PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

8 dicembre 2007

da Liegi finalmente online

Settimana prenatalizia del piccolo consigliere regionale. Lunedì mattina urgenze, il pomeriggio parte la maratona del bilancio. Chiusura giovedì sera, dopo due notturne, ed è subito Bruxelles, poi Liegi, mentre appropò incustodito si lascia cullare dai flutti e dai commenti. Domani sera riuscirò finalmente a salutare mia moglie, e già sarà lunedì. Si ricomincia. Soprattutto non lamentiamoci: fino a Natale sarà anche peggio.

39 commenti:

  1. Alberto Grisero - Aosta9 dicembre 2007 18:12

    Scusi, Eddy Ottoz, ma almeno li ha fatti l'albero di Natale e il presepe? Io ci metto sia la cometa che il puntale.

    RispondiElimina
  2. pubblicherò una foto del tutto, o maglio, di ogni parte.

    RispondiElimina
  3. bruno courthoud10 dicembre 2007 08:50

    Scusa Eddy, a Bruxelles hai per caso incontrato Luigi Malfa, segretario generale della VDA, dirigente dei dirigenti, carica creatagli su misura dal nostro Caveri? Ti riporto alcune sue parole al primo incontro rivolto alla dirigenza VDA, in apertura di un inutile e costoso corso organizzato congiuntamente con la Bocconi (dico inutile e costoso perché io ho partecipato, in convinta buona fede, al primo corso, quando è stato istituito lo spoils system alla Viérin: si tratta di un semplice specchietto per le allodole che trova il tempo che trova, anzi destinato a illudere e prendere in giro chi vi partecipa seriamente):
    "Solitamente si dice che i dirigenti debbano rispondere solo alla legge, mentre i politici debbano pensare solo agli obiettivi strategici dell'ente (sic!). Il perseguimento degli obiettivi strategici deve essere invece competenza sia del politico sia del dirigente, perché entrambi sono attori della politica (sic!)"
    E ancora: "Tutto ciò permetterà la creazione di una nuova organizzazione, dove i dipendenti lavoreranno volentieri grazie al buon clima organizzativo che si sarà creato (è una barzelletta?). ..." Non mi dilungo nella citazione.
    malfa, malfa, dov'è finito quel funzionario intelligente, preparato e pensante che ho conosciuto non appena arrivato in VDA se non sbaglio dalle Marche? come ti sei convertito in fretta al Verbo valdostano e all'alpinismo free-climbing. Beati i tempi in cui le cazzate (dette)erano prerogativa dei soli politici! Certo aveva ragione Bruno Milanesio trent'anni fa quando ripeteva che ogni uomo ha il suo prezzo, ma oggi siamo veramente al livello di prezzi di saldo fuori stagione!

    RispondiElimina
  4. no, in Belgio non ho incontrato Luigi Malfa.
    Devo dire, ad onor del vero, che per quanto riguarda la mia esperienza personale, in particolare riguardo all'affaire palaindoor (una vicenda kafkiana), non posso che parlarne bene. Luigi Malfa mi ha dato veramente un grande aiuto e, grazie a lui ed a un filo diretto con il segretario comunale di Aosta Dott. Stefano Franco, siamo riusciti alla fine a venire a capo del tutto, dopo anni (anni...) di disperazione.
    Senza Malfa e Franco non ce l'avremmo fatta e ne avrebbero pagato le conseguenze tutti gli sportivi della plaine.

    RispondiElimina
  5. Alberto Grisero - Aosta10 dicembre 2007 16:55

    A proposito del Belgio, la sua coesione interna è veramente in una situazione così critica, oppure i fiamminghi stanno facendo solo del folklore di bassa... Lega (Nord!)? E come mai se ne parla molto di più in Francia che in Italia? E' proprio questo fatto a preoccuparmi.

    RispondiElimina
  6. pare che la situazione sia veramente critica e che alcuni nodi dovrebbero sciogliersi o intricarsi di più, le probabilità paiono equivalersi, proprio in questi giorni

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud10 dicembre 2007 21:29

    Nessun dubbio sulle capacità personali e professionali di Luigi Malfa che anch'io a suo tempo ho avuto modo di apprezzare e riconoscere. Mi stupisce invece la sua benedizione acritica dello spoils system alla vapellenentze (d'altronde, che doveva fare? doveva fare un intervento "politico", pur essendo un funzionario: e se ognuno tornasse a fare il suo mestiere? il politico il politico e il funzionario il funzionario?).

    RispondiElimina
  8. dal centro di Valpelline non si riesce a vedere bene Valpelline.

    RispondiElimina
  9. Ciao perchè non rispondi ai messaggi della tua discussione Togliere o lasciare?
    Buone feste
    K.J.

