PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

9 marzo 2008

meglio prevenire che sopprimere

quando il mercato degli attentati ristagna, i cecchini ("sniper" in inglese), per non stare con le mani in mano, si tengono allenati con le campagne elettorali. Questi mercenari si mettono a disposizione delle segreterie dei partiti per il killeraggio su commissione. Si va dal linciaggio dell'avversario durante le primarie a quello del candidato premier durante la campagna elettorale vera e propria. A volte, come da noi (vedi La Stampa di ieri), dato che prevenire è meglio che reprimere, il compito di questi specialisti consiste nel cercare d'impedire alle liste avversarie di trovare candidati. L'arma preferita è un fucile telefonico ultraleggero (NokiArmalite AR-15/M16 o Remington 22/250), di facile trasporto e occultamento, dotato di silenziatore. Tre tipi di munizioni a scelta: tutte utilizzano il bossolo WYF "Watch Your Family" (guarda che tieni famiglia), con la possibilità di scegliere, a seconda dei casi, fra tre proiettili, identificati con la lettera P ("persuasion"), I ("intimidation") o M ("menace").
Nella foto a sinistra la squadra del SPST ("special political sniper team") in allenamento alcuni mesi fa in una località segreta. Unico a viso scoperto l'istruttore Henk Kraaijenhof, specialista in D&DO ("doping & dirty operations", doping e operazioni truccate), consulente della Juventus in era pre-guarinelliana. Kraaijenhof stesso ha intitolato la foto "still working for the best". I due in ginocchio a sinistra si stanno occupando in questi giorni del cecchinaggio di Barack Obama per conto della famiglia Clinton. A fianco di Henk i quattro specialisti che seguono la campagna elettorale in Spagna (tre lavorano per Zapatero, uno per Rajoy, l'Eta è autosufficiente).
I tre in piedi a destra lavorano da un paio di settimane in Valle: installato lo scudo termico per proteggere Fosson e Perron da candidature pericolose, stanno ora definendo un nuovo "contratto" per le regionali.
Per non continuare a dipendere dall'estero, l'UV (foto a destra), con la collaborazione della Guardia Nazionale statunitense, ha inaugurato ieri all'aeroporto di Saint-Christophe la scuola di cecchinaggio DFA (Difesa Forte dell'Autonomia).

35 commenti:

  1. Che " discussione " del membro !

    RispondiElimina
  2. membro non so
    discussione non mi pare

    RispondiElimina
  3. bruno courthoud10 marzo 2008 07:57

    Alle comunali, nella maggior parte dei comuni valdostani, l'Union ha sempre usato simili metodi molto democratici.

    RispondiElimina
  4. Tutto questo perchè il PDL non ha accettatto la Sua candidatura alla camera?

    RispondiElimina
  5. sii più chiaro, fammi capire meglio...

    RispondiElimina
  6. bruno courthoud10 marzo 2008 15:25

    Cesal a Courmayeur ha detto che la Triplice Alleanza (+ UDC occultata) deve vincere "ad ogni costo". Più chiaro di così!

    RispondiElimina
  7. Alberto Grisero - Aosta10 marzo 2008 16:43

    Apprezzo molto l'ironia contenuta nel post di Eddy Ottoz e davo dire che, a proposito di "difesa forte dell'Autonomia" ho provato imbarazzo e vergogna nel leggere, sulle pagine piemontesi de La Stampa del lunedì, la minchiata demenziale pronunciata da Caveri: mi permetto di ricordare a Don Luciano... Moggi (magari!) che egli è Prefetto della Repubblica Italiana, alle dirette dipendenze del Ministero degli Interni e agli ordini della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Vogliamo dirla tutta? Caveri sta solo recitando una commedia di bassa... Lega (!) perché sa benissimo di avere fatto carriera grazie a "benefits" romani: come credete sia riuscito, altrimenti, a farsi eleggere all'Europarlamento e a fare il Sottosegretario nel Governo D'Alema?!

    RispondiElimina
  8. Tubie de sen Marci10 marzo 2008 16:50

    VDA LIBRA LIBERAXON!!!

    RispondiElimina
  9. Alberto Grisero - Aosta10 marzo 2008 17:13

    La Valle d'Aosta va liberata dai baccani servi dell'Union Valdotaine et similia:
    ANDATE A ZAPPARE E LAVATEVI!
    W l'Italia sempre.

    RispondiElimina
  10. batesar,
    sai che mi sembri proprio un finto batesar?
    Ma finto.

    RispondiElimina
  11. non urlare, alberto, un po' di contegno...

    RispondiElimina
  12. ma è possibile che ce l'abbiano tutti con te?! Sembra che la Valle d'Aosta pulluli di comitati occulti (politici, informativi, economici ...) il cui unico scopo è quello di impedire al tuo genio di esprimersi... non stai un po' esagerando?

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud10 marzo 2008 19:22

    tubie de sen marci sta già forse organizzando la quarta revolution des socques? si è esaltato dopo aver sentito il tribuno della plebe Caveri a Courmayeur?
    per eddy
    ma davvero volevi amdare alla Camera? a che fare? non è che lì richiedano molto genio, quello di Perron basta e avanza.

