PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

12 marzo 2008

moderazione

da ieri pomeriggio ho tolto due commenti di fettallattuzzi in "par condicio, ma non pi..o": il primo un farcito di cose vere, di altre verosimili e di alcune false, tali da prefigurare una situazione complessivamente distorta, il secondo una minaccia, se io non avessi pubblicato il primo, di mandare tutto non so dove e di integrarlo con altro, della serie: "dirò tutto".
Non attacca, "facci pure...".
Ho inoltre "moderato" un messaggio di Bruno Courthoud al quale do risposta privata. Ho cassato anche un alberto grisero che discettava sul comportamento sessuale dei sacerdoti. Non mi è sembrato il caso.
Il resto è pubblicato.
C'est tout. Tanto vi dovevo.

13 commenti:

  1. bruno courthoud12 marzo 2008 18:58

    potrò leggere il tuo messaggio privato sul sistema "Vallée d'Aoste", di cui ti ringrazio fin d'ora, non appena riavrò il mio portatile. In questo momento è ricoverato in ospedale, gravemente infetto. Speriamo che non sia AIDS e che possa riprendersi.
    Per quanto concerne le elezioni, per quel che mi concerne, potremmo andare a votare anche domani. Risparmieremmo tempo, soldi, e una gran rottura di c....... per noi cittadini (quella che chiamano campagna elettorale). E potremmo subito pensare a cose più serie (ad es. ad abolire il sistema "Vallée d'Aoste".

    RispondiElimina
  2. bruno courthoud12 marzo 2008 19:37

    Sistema "Vallée d'Aoste"
    Quand'ero militare a Firenze (centralinista ad un Comando Zona), il centralinista di turno, un simpaticone di Catania, dimenticò di trasmettere un messaggio cifrato al collega di una caserma operativa di Siena (era l'allarme per una esercitazione). Il giorno dopo preparò lo zaino e prese il primo treno per un'anonima caserma in Friuli (Casarsa, paese natale di P.P.P.).
    Il geologo Massimo Pasqualotto ha omesso di segnalare a chi di dovere segnalazioni di grave pericolo (nel frattempo da dirigente di terzo livello è stato promosso a dirigente di secondo livello). Ha già riscosso la solidarietà dei suoi superiori, nonché promesse di ulteriore carriera (così mi riferiscono fonti molto affidabili).
    Intanto sembra che qualcuno integri abbastanza regolarmente il proprio magro stipendio con risarcimenti susseguenti a diffamazioni varie, non è vero Grisero?
    p.s. Il sistema "Vallée d'Aoste" (spoils system e dintorni) non mi starebbe così tanto a cuore, se, a parte le vicende personali:
    1) non avesse messo in condizioni un unico mouvement di impadronirsi di tutte le leve del potere e sottopotere, nonché di tutto l'apparato amministrativo (le analogie con il ventennio sono più che evidenti);
    2) non costringesse una quantità di persone che hanno l'unico difetto di essere responsabili ed oneste a vivere in cella d'isolamento o meglio, congelate in frigorifero, senza poter dire niente, pena ricatto, e a mangiare m.... quotidianamente e a dover anche dire che è buona. Parlo soprattutto per loro.

    RispondiElimina
  3. Il Grande Orso13 marzo 2008 10:10

    Intervengo qui per non far cadere la discussione che, altrimenti, rischierebbe di rimanere nascosta troppo indietro.

    La tua risposta, Eddy, all'intervento in cui ti chiedevo di fare chiarezza, non è sufficiente.

    Credimi se ti dico che non sto polemizzando da nemico o da avversario ma da cittadino che vede con amarezza il polo moderato disfarsi prima di nascere.

    Allora vediamo:

    Tu dici: "A livello nazionale, e romano soprattutto, Storace ritiene di poter attrarre molti elettori di AN scontenti di dover rinunciare al proprio simbolo. Certamente al PDL avrebbe fatto comodo averlo dentro, ma Storace non ha accettato. Non è che le sue idee siano più di destra di quelle di Alessandra Mussolini, la quale ha ritenuto, con il "porcellum" di non farcela ad avere rappresentanza, ossia di non superare le soglie.
    Puri ragionamenti pragmatici di convenienza politica.
    In Valle d'Aosta il collegio è uninominale e i voti, per chi non viene eletto, sono persi, ossia non vanno a sommarsi ai voti nazionali. Ad esempio i voti che prenderà la Lega saranno persi e basta."