    RispondiElimina
  10. Se al ripresentarsi di Rollandin nelle liste del leone rampante seguirà un plebiscito a suo favore ci saranno solo due spiegazioni possibili:
    1) Un grandissimo numero di cittadini valdostani è venduto;
    2) Un grandissimo numero di cittadini valdostani è talmente ignorante ed imbecille che per esso non c'è speranza alcuna.
    Se ciò capiterà mi vergognerò profondamente perché da fuori saremo tutti identificati come un popolo di pecoroni che segue il capobastone in modo meccanico ed acritico, incapace di un sussulto di dignità.
    So che con le elezioni non si può cambiare molto; so che in democrazia un governo non è mai molto dissimile dal precedente; so che la politica è innanzitutto una carriera remunerativa e solo dopo è l'amministrazione del pubblico interesse; però ... cribbio ... proprio così ...!
    Mah, che dire ?
    Almeno nel resto d'Italia hanno la speranza che il Berlusca possa portare una ventata di rinnovamento come quella che già portò la volta scorsa.
    Qualche imposta in meno, un po' più di credibilità internazionale, un po' meno stalinismo in materia di lavoro, qualche opera pubblica in più, qualche immigrato in meno e magari qualcosaltro.
    Soddisfazione modesta, lo so, però sempre meglio che questi qui.
    TEXAS

    RispondiElimina
  11. k.j.
    sto lavorandoci nel tempo libero.
    Mi faccio tutto da solo (le foto sono una complicazione mica da ridere, l'impaginazione della colonna di destra è complessa, non ho un webmaster, sono un bricoleur).
    Ho già ridotto il numero dei messaggi affichés da 50 a 20.
    Ora, scendendo dall'alto (colonna destra):
    - lascerei il titolo del blog (non rallenta);
    - lascerei histats per misurare gli accessi e avere qualche dato utile (rallenta poco);
    - potrei togliere la mia foto (rallenta poco);
    - potrei togliere here to: che è un rinvio a curricula vari (rallenta poco);
    - potrei togliere in blocco i tre annunci Google (rallentano poco);
    - potrei togliere forza Clementina e/o parlamenti puliti (rallentano poco, ne ho tolto il link);
    - potrei togliere il bannerino technorati, che dovrebbe servire ai frequentatori per segnalare il blog, ma secondo me non lo fanno (rallenta abbastanza);
    - potrei togliere l'elenco Top Tags (Get this widget powered by Technorati) molto utile per trovare nella blogosfera blog post che si riferiscono alle stesse parole chiave (ma i miei visitatori lo sanno? se ne servono? lo trovano utile? boh?). Comunque rallenta abbastanza;
    - potrei togliere l'rss di collegamento a 12vda.it news lasciandolo tra i link con gli altri media (rallenta abbastanza);
    - potrei togliere MyBlogViaProfile, utile per quotare il blog (quanti lo usano?) (rallenta mica male;
    - potrei togliere l'rss notizie dal web Apple Google Microsoft, ma mi spiacerebbe poiché mi è molto utile (utilizzo il mio blog come uno strumento di lavoro) (rallenta poco);
    - potrei togliere blogitalia 2.0 che mi è utile per monitorare i blog valdostani (rallenta parecchio);
    - potrei semplificare Collegamenti togliendo un po' di link (semplificherebbe solo l'interfaccia grafica, poiché rallenta pochissimo e mi è utile per leggere in giro quello che succede);
    - potrei togliere l'archivio, che mi sembra però utile e non rallenta per nulla;
    - potrei togliere Etichette che è utilissimo come indice analitico delle parole chiave nel blog, ma non so quanto sia utilizzato (non rallenta molto in ogni caso).
    In sintesi: molte cose non sono lì per caso, mi servono, dato che utilizzo il blog come se fosse la mia scrivania. Non ci muoio comunque, esistono pur sempre funzioni come segnalibri (Firefox) e preferiti (IE), anche se sono meno comodi.
    Che ne dici?

    RispondiElimina
  12. Texas, torna a Houston, prendi lo Shuttle e non fermarti fino a marte.

    RispondiElimina
  13. Anonimo delle 16.11 : stai già cercando voti per rolly in giro ?

    RispondiElimina
  14. Puoi dirlo forte. E adotteremo il sistema che piaceva tanto ai referendari...Preferenza unica!!!

    RispondiElimina
  15. classico dei serial killer: il desiderio di essere scoperti.
    Come dire un anonimo che non si tiene: vuole che si sappia che è lui...

    RispondiElimina
  16. ...però è un po' presto, toteun!
    E' solo al giovedì sera che si squinternano le terne e si sfoderano le preferenze uniche. In caso contrario, le ignare vittime non più ignare sono e non contraccambiano il favore che non riceveranno mai...

