PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

31 gennaio 2012

25 gennaio 2012

ecco perché "Sprint & Hurdles"...

 Sandro Calvesi, Guy Drut, Eddy Ottoz (photo L'Equipe)


a chi tra voi s'interessa atletica, e a chi è stato con noi ad Aosta domenica per il Meeting "Sandro Calvesi - Sprint & Hurdles" segnalo il pezzo di Giorgio Rondelli sul Corriere

http://dicorsa.corriere.it/2012/01/22/sandro-calvesi-il-mago-degli-ostacoli/

18 gennaio 2012

gli acquisti
al tempo d'internet

sei iscritto all'università in qualche corso d'informatica e tra i libri di testo standard devi comprare la bibbia dell'introduzione a Java, Thinking in Java di Bruce Eckel.
L'edizione originale è un bel mattone di 1.500 pagine. Ovviamente ti consigliano l'edizione italiana, che è stata suddivisa in tre volumi (588, 751, 431 pagine rispettivamente), venduti, già con lo sconto, ad un totale di 96 euro e 45 centesimi.
   Ti manca come sempre la certezza sulla qualità e la chiarezza della traduzione, per cui te lo cerchi sul web in inglese e scopri che, consegnato a casa, l'originale te lo vendono per 41,30 euro, il 55% in meno della copia.
No comment.

14 gennaio 2012

da successo a successone

Anche oggi la rassegna stampa Coni ignora l'atletica. Tre giorni consecutivi. Sicuramente colpa dei giornali...

13 gennaio 2012

successo mediatico

per il secondo giorno consecutivo sulla rassegna stampa Coni neppure un articolo di atletica...

12 gennaio 2012

capisci a me...
(come ti erudisco il pupo)

Sentita l'altra mattina alla radio da uno scrittore siciliano che, parlando del suo ultimo libro, raccontava un illuminante episodio di "capisci a me".
Dunque a Palermo, il nostro, da giovane, vede un posteggio libero e ci infila la sua auto. Non fa a tempo a scendere che sente picchiettare sul vetro, abbassa il finestrino e un tale gli dice: "Guardi che questo posto è occupato".
"A me invece sembra libero, risponde, né vedo alcun divieto, lascio la macchina qui", e scende dall'auto per recarsi in un ufficio vicino dove lo attende una pratica da sbrigare.
Torna dopo un po' e, mentre si avvicina all'auto, un SUV nero gli attraversa la strada e va a urtare la sua macchina di taglio, sfondandogli la fiancata. Scende un signore distinto: "mi scusi, mi scusi tanto, non avevo visto la sua auto, mi spiace davvero. Sa, parcheggio sempre qui. Comunque sistemiamo subito le questioni assicurative, è chiaro, il torto è solo mio, le firmo subito la dichiarazione. Anzi, dato che non c'è molto traffico, andiamo all'angolo a prenderci un caffé, è il minimo che posso fare, poi sistemiamo tutto".
Vanno al bar, il signore distinto offre il caffè ma, quando tornano all'auto, il SUV è scomparso.
"E la sua macchina?" chiede il nostro.
"Quale macchina?" risponde il distinto signore. "La sua, quella che mi ha urtato". "Non so di che cosa parli, io non ho visto alcuna macchina, è proprio sicuro? Io sono venuto qui a piedi".
Il nostro capisce l'antifona, sente le gambe molli: "Mi scusi, mi sono sbagliato, non so che cosa mi abbia preso...", ringrazia per il caffè, apre con difficoltà la portiera sfondata e se ne va. Porta l'auto dal suo carrozziere.
Quindici giorni dopo, quando la ritira e chiede il conto, il carrozziere gli dice: " Non mi deve nulla dottore, il conto è già stato saldato...".

Referendun, Cosentino, l'Italia è un'altra cosa, vallo a spiegare alla Merkel, Mario...

10 gennaio 2012



fa più danni
la bontà dei cattivi
o la cattiveria dei buoni?

7 gennaio 2012

europa delle mie brame


a dire il vero, l'avevo visto, mi pare su Rai3...

pota, we can!



AAA cercansi volenterosi per versione patois,
eletti astenersi

1 gennaio 2012