    Sono d'accordo con questa analisi.

    Però poi dici: "Definire Borluzzi ilperliberale e iperliberista è umoristico, soprattutto contrapponendolo ad Aloisi. Che poi Borluzzi ami Berlusconi, come dici, non risulta. Ma non è questo il punto.
    A livello nazionale Alessandra Mussolini non attacca la Costituzione, qui in Valle d'Aosta Borluzzi non digerisce lo Statuto, legge costituzionale, appunto.
    Aloisi è stato più pragmatico in Valle, Storace meno, ma disponibile a correre il rischio, a livello nazionale. Borluzzi è più estremista in Valle, Alessandra Mussolini più pragmatica a Roma.
    Tutto qui."


    Qui mi spiace dirti che si tratta di una caduta di stile.

    Conosco personalmente Borluzzi dal 1995, quando lo conttatai perché desideravo entrare in AN, progetto poi abortito, e so che, pur avendo sulla storia patria idee minoritarie (che io condivido, e questo ci unisce) si colloca oggi su posizioni sicuramente liberali e liberiste (talmente liberiste che io stesso a volte lo critico perché troppo poco "sociale". Allo stesso modo so per certo che è un estimatore del Cavaliere, cosa che lo distingue parzialmente da me che invece a livello nazionale ho simpatie un po' più destre.

    Ma al di là della sua persona, che alla fine non è che interessi più di tanto in questo dibattito, è sulle sue posizioni circa la Costituzione che prendi un granchio. Borluzzi non attacca la Costituzione, attacca lo Statuto Speciale che ne è una appendice e che ne contraddice gli artt. 2 e 3.

    Borluzzi afferma che i principi della Costituzione sono calpestati in quanto i cittadini valdostani sono obbligati, a differenza degli altri, a praticare un bilinguismo coatto che una minoranza vuole per ragioni ideologiche e che la massa accetta per convenienza. Egli afferma poi, giustamente, che noi siamo cittadini di serie B in quanto non ci è permesso di votare per scegliere il capo del governo e neanche di concorrere col nostro voto a far crescere questo o quel partito nazionale. Perché gli dai dell'estremista?

    Puzza, Eddy, puzza di tentativo del PDL di accreditarsi come possibile socio di governo dell'UV tagliando fuori l'unica voce che reclama il rispetto di quei cittadini italiani che tali si sentono.

    Su Aloisi poi stendiamo un velo pietoso; uscito dal MSI è andato coi socialisti poi è tornato in AN e adesso ha fondato LaDestra in un momento e con una tempestività che sono ben più che sospetti. A un uomo qualunque come me che si interessa un po' di politica viene il dubbio che l'operazione StoraceVDA sia stata pilotata da gente di FI e AN allo scopo di acchiappare e affidare il simbolo de LaDestra a un personaggio disponibile a intese poco consone con la politica di Storace (e la scelta di Aloisi è stata perfetta) onde depotenziarne la possibile carica dirompente.

    Insomma, parrebbe che nel centrodestra aostano si muova di tutto meno che i valori si cui tale schieramento fonda la sua stessa nascita, capisci?

    Per questo ti chiedo di uscire dal pantano e di non schivare il discorso, anzi di voler essere onesto e trasparente anche in questo momento, come hai fatto tante altre volte.

    Con sincera stima

    Il Grande Orso

    RispondiElimina
  4. Alberto Grisero - Aosta13 marzo 2008 17:59

    Egregio Eddy Ottoz, constato che la pubblicazione dei commenti filtrati procede col contagocce, anche perché lei è troppo impegnato nella duplice campagna elettorale, per potersi occupare meglio il suo sito: tanto varrebbe, quindi, che lei lo chiudesse fino al 10 giugno, per non perdere tempo tutti e quanti, grazie.

    RispondiElimina
  5. egregio alberto,
    non se se l'inserimento della "moderazione" del blog vi stimoli a postare commenti "sempre più tosti" per verificare fino a quale punto vi lascio spingere. Resta il fatto che, dopo aver moderato ex-post due commenti in un anno, in due giorni ho dovuto segarne ex-ante molti di più. Nel tuo caso, prima discetti sulla vita sessuale dei sacerdoti, oggi mi hai inviato un commento su magistrati che operano ad Aosta.
    Ovviamente no pasaron y no pasarán.