    RispondiElimina
  17. Alberto Grisero - Aosta11 dicembre 2007 17:46

    Egregio "Texas", premesso che Berlusconi non ha né le capacità, né la volontà di portare una ventata di rinnovamento (lo ha già dimostrato dal '94 in poi, deludendomi), per quanto riguarda la domanda che ti sei posto su Rollandin, ritieni che la risposta esatta sia la prima o la seconda, fra le opzioni da té fornite? Io temo, molto malignamente, di saperlo! (ricordi una certa gag di Corrado Guzzanti, con la banda-Dandini?!)

    RispondiElimina
  18. audemars piguet11 dicembre 2007 17:54

    Uno dei tanti cretinismi della subpolitica valdostana consiste nel preferenziare stanlio oppure ollio non in quanto portatori di questa o quella istanza , bensì in base a un demenziale tifo da hooligans .

    RispondiElimina
  19. Lo shuttle parte da Cape Canaveral, salvo tempo avverso, Pirla.
    Ah, già, tu sei solo vicepresidente, certe cose non le sai.

    Grisero: vai a dormire va !!

    RispondiElimina
  20. bruno courthoud12 dicembre 2007 12:08

    Carissimi Grisero e texas
    Come mi dispiace che texas non si renda conto che noi valdostani non siamo né venduti né ignoranti ed imbecilli, come egli paventa. Al plebiscito di giugno voteremo per Rollandin perché abbiamo finalmente ritrovato un degno sostenitore (anzi l'unico) della nostra superiorità in tutti i campi, culturale, economica, ecc., strettamente collegata alla nostra etnia: è un dato di fatto oggettivo, naturale, scientifico, cosa che chi ci avversa naturalmente stenta a riconoscere.
    Grazie a dio ed alla legge elettorale, il nostro Augusto avrà sei mesi abbondanti di tempo per dedicarsi a tempo pieno alla sua opera di apostolato presso la nostra gente, senza gravosi impegni di altro tipo. Per quanto riguarda la CVA, per fortuna non l'ha affatto abbandonata al suo destino, è sempre consigliere d'amministrazione, e in questa veste potrà continuare ad elargire le sue copiose grazie a tutti noi suoi fedeli discepoli. Un grazie di cuore al sollecito anonimo che ha già iniziato una sua personale campagna a favore di Augusto. Ovviamente per il momento si tratta di una propaganda per la preferenza unica, essendo Augusto ancora candidato unico in anticipo sui tempi, dimostrando anche in questo modo di essere in grado di competere e di poter sconfiggere chiunque.
    Grazie e arrivederci
    bruno courthoud

    RispondiElimina
  21. Grazie Courthoud.

    Adesso ho capito.

    Adesso mi è anche chiaro perché l'UV fosse contro i referendum:

    1) la preferenza unica c'è già;
    2) l'elezione diretta anche;
    3) la dichiarazione preventiva pure.

    Poi ... vabbè ... le quote rosa non servono e l'ospedale chi se ne frega.

    Grazie e saluti.

    RispondiElimina
  22. Alberto Grisero - Aosta12 dicembre 2007 17:14

    Egregio Bruno Courthoud, quando si fa, giustamente, del sarcasmo, bisogna mettere i punti esclamativi al posto giusto, altrimenti si rischia di essere presi sul serio!
    Egregio "Texas", io dormo di notte, dopo aver chiavato (quando sono sderenato, dormo anche la mattina per recuperare): tu, invece, dormi in piedi! (pratica assai diffusa, in Valle d'Aosta...)

    RispondiElimina
  23. bruno courthoud12 dicembre 2007 21:03

    Augusto è talmente entusiasta delle quote rose che è disposto a candidarne 34 nella sua lista, con l'unica eccezione di Adriana Viérin: ha un cognome che letteralmente gli provoca irritazioni. Per quanto concerne invece l'ospedale è fiero di poter portare finalmente a termine l'opera intrapresa a suo tempo dal Duce.

    RispondiElimina
  24. A causa dei dettati della legge elettorale , max 28 fanciulle candidate .

    RispondiElimina
  25. bruno courthoud12 dicembre 2007 21:30

    28 fanciulle e 6 trans. Va bene per la legge elettorale?

    RispondiElimina
  26. 26 fanciulle, 6 trans e un jolly, ovviamente...

    RispondiElimina
  27. 26 più 6 più 1 uguale 33 : quindi anche tu ammetti , eddy , la non catalogabilità dei 2 azzurri rossoneri che saranno eletti ...

