PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

5 marzo 2008

dizionario politico




infornation technology

kamasutra digitale







adsl per tutti
la banda Largotti

39 commenti:

  1. Chi ha disagi li approfondisce , gli altri parlano per sentito dire . Non ho problemi di banda larga e penso che , al di là della battuta sui largotti , forse 4 righe su promesse e realizzazioni adsl nei vari comuni sarebbero state ottimali .

    RispondiElimina
  2. era, nelle mie intenzioni, un semplice divertissement, nulla più. Sei alla conferenza della settimana scorsa sull'e-government e durante la noia di alcune relazioni la tua mente vaga libera ai margini e nei paraggi dell'argomento illustrato. Ti vengono così in mente bagatelle come queste, pure entertainment, contenuto ideologico zero, come diceva il mio amico Walter Arossa quando spiegava perché gli era piaciuto Indiana Jones e i predatori dell'Arca perduta.
    Se poi vogliamo parlare del problema della banda larga (non larghina) per tutti, che ritengo importante, sarebbe certo utile.

    RispondiElimina
  3. Alberto Grisero - Aosta6 marzo 2008 16:37

    Egregio Eddy Ottoz, le pongo una domanda che esula: lei sa dirmi fino a che punto sia "blindato" il Segreto Bancario in Svizzera? Glielo chiedo perché, una persona a mé vicina, ha un conto corrente su cui giacciono dei fondi di proveninza comunista, che risalgono agli Anni '70. A quell'epoca, costui frequentava ambienti legati alla Sinistra Nazionale ed aveva un ruolo ambiguo che non sono mai riuscito a definire meglio. Negli Anni '90, durante una cena alla quale parteciparono due coniugi di Aosta (che possono confermare) egli confessò che, nel lontano 1973, l'ex P.C.I. (o chi per esso) lo incaricò di... incendiare il tunnel del Monte Bianco, qualora in Italia si fosse verificato il golpe fascista di Junio Valerio Borghese (sic!)
    A mé interesserebbe che quei soldi venissero confiscati dallo Stato Italiano.

    RispondiElimina
  4. Batesar 20016 marzo 2008 17:12

    RICOVERATELO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Alberto Grisero - Aosta6 marzo 2008 17:31

    Egregio baccanotto, ci hanno già provato, a farmi ricoverare (chiedere allo psichiatra, o sedicente tale, F.C.) e ci stanno provando tuttora ma, per mia fortuna, il mio tasso di astuzia è superiore a quello dei valdostani e dei comunisti. In ogni caso, è bello constatare che anche i proletari con la Terza Media chattano su Internet...

    RispondiElimina
  6. su, ragazzi, un po' di contegno, o, se volete, netiquette...

    RispondiElimina
  7. Mario Vietti6 marzo 2008 17:45

    So che non esiste nessun diritto sul nome, tuttavia mi fa un po' di tristezza vedere utilizzato lo pseudonimo con il quale mio padre era piuttosto conosciuto in Valle per queste piccole querelles.

    RispondiElimina
  8. inconvenienti dell'anonimato, Mario, il rispetto della libertà altrui c'impone il suo prezzo.

    RispondiElimina
  9. bruno courthoud6 marzo 2008 18:00

    sarò noioso fino alla nausea, ma continuo a ripetermi. Oggi hanno arrestato (arresti domiciliari) il segretario comunale di Challant-Saint-Anselme (gravi reati nella conduzione degli appalti comunali); il sindaco Grosjacques e imprenditori sono indagati. Ricordo che ormai i segretari comunali sono l'alter ego del sindaco, suoi fiduciari. Ma vi rendete conto che con lo spoils system abbiamo legalizzato la "delinquenza amministrativa?" che cosa deve ancora succedere? Dopo le elezioni amministrative una segretaria comunale demansionata e chiusa in cella d'isolamento (quindici anni di attività e regolare concorso a suo tempo vinto) era disperata ed ha pianto dinanzi a me parlandomi della sua situazione. La sua sola colpa: essere onesta.
    Il mio numero telefonico, poi utilizzato per minacce di morte a me ed ai miei familiari, era stato a suo tempo prelevato da una lettera riservata da me indirizzata al sindaco e al segretario comunale di rhemes-saint-georges. Questa è l' "autonomie communale", o se preferite "maitres chez nous". Io la chiamo "cosa nostra" o se preferite "bague de nos". Sento che questo paese ormai non mi appartiene più.
    Divertitevi con le vostre previsioni elettorali.

