PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

19 novembre 2007

chiedo scusa a tutti, non ce la faccio proprio, non oggi.

26 commenti:

  1. Non devi chiedere scusa a nessuno , c'hai creduto più di altri .

    RispondiElimina
  2. Si, caro EddY, oggi non è proprio giornata.
    Chi era amico o solamente conosciuto Umberto Parini può semplicemente esserne fiero. Era un grande !
    ... CIAO ...
    Pippo

    RispondiElimina
  3. Chiedo scusa , non avevo capito .

    RispondiElimina
  4. bruno courthoud19 novembre 2007 18:51

    Ciao Eddy
    Io ero ai primi anni del ginnasio, voi agli ultimi del liceo: vi guardavamo con ammirazione, come si fa a quell'età. Ricordo le coppe che Umberto vinceva sugli sci agli studenteschi esposte sugli scalini...ormai tanti anni fa...come ti capisco.

    RispondiElimina
  5. Andrea Vuillermoz20 novembre 2007 13:33

    Mi unisco al cordoglio per la perdita del dott. Parini e do' un abbraccio forte a Carlo Alberto e Federico.

    RispondiElimina
  6. Io credo che tra il quorum come c'è ora che rende il voto non segreto e la sua abolizione possa esistere una terza via: Perchè vincano i si' di un referendum il totale dei si' (e non dei votanti) deve superare una percentuale degli aventi diritto, e che il numero dei si' sia maggiore del numero dei no. In questo modo chi è contrario va a votare sempre e vota no ed il voto è segreto, e nel contempo si salva il principio del quorum che deriva dal fatto che il cambiamento è sempre comunque un costo e che quindi deve essere giustificato da una certa massa critica di interessati.

    RispondiElimina
  7. Penso che sia stato un errore dei referendari il quesito sull'ospedale: molte persone lo vogliono in centro perchè li' è più comodo raggiungerlo, non tutti hanno sempre l'auto e comunque vogliono poterlo raggiungere anche in treno, per non pensare al personale ospedaliero pendolare che usa il treno. Infatti anche tra chi è andato a votare questo quesito non ha avuto molto successo.

    RispondiElimina
  8. alessia molteni21 novembre 2007 08:07

    Le motivazioni per l'ospedale nuovo erano di tipo urbanistico e architettonico . L'uv non sapeva confrontarsi e ha ordinato l'astensione , necessariamente ubbidita da fa , sa , fi , fiou e ferraris . L'ospedale ove è ora incrementerà problemi di traffico e inquinamento che solo chi gira in zona può comprendere .

    RispondiElimina
  9. Ciao Eddy, anche se non ho ricevuto risposta nei miei post referendari ( ma comprendo bene il tuo triste momento ) , voglio ora chiederti un pò malignamente: Il fatto che tu abbia aderito al gruppo della CDL è la consacrazione della nuova alleanza che vedrà l'uv con il neonato partito del popolo o popolo delle libertà? Sai mi è difficile pensare cosa un vecchio ( non di data ma di esperienza ) valdostano, possa avere trovato come affinità elettiva nella corte del principe di Arcore?
    Tua sempre con simpatia
    K.J.

    RispondiElimina
  10. Alberto Grisero - Aosta21 novembre 2007 16:43

    Per la serie: Burro "Mah" della valle "Boh"! Eddy Ottoz passa alla Casa delle Libertà? Ma non apparteneva alla corrente SINISTRA dell'Union Valdotaine? In ogni caso, è senz'altro uno smacco, per i baccani della "V.A.libra", sentire un loro ex che si mette a gridare: "Forza Italia"!

    RispondiElimina
  11. Andrea Vuillermoz21 novembre 2007 17:13

    Lo smacco è per Caveri che lo ha sempre portato sul palmo della mano.

    RispondiElimina
  12. Gli aostani sull'ospedale non mi pare si siano espressi in maniera tanto diversa dal resto della valle. Certo, manca il dato diviso per seggi, magari chi abita proprio nelle vicinanze ha un'altra idea. Pero' puo' anche avere l'idea di preferire di avere l'ospedale vicino a casa piuttosto che in culo ai lupi. Sul discorso viabilità, francamente credo che viale Ginevra sia sostituibile da una via parallela allargabile, non mi pare così problematico, insomma.

    RispondiElimina
  13. Da unionista sono d'accordo con Eddy che è da fascisti giudicare fascista chi vota centro-destra e non centro-sinistra. Già chiamare un partito democratico come se gli altri non lo siano, mi pare francamente una gran caduta di stile. Anche la solfa: maccome, l'union si rifà a Chanoux e si allea con Forza Italia, come se i valori dell'antifascismo e della democrazia non possano essere anche patrimonio della destra, questa pretesa di monopolio dei valori democratici mi sembra un'idea così tanto antidemocratica.

    RispondiElimina
  14. Eddy, che ne pensi della richiesta di rimborso danni fatta dai Savoia?

    RispondiElimina
  15. sono mancino, perciò sinistro e maldestro.
    Non so peraltro da quali indizi o informazioni tu avessi tratto l'indicazione della mia appartenenza alla corrente sinistra (lowercase, non urliamo...) dell'UV, dato che all'UV non sono iscritto dal 2004 compreso.
    Fai un po' tu.