    RispondiElimina
  28. Tornano i figliol prodighi... Pelanda docet

    RispondiElimina
  29. bruno courthoud13 dicembre 2007 13:21

    Pelanda, anche lui du vierger?

    RispondiElimina
  30. Alberto Grisero - Aosta13 dicembre 2007 16:33

    Il caso Pelanda, al Comune di Aosta, suona sicuramente come un campanello d'allarme: è evidente che i servi sciocchi di Rollandin e Viérin, sentendosi ingenuamente rafforzati dal risultato dei referendum, hanno iniziato una "campagna acquisti" che riporterà l'ancora più ingenuo Perrin tra le fila dell'Union Valdotaine (come direbbe il poeta!) Quali previsioni vogliamo fare, inoltre, su Nicco, che nel maggio 2006, durante il dibattito sulla fiducia al Governo Prodi, salutò Montecitorio... in francese?! E' ormai facile prevedere che, dopo le Regionali dell'8 giugno 2008, assisteremo ad una riconciliazione fra l'U.V. ed il neonato Partito Democratico, il quale avrà l'onore di sedersi in Giunta fino al 2013, ma dovrà necessariamente fronteggiare una spaccatura al suo interno. E' lecito che il Partito dei baccani si assuma la responsabilità di attentare all'unità di un Partito nazionale (qualunque esso sia)?

    RispondiElimina
  31. bruno courthoud13 dicembre 2007 17:26

    dopo o prima? io vorrei saperlo prima. dopo non mi interessa più.

    RispondiElimina
  32. Alberto Grisero - Aosta13 dicembre 2007 17:43

    Mio caro Bruno Courthoud, il Leone Rampante, pur discendendo "orgogliosamente" dai Salassi, che erano barbari, ha fatto suo un motto degli Antichi Romani: "Divide et Impera". Fino a quando la Sinistra proletaria e beota, che governa il Paese, glielo lascia fare senza prendere seri provvedimenti (come invece fece la Destra, regista dello scherzetto elettorale riuscito prima contro Grimod, poi contro lo stesso Rollandin), non possiamo aspettarci nulla di buono. Quando mai la Sinistra ha avuto l'astuzia di comprendere certe malizie? Essa ragiona solo in termini di "salario mensile" e di "cultura da somministrare senza verifica": più in alto, rarissimamente riesce ad arrivare.

    RispondiElimina
  33. bruno courthoud13 dicembre 2007 23:04

    Alle prossime elezioni regionali, se non mi metteranno nelle condizioni di poter scegliere tra due alternative di governo credibili, con relativi programmi, come sempre ho fatto continuerò a non dare alcuna delega in bianco. Voterò con un voto non di adesione, ma di protesta.

    RispondiElimina
  34. il leone non è un'eredità dei salassi, fai un ripassino di araldica fino ai tempi del coccodrillo.

    RispondiElimina
  35. bruno courthoud14 dicembre 2007 13:32

    vi è un bellissimo scudo persiano (ora Iran) risalente, se non sbaglio, al VI secolo a.C., conservato in un museo di Gerusalemme, in cui sono riprodotti ben due leoni rampanti del tutto simili a quelli pervenuti in Valle d'Aosta (con molta probabilità intorno al XII-XIII secolo, via Fiandre, riprodotti sui tappeti persiani (ora Iran).
    E' poi interessante confrontare il leone "ufficiale" valdostano con quello araldico di diverse casate nobili locali: lo hanno castrato (eliminato di bruto il pisello!).

    RispondiElimina
  36. alessia molteni14 dicembre 2007 15:28

    Scusa la mia ignoranza , ma castrato non significa invece pisello indenne e palle mozzate ?

    RispondiElimina
  37. bruno courthoud14 dicembre 2007 19:06

    sei più colta di me: ma le palle, salvo verifica, mi sembra non le avesse nemmeno prima, il pisello(ne) sì: hanno portato a compimento l'opera. Insomma, gli hanno tolto tutto (evirato?). Abbiamo un leone rampante depisellato. Puoi trovare i leoni rampanti originali (pisellati) sul Nobiliaire di de Tillier.

    RispondiElimina
  38. Alberto Grisero - Aosta15 dicembre 2007 18:25

    Suvvia, sembra di essere nei film di Alvaro Vitali, Edwige Fenech e Lino Banfi degli Anni '70! Boldi e De Sica, al confronto, fanno dei duetti da intellettuali...

    RispondiElimina
  39. bruno courthoud15 dicembre 2007 19:03

    Ma non sarebbe interessante e materia per una eventuale tesi di laurea sapere chi ha tagliato il pisello del leone dell'UV? Caveri ha detto che vorrebbe scrivere una storia dell'UV. Magari ce lo dirà: potrebbe essere suo zio!

    RispondiElimina