    RispondiElimina
  10. al di là di ogni altra considerazione, sono vicende che lasciano un sapore amaro in bocca e ci mettono tristezza per questa nostra valle.

    RispondiElimina
  11. bruno courthoud6 marzo 2008 18:37

    di questo ringraziamo l'ineffabile Dino Viérin e l'UV tutta, i complici allora DS che, anche loro, ne hanno approfittato a piene mani, il complice forse (?) ingenuo Elio Riccarand, allora in Giunta. Grazie. Comunque all'UV continua ad andare bene così.

    RispondiElimina
  12. bruno courthoud6 marzo 2008 19:13

    DINO VIERIN vergognati, te lo dice un valdostano autoctono, UV TUTTA vergognati, te lo dice un valdostano autoctono. E si vergognino tutti i sindacati, che hanno benedetto (e continuano a benedire) una simile porcheria!

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud6 marzo 2008 21:17

    VIERIN, CAVERI, ROLLANDIN

    ..........VERGOGNATEVI!...........

    firmato: bruno courthoud

    RispondiElimina
  14. La Pecora Nera7 marzo 2008 09:24

    Bruno Courthoud si preoccupa di non apparire monotono - noioso fino alla nausea ha scritto -, bene vorrei rassicurarlo, non lo è assolutamente, anche se personaggi discutibili che compaiono periodicamente qui sopra fanno di tutto per farlo sentire tale.

    Courthoud continua nel suo atto d'accusa contro un sistema di potere totalizzante che lo ha colpito personalmente, questo suo coraggio gli fa onore e se a qualcuno è venuta a noia la sua denuncia contro la mefitica burocrazia valdostana credo che possa tranquillamente rimuovere il problema evitando di leggere gli interventi del succitato.

    Da parte mia vorrei aggiungere due considerazioni.

    1) La storia si ripete da millenni; il potere da sempre ha due facce: quella economica e quella politica. Una faccia del potere genera sfruttamento e l'altra genera oppressione, e su questi prodotti perversi della civiltà umana prosperano i furbi, gli affaristi, i disonesti, gli approfittarori, eccetera, mentre la povera gente tira a campare con quei quattro soldi che ricava dalla vendita della propria vita all'uno o all'altro padrone.

    2) Non sono un ingenuo e mi rendo perfettamente conto che il mio ideale di società - non so se ricordate, quella in cui gli uomini sono liberi e uguali ... - non è perseguibile in tempi tali da poter essere vissuto da me o dai miei figli, però una qualche forma di resistenza verso l'oppressione e lo sfruttamento è possibile.

    Io non riesco più a provare rispetto per tutti questi signori che vivono alle spalle degli altri.
    Politici di professione, sindacalisti, giornalisti, notai, avvocati, opinionisti, presentatori televisivi, industriali, sindaci, assessori, attori, calciatori, e via a compilare un libro pieno di categorie, hanno perso il mio rispetto e la mia stima.
    Contro tutti questi fanfaroni approfittatori ben venga la denuncia di Courthoud che ogni tanto ci ricorda in che mondo viviamo.

    Con l'avvicinarsi delle elezioni i Signori del potere politico ed economico si apprestano a dare il meglio di loro stessi, a che triste spettacolo stiamo per assistere.
    Mi viene persino voglia (contro tutti i miei principi) di andare a votare per tentare di rovinare la festa a qualcuno.

    Un altro mondo è sicuramente possibile, ma quanto è lontano.

