PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

13 dicembre 2007

cura dimagrante

tolto le tre pubblicità Google, il banner linkato a Technorati, il banner linkato a BlogVia e quello linkato a BlogItalia. Vi pare che appropò si carichi più rapidamente? (a me no)

20 commenti:

  1. Per me è esattamente veloce come lo era prima . Ma hanno senso solo le risposte da zone non ben servite .

    RispondiElimina
  2. Eddy dovresti lasciare solo le ultime discussioni aperte e le altre indicizzarle. Ciao Buon presepe.
    K.J.

    RispondiElimina
  3. su blogger non esistono "ultime discussioni aperte" in quanto non c'è modo di "chiuderle".
    Posso solo stabiline il numero (fino a quante fa tenerne in linea) o il periodo (fino a quanti giorni fa tenerle in linea).
    Ora le ho ridotte a 20 (erano 50) e andando giù mi pare il massimo che abbia un senso.

    RispondiElimina
  4. ovviamente, cliccando in fondo su post più vecchi si può sempre andare indietro, ricliccandoci ancora più indietro, fino all'inizio. Questo è blogger.

    RispondiElimina
  5. Alberto Grisero - Aosta13 dicembre 2007 16:53

    Ho la maliziosissima sensazione che qualche anonimo sfigato non veda l'ora di censurare chi dissente in maniera intelligente dalle sue opinioni servili verso il regime delle banane che "amministra" la Valle d'Aosta(al momento siamo stabilmente in tre, più qualcuno che si aggiunge saltuariamente).

    RispondiElimina
  6. la banda, il problema è la banda.

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud14 dicembre 2007 12:13

    quale banda, quella larga?

    RispondiElimina
  8. royal brunei second pilot14 dicembre 2007 12:28

    Everyboby here in bandar seri begawan should like to know your opinion about alitalia-klm-air one . Thanks .

    RispondiElimina
  9. Gulf Air ??
    From Where ?

    RispondiElimina
  10. Alberto Grisero - Aosta14 dicembre 2007 16:37

    A proposito di Alitalia, egregio Secondo Pilota del Brunei, io penso che la nostra Compagnia di bandiera dovrebbe rimanere italiana, almeno al 50% e conservare il proprio nome. Se poi alcuni soci stranieri vogliono entrare a farne parte, ben vengano
    (meglio se dell'Unione Europea).

    RispondiElimina
  11. bruno courthoud14 dicembre 2007 18:48

    qualità e competitività del servizio, efficacia, efficienza.

    RispondiElimina
  12. eva air captain14 dicembre 2007 19:49

    Sarebbe bella un'alitalia tutta italiana , ma ha già fallito e ora la cura deve essere radicale . In tale ottica è ovvio che airfrance-klm ha maggiori possibilità di investimento e superiore know-how . Il nome alitalia resterebbe e non ci si deve incaponire su malpensa con tutti gli aeroporti che ha attorno . Il problema è anche legato all'irresponsabilità dei sindacati : alitalia è praticamente fallita anche per colpa loro e della loro