    RispondiElimina
  16. Che delusione da eddy ottoz !

    RispondiElimina
  17. si però è grazie all'U.V. signor Eddy che lei è seduto in Consiglio o sbaglio? la transumanza politica è davvero squallida, irrispettosa, sfrontata quando per essere eletti si è vestito un colore politico per poi cambiarlo in corso d'opera. Per voi coerenza ha ancora qualche significato ?

    RispondiElimina
  18. credo, caro anonimo dallo stile così vierger-like, che le cose siano un po' più complesse. Era prevedibile che, presa una qualsiasi decisione, essa non sarebbe piaciuta a tutti. D'altra parte a te non mi pareva di piacere, quale che fosse la mia collocazione.
    Il tuo voto continuerà a mancarmi, come in passato, lo sputtanamento come in passato continuerà. Ce n'est pas si grave. Me ne farò una ragione e cercherò di sopravvivere.

    RispondiElimina
  19. bruno courthoud22 novembre 2007 00:05

    caro Eddy
    ti invito a continuare a mantenere la tua libertà e indipendenza di pensiero; a noi semplici cittadini non sono certo i partiti o mouvement che possono darci lezioni di coerenza; ci richiedono unicamente di portare il cervello all'ammasso.
    Dopo le squallide vicende di questi ultimi tempi, forse non ci rimane altro che tornare a fare gli spettatori impotenti del teatrino della "politica". Abbaiare alla luna stanca.

    RispondiElimina
  20. Andrea Vuillermoz22 novembre 2007 08:03

    Continui a sbagliare indirizzo Eddy. Aggiusta il tiro...

    RispondiElimina
  21. Alberto Grisero - Aosta22 novembre 2007 16:35

    Scusi, consigliere Ottoz, ma mi risultava che lei appartenesse alla corrente dell'U.V. che fa capo a Dino Viérin (di cui fa parte anche Caveri) che è, per l'appunto, quella sinistra. Mentre la destra (più numerosa in Consiglio Regionale), mi risulta fare capo a Rollandin.
    Se mi sbaglio... mi "corrigerete"!
    (Ohps, mi sono lasciato prendere la mano!)

    RispondiElimina
  22. Caro Grisero... Nessun sordo peggio di chi non voglia ascoltare. Eddy dal 2004 non fa parte dell'UV, inoltre anche quando ne faceva parte, non sono mancate occasioni di dissenso e di discussione in merito alle alleanze e alle scelte politiche del mouvement.
    L'orientamento individuale degli unionisti non è mai né di destra, né di sinistra, ma per la Valle d'Aosta.
    Non sono pochi i delusi che hanno deciso di cambiare strada, delusi profondamente dall'evoluzione del governo regionale.

    Il fatto che l'Union abbia sempre più girato verso Destra e che Eddy ne sia uscito da tempo non lo rende uomo della sinistra.

    RispondiElimina
  23. Alberto Grisero - Aosta23 novembre 2007 16:41

    Oh, che bello: Le Mouvement ha sempre agito per il bene di "Noutra Dsenta Vallaye"! Anche se è pieno autunno, odo gli augelli far cip-cip... Peccato che, dal settembre 1945 ad oggi, l'Union Valdotaine sia solo riuscita asputtanare la Valle d'Aosta in tutta Italia, facendo passare tutti i suoi residenti per dei tontoloni mezzi "francioti" e con la tendenza ad alzare il gomito (provare a vivere un anno in un'altra regione,come ho fatto io negli Anni '80, per credere). E della mentalità sommamente "caprina" dei suoi esponenti, ne vogliamo parlare? Nos-atre discendiamo dai barbari e quindi ci vergognamo dei monumenti di Aosta Romana? Gli Unionisti vadano a zappare: W L'ITALIA sempre.

    RispondiElimina
  24. Je me rappelle encore avec orgueil quand on écrivait partout NON A L'TALIE et HORS DE L'ITALIE , maintenant que triste spectacle. W les vieux arpitan valdôtain.

    RispondiElimina
  25. bruno courthoud23 novembre 2007 22:28

    "que triste spectacle"
    "les vieux arpitan"
    giù le mani dal francese! merita rispetto come ogni lingua.
    Se usciamo dall'Italia, chi ci dà soldi e contributi? ci tocca ricominciare a lavorare sul serio! E poi: chi ci vuole?

    RispondiElimina
  26. Alberto Grisero - Aosta25 novembre 2007 17:58

    Egregi "arpitani", vi ricordo che lo stesso Bruno Courthud (che non è precisamente un fascista), ha ricordato di quando il prefetto di Aosta scrisse al Ministro degli Interni: "i valdostani sono dotati di un cervello amorfo!" In effetti i "vrais valdotains" non sono all'altezza di apprezzare la Nostra Superiorità Italiana (anzi, la temono). Tra l'altro, siamo stati Noi ad insegnarvi a leggere e scrivere: sbaglio o nascevate nelle stalle, in mezzo al letame? Ci dovete gratitudine ed obbedienza eterne.

    RispondiElimina