    RispondiElimina
  15. bruno courthoud7 marzo 2008 11:11

    Probabilmente andrò a votare, per quel poco (o niente) che potrà servire. Solo perché non mi si accusi di avallare implicitamente questo stato di cose con l'astensione. Ma in fondo in fondo ha ragione Beppe Grillo. Torno a letto, non sto molto bene. Grazie alla pecora nera (in un mondo di pecore bianche).

    RispondiElimina
  16. La Pecora Nera7 marzo 2008 16:10

    Permettete che posti questa magnifica anche se triste canzone in onore di tutti quelli che in questi giorni stanno lascianno la pelle sul luogo di lavoro.
    E che Montezemolo si vergogni !!

    Era bello il mio ragazzo

    Anna Identici

    Era bello il mio ragazzo,
    sempre pieno di speranze,
    mi diceva: "Mamma mia
    un giorno sai ti porto via.
    Via da tutta sta miseria,
    in una casa da signora,
    via da questo faticare
    potrai infine riposare".
    Era bravo il mio ragazzo;
    morì il babbo che era bimbo
    ma mi disse: "Non temere.
    Vado io ora in cantiere.
    Sono grande ormai lo vedi,
    prendo il posto di mio padre,
    son capace a lavorare,
    non ti devi preoccupare".
    Era stanco il mio ragazzo
    in quel letto di ospedale
    ma mi disse: "Non fa niente,
    solo un piccolo incidente.
    Quando si lavora sodo
    non c'e' soldi da buttare,
    non puoi metter troppa cura
    per far su l'impalcatura".
    Era bello il mio ragazzo,
    col vestito della festa,
    l' ho sentito tutto mio
    mentre gli dicevo addio.
    E poi quando l' ho baciato
    gli ho strappato una promessa
    e gli ho detto: "Anima mia
    presto sai portami via".
    Era bello il mio ragazzo ...

    RispondiElimina
  17. Alberto Grisero - Aosta7 marzo 2008 16:12

    Ancora una volta Bruno Courthoud ha ragione: l'Union Valdotaine ha trasformato la Valle d'Aosta in una cosca mafiosa (senza avere, beninteso, né l'astuzia, né il calore dei meridionali) mentre il Galletto la trasformerebbe in una succursale della defunta Unione Sovietica. Dopo la doppia (tripla?) tornata elettorale, prepariamoci al festival dei cellulari intercettati illegalmente agli avversari ed alla sistematica persecuzione di chiunque ostenti, come il sottoscritto, insofferenza, tanto per gli uni, quanto per gli altri: sia gli unionisti che i comunisti, infatti, sono penosamente capaci di infiltrarsi nelle famiglie dei dissidenti per boicottare subdolamente il loro operato, mettendogli contro i propri cari: l'ho sperimentato sulla mia pelle. Ad entrambi dico: siete baccani? Andate a zappare! Siete proletari? Fatevi la doccia dopo aver lavorato!

    RispondiElimina
  18. nozon,
    adoro i palindromi
    per l'anima bovina di Mazda, assai vicina alle nostre zoroastriche origini, c'è anche la famosa
    accavalla la vacca

    RispondiElimina
  19. Dal blog di Beppe Grillo:


    In morte del fratello Clemente 1(*)

    Un dì, s'io 2(*) non andrò sempre fuggendo
    di partito in partito, me vedrai seduto
    su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
    il fior de' tuoi gentil anni caduto.
    La Madre 3(*) or sol suo dì tardo traendo
    parla di me col tuo cenere muto 4(*),
    ma io deluse a voi le palme tendo
    e sol da lunge i tetti di Ceppaloni 5(*) saluto.
    Sento gli avversi numi 6(*), e le secrete
    cure che al viver tuo furon tempesta,
    e prego anch'io nel tuo porto quiete.
    Questo di tanti voti oggi ti resta!
    Gentil Clemente, almen le ossa 7(*) rendi
    allora al petto degli italiani mesti.

    Testo liberamente tratto da: "In morte del fratello Giovanni" di Ugo Foscolo.