    RispondiElimina
  14. a quali comitati occulti ti riferisci? Chi ne ha parlato? Io no di certo. Se ti riferisci al testo di "è meglio prevenire che sopprimere" hai probabilmente frainteso (o non sono stato chiaro), rileggi l'articolo de La Stampa al quale fa riferimento e forse capirai meglio.
    Ti sarei grato se mi spiegassi da che cosa, di quello che io scrivo, deduci una paranoia cecondo cui occulti comitati agirebbero con il solo scopo "di impedire al tuo (intendi mio?) genio di esprimersi..." Non capisco a che cosa ti riferisci. Potresti essere più chiaro?
    Se invece ti riferivi ad altri che intervengono qui nei commenti, scusami, sono io ad averti frainteso.

    RispondiElimina
  15. bruno courthoud10 marzo 2008 19:29

    per gli adepti alla religione druidica locale: avete ancora qualche fedele da batesare?

    RispondiElimina
  16. prova a spiegarmi, bruno, come avrei potuto arrivare alla camera.
    In base a quali parametri puoi credere che il pdl abbia possibilità di battere Perronikko?

    RispondiElimina
  17. non è ancora il giro buono.

    RispondiElimina
  18. bruno courthoud10 marzo 2008 22:26

    non lo so; era solo perché il batesar delle 7.58 sembrava accennare ad una tua candidatura alla Camera (o ad una tua voglia di candidarti), però non so se ho capito bene batesar o se è lui a non essersi spiegato bene. Io sono un po' tardo nel capire certe sottigliezze.

    RispondiElimina
  19. bruno courthoud10 marzo 2008 22:29

    Aspettiamo che torni e che magari si spieghi meglio

    RispondiElimina
  20. era solo un orgasmo di natura masochistica.

    RispondiElimina
  21. quando mai?
    Il tuo...
    (leggete bene i post precedenti)

    RispondiElimina
  22. Nega forse di essersi proposto quale candidato alla Camera per la PDL Valdostana?

    RispondiElimina
  23. per orgasmo masochistico mi riferivo prima - e coerentemente mi riferisco ora - alla definizione di stupidità di Mario Cipolla:
    "una persona stupida è una persona che causa un danno a una persona o a un gruppo di persone - qullo del gruppo è il caso in questione - senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita".
    Questo mistificatore, che vuole ingannarci sulla sua provenienza usurpando il nick batesar, fa del male a sé e al proprio gruppo masturbandosi pubblicamente in modo anonimo (ossimoro che solo internet consente).
    Purtroppo non è solo stupido, ma anche così poco intelligente da non averlo capito.
    Solo chi sa chi è può capire che cosa stia facendo. Quindi è una specie di voyeur per pochi non eletti che si sceglie i pochi spettatori. E siccome non c'è coincidenza temporale tra il suo orgasmo e il suo dolore (danno differito), per un masochista come lui l'orgasmo senza dolore non è 'sto gran che, il successivo dolore - senza orgasmo - sarà però più doloroso.

    RispondiElimina
  24. Esatto:
    nego di essermi proposto quale candidato alla Camera per la PDL Valdostana?

    RispondiElimina
  25. scusate l'errore del punto interogativo nel precedente commento, dovuto a taglia & incolla. Scrivo più chiaro:
    il sottoscritto Eddy Jean Paul Ottoz nega di essersi proposto quale candidato alla Camera per il PDL valdostano

    RispondiElimina
  26. Bugia, bugia, bugia.

    RispondiElimina
  27. C'è qualche anima buona che mi traduce in italiano la parola BATESAR ? Grazie .

    RispondiElimina
  28. è il nome Baldassarre in patois, o se vuoi uno dei tre re magi.
    Era il nome con il quale, agli albori della Rai valdostana, nel giornale radio La Voix de la Vallée, Pietro Vietti, in un quotidiano cammeo in patois, dava suggerimenti per insegnare e diffondere tra gli agricoltori i segreti della tradizione agricola valdostana.

    RispondiElimina
  29. Alberto Grisero - Aosta11 marzo 2008 16:45

    Vi ricordate, negli Anni '70, quando il "gazzettino della Valle" andava in onda su Radio 2, alle 12.10 e alle 14.00, e vi trovavano spazio, alla fine, le pubblicità regionali?

    RispondiElimina
  30. Merci bien .

    RispondiElimina
  31. Alberto Grisero - Aosta12 marzo 2008 15:58

    Fettallatte che ringrazia in franco-patois? O sta prendendo in giro qualcuno o qualcun altro sta usando abusivamente il suo nick-name: i conti, altrimenti, non tornano!

    RispondiElimina
  32. Voi, 4 sfigati che scrivete, siete più divertenti di Zelig. Grazie di esistere; quando mi sveglio e leggo i vostri posts (orientati sempre a difendere le posizioni acquisite piuttosto che i contenuti veri e propri) la mia scarsa autostima si impenna ed il buon umore sale.
    Mi firmo : anonimo confuso per Andrea Vuillermoz (in altro tema).

    RispondiElimina
  33. Alberto Grisero - Aosta13 marzo 2008 16:33

    Egregio "Anonimo confuso per andrea Vuillermoz" lo sfigato sei tu! La mia autostima s'impenna ed il mio buonumore sale quando penso che, tutti i frustrati (oltreché limitati) che votano per l'Union valdotaine (et simìlia) si dànnano per difendere un' "autonomia" che, fra qualche anno, per fortuna non esisterà più...

    RispondiElimina