    RispondiElimina
  6. bruno courthoud13 marzo 2008 22:52

    In margine alla solidarietà espressa oggi dalla C.M. Mont Rose all'attuale detenuto agli arresti domiciliari Pilatone e pertanto sempre a proposito del sistema "Vallée d'Aoste":
    se partiamo invece dal presupposto che il sistema "Vallée d'Aoste" (spoils system e dintorni, nomine, partecipazioni, ecc.) sia una cosa buona, dobbiamo invece concludere che sono i nostri attuali amministratori ad essere sprovveduti, poco oculati e incompetenti nelle loro scelte, e pertanto da sostituire in blocco alle prossime elezioni. Infatti:
    Viérin (e neppure la sua segretaria particolare) non si accorgono nemmeno di lavorare ogni giorno fianco a fianco con un dirigente (Maccari) che gliene combina più di Bertoldo, quando invece tutto l'ufficio e non solo, lo sa;
    a suo tempo Vallet (e il suo coordinatore Rocco) idem nei confronti di un geometra (Bassignana) a cui hanno affidato milioni di euro del dopoalluvione;
    Lavoyer non si accorge che la sua segretaria particolare (Carradore) paga le vacanze ad amici e fidanzati;
    Cerise (e il suo coordinatore Rocco) danno l'incarico di geologo regionale (Massimo Pasqualotto) ad un tecnico che non si rende conto della gravità del pericolo, nonostante gli avvisi in tal senso (che non li sappa leggere?)
    Un sindaco (Challand-Saint-Anselme, che, anche lui, non si rende conto che il segretario comunale (Pilatone) che si è scelto (?) gliene combina di tutti i colori sotto il naso!
    Insomma, per quel poco che se ne sa, una classe politica molto sprovveduta ed ingenua, oltreché incapace di scegliersi dei collaboratori con un minimo di affidabilità e di competenza professionale! E non si ravvedono neanche di fronte all'evidenza!

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud13 marzo 2008 23:00

    cosa succederà se per disgrazia dovesse cambiare il colore (i colori) della Giunta regionale? Un fuggi fuggi generale di dirigenti? E verso dove? Conversioni di massa sulla via di Damasco? (la conferma o meno degli attuali dirigenti e la riorganizzazione di uffici e competenze sarà uno dei primi atti che dovrà assumere la nuova Giunta)

    RispondiElimina
  8. viva st.moritz14 marzo 2008 07:22

    L' Ansa 450000 per ragioni tecniche tace dalle 0.30 di stamane alle 11 , ok . Ma La Stampa ci informa che ieri alle 17 è stato presentato il ricorso dei candidati DS ricusati . Eddy , il tuo commento sul fatto che dalle 17 di ieri alle 0.30 di stamane un'Ansa non può non dare una tale notizia , specie se si tratta non di un'Ansa standard ma di un'Ansa 450000 .

    RispondiElimina
  9. ...e non riescono a fare tutto...

    RispondiElimina
  10. Strano, Bruno, prima critichi quello che tu definisci lo spoil-system alla valpellinense, e poi però ne invochi la piena attuazione come primo provvedimento di un'eventuale nuova Giunta.

    RispondiElimina
  11. bruno courthoud14 marzo 2008 22:45

    non invoco nulla. Faccio solo presente che, se lo spoils system non viene abolito prima (cosa impossibile), uno dei primi provvedimenti che, per legge, dovrà assumere la nuova Giunta, sarà il rinnovo o meno degli attuali incarichi, che decadono insieme alla legislatura: così prevede la legge!

    RispondiElimina
  12. bruno courthoud14 marzo 2008 23:00

    comunque, sull'argomento, ho ormai la voce un po' rauca e ogni tanto ho l'impressione di abbaiare alla luna, cosa che non mi è mai piaciuta. Probabilmente occorrerà aspettare di aver raggiunto la fossa delle Marianne (13.000 m. circa sotto il livello del mare). Infatti, neanche gli scandalucci a livello locale e gli scandaloni a livello nazionale (dove ci sguazzano tutti, a destra come a sinistra), sembrano interessare più di tanto l'opinione pubblica (a parte Beppe Grillo, che dovremmo ringraziare, visto che qualcosetta sembra muoversi) e la politica (oggi a me, domani a te), nonostante le preoccupazioni di autorevoli commentatori (economisti, non moralisti).

    RispondiElimina