    1(*) L’autore, con sottile eufemismo, si riferisce alla morte politica dello statista italiano Clemente Mastella (Ceppaloni 5 febbraio 1947, vivente)
    2(*) La poesia è attribuita al famoso compagno di merende Pierferdinando Casini (“Ferdy”) che ha condiviso le battaglie politiche di Clemente Mastella (“Clem”) per decenni
    3(*) Il significato da attribuire alla “Madre” è fonte di discussione per gli studiosi. Se molti la riferiscono a Silvio Berlusconi, alcuni propendono a una allusione a donna di facili costumi
    4(*) “Cenere muto” è il soprannome del Governatore Antonio Bassolino. La cenere infatti non parla e neppure Bassolino ha mai detto nulla ai giudici sul disastro ambientale in Campania
    5(*) Città natale di Mastella di cui è sindaco a vita. E’ rimasta celebre la fiaccolata dei suoi abitanti a sostegno della moglie Sandra Lonardo costretta agli arresti domiciliari perché accusata di concussione
    6(*) Gli “avversi numi” sono le percentuali di voto previste per il suo partito di ricatto e di governo, detto UDEUR. Infatti, nel 2008, per la prima volta un partito italiano registra intenzioni di voto negative. Fa perdere tra il 10 e il 12% dei voti a chi se lo prende
    7(*) “Le ossa” sono in realtà i popolari torroncini natalizi autoprodotti da Mastella con i soldi del finanziamento pubblico al suo partito. Tutti gli italiani ne vorrebbero un etto.

    RispondiElimina
  20. Alberto Grisero - Aosta7 marzo 2008 17:11

    Beppe Grillo è l'ennesima dimostrazione di quanto sia rozza e qualunquista l'estrema Sinistra.

    RispondiElimina
  21. Alberto Grisero - Aosta7 marzo 2008 17:19

    Egregio Eddy Ottoz, quale futuro politico può avere, secondo lei, Dino Viérin? Trovo improbabile, infatti, che sia destinato a fare il Preside fino all'età (non lontanissima) della pensione: secondo mé, si tratta solo di un'attività di copertura. Non dimentichiamo quello che aveva detto, di lui, l'amico Bruno Courthoud: Dino Viérin è "sfuggente", nel senso che "manovra dietro le quinte".

    RispondiElimina
  22. bruno courthoud7 marzo 2008 17:33

    per Grisero
    potrei anche dirti la percentuale che, dicono, prendesse un ex assesssore al lavori pubblici (non dell'UV, ma della Triplice Alleanza) sugli appalti pubblici regionali durante il periodo di tangentopoli (parola di un consigliere regionale allora all'opposizione). Poi la cosa diventò troppo pericolosa per i politici, e Viérin inventò lo spoils system alla valdostana, ovvero il "sistema Valle d'Aosta".

    RispondiElimina
  23. Alberto Grisero - Aosta7 marzo 2008 17:38

    Spiegati meglio, Bruno: mi sfugge il concetto di Triplice Alleanza e il "sistema Valle d'Aosta" per quanto sembri strano, ha le sue "sfumature".
    P.S: chissà se Eddy Ottoz darà una risposta esauriente alla domanda che gli ho posto...

    RispondiElimina
  24. Se adori i palindromi e le parodie clicca sul mio nome...

    RispondiElimina
  25. alberto,
    non mi stupirei che Dino Vierin finisse per fare il presidente di Finaosta, che, a mio avviso, è una roba che gli piacerebbe moltissimo. Ha avuto l'intelligenza (o la ruse) di non pretenderla quando guste ha preteso la CVA. Si è accontentato del l'assessorato al pargolo e di fare la figura di non pretendere troppo. L'uomo sa aspettare. Se le cose andassero come spera lui, potrebbe incassare Finaosta dopo le elezioni e aver fatto doppio score. Se le cose andranno come spera lui...

    RispondiElimina
  26. nozon,
    bellissimo, non sapevo.

    RispondiElimina
  27. pecora nera,
    benvenuto, ma lasciaci qualche speranza.

