè quello azzurro valdostano c'è già " a prescindere " . Francamente , tu cerchi di dimostrarti aperto , ma se un tema ti è ostico , o se lo è per i proni azzurri , tu fai l'ostacolista in maniera indeglutibile . Come in questo blog ultrarisulta .

    RispondiElimina
  14. Bravo Eddy!
    Il fatto che tu ti sia riposizionato nel centro destra ufficializzando il momento al dopo-referendum dimostra come tu non ti sia mosso "mastellamente" per salire sul carro dei vincitori (se così si possono definire dei limitatori di libertà).
    Ciò dovrebbe anche zittire chiunque potesse pensare malignamente, tranne i soliti anonimi mali in malafede.
    Tra l'altro non mi sono mai accorto della tua presunta adesione alla frangia sinistra dell'union, e gli atteggiamenti de tous les viérins confirment.
    Opposizione necessaria per uscire dal tunnel unionista.

    RispondiElimina
  15. Alberto Grisero - Aosta23 novembre 2007 16:50

    Egregio anonimo che hai scritto ieri pomeriggio, non sapevo di essere diventato improvvisamente comunista: ti ringrazio per avermi informato, perché non me n'ero davvero accorto!
    La banda D'Alema vada a casa in fretta.

    RispondiElimina
  16. bruno courthoud23 novembre 2007 22:21

    per dante, shakespeare und goethe zusammen
    credo che sia inutile per voi insistere: Eddy Ottoz, in questo momento in cui FI è in "aspettativa", non può certo affrontare l'argomento.
    Non potete cha aspettare il dopo elezioni regionali e relative alleanze (prima non succederà niente).
    Dopo il fascismo e il comunismo è rimasto da noi l'ultimo totalitarismo: quello dell'Uv e relativi cicisbei. Ma nessuno prende il coraggio necessario, né FI, (che, detto tra noi, sarebbe meglio che almeno qui, se vuole essere seriamente un partito liberale e democratico, assuma altro nome), né il nuovo PD, (che non riesce o non vuole liberarsi degli "unionisti"). Tralascio l'analisi delle cosiddette "ali estreme" ed eversive (parole di Caveri in Consiglio), in cui vengono "confinati" (vedi referendari) tutti quelli che non fanno la corte all'UV. Ma tutti i regimi totalitari hanno sempre fatto così.

    RispondiElimina