    RispondiElimina
  28. bruno courthoud7 marzo 2008 21:34

    Per Triplice Alleanza intendevo quella appena stipulata (FA, SA, UV).
    Lo spoils system à la Viérin (fare sistema in Valle d'Aosta) è qualcosa che può essere spiegato, senza fare un trattato, con certe analogie con la "mazzetta" napoletana. Per praticarlo occorre avere collaboratori, oltreché meritevoli, efficaci ed efficienti. Ti posso fare alcuni esempi (Maccari, Carradore, Bassignana, Pasqualotto, Pilatone, ecc.), solo per rimanere nel campo dei dilettanti nostrani assurti agli onori della cronaca.
    L'unica speranza, nella situazione attuale, è per il momento il voto a Perrin e Nicco alle politiche, piaccia o non piaccia. Tutti gli altri voti, compreso il non voto, sono di fatto un voto a favore della Triplice. Tacito diceva: "divide et impera".
    Se continuate a parlare inglese, mi metto a parlare francese o patois (ammesso che abbia ancora voglia di parlare).

    RispondiElimina
  29. bruno courthoud7 marzo 2008 21:38

    Anch'io so aspettare, come Viérin: come consigliatomi da un anziano cinese, mi sono seduto qui, sulla riva della dora di rhemes, e aspetto ...

    RispondiElimina
  30. bruno courthoud7 marzo 2008 23:51

    due appuntamenti da non mancare:
    - domani, 8 marzo, le donne unioniste si ritroveranno a Courmayeur per la loro festa: allieteranno l'incontro e saranno a loro completa disposizione i machi Ego Perron e Antonio Fosson (trattateli bene)
    - a maggio: festa della caccia (al voto)
    Ne manquez pas
    Guido Cesareo

    RispondiElimina
  31. bruno,
    sul bordo del fiume tienti sempre a valle di benares, a monte non passa un c...o

    RispondiElimina
  32. Alberto Grisero - Aosta9 marzo 2008 18:05

    MESSAGGIO IN CODICE per l'amico Mafarka (e per chiunque abbia la malizia di decifrarlo): quando si combatte una battaglia politica, ogni tanto è necessario infiltrare un proprio referente all'interno delle linee nemiche, facendogli credere di essere uno di loro (p. es: Irene Pivetti era una spia di Roma, infiltrata all'interno della Lega Nord, con lo scopo di riferire allo Stato quali fossero le reali intenzioni dei... discendenti dai Celti!) Se tanto mi dà tanto, ho una mezza idea su come POTREI comportarmi il 13 aprile (messaggio ricevuto?) ...Sempre che, il mio apparato cerebrale, non riceva nuovi inputs (di più, posso aggiungere che le spie hanno pure i loro "bracci destri").

    RispondiElimina
  33. Che bello...a maggio la festa dei cacciatori!!!!che bello....queste si che son feste da organizzare.. va riconosciuta l'utilità sociale e il sostegno all'ambiente che questi individui danno..speriamo solo che quei cattivoni della Forestale non rovinino tutto come al solito..dopo quella dei coscritti è l'evento piu interessante in VdA....io ci sarò!!!!

    RispondiElimina
  34. bruno courthoud10 marzo 2008 23:09

    ma la caccia non apre in autunno? qualcuno ha già detto che sarà una caccia al voto (o una caccia al tesoro?). Ma vi rendete conto che Isabellon la organizzerà con i nostri soldi? Che qualcuno blocchi questa festa, o per lo meno la faccia rinviare all'autunno!
    Se no organizzo un safari nostrano con ricchi premi: una caccia al leone (e ai cinghiali)!
    Qualcuno ha idea di quanto ci verrà a costare questa ennesima festa strapaesana organizzata stavolta dalla PRO LOCO regionale?

    RispondiElimina
  35. ....siamo davvero alla frutta!!!!!e magari mettiamo la guardia forestale a fare i parcheggiatori...

    RispondiElimina
  36. illegittimo demansionamento,condanna datoriale al sedicente reintegro,esclusivamente nelle mansioni precedentemente svolte,in:http://www.areagiuridica.com

    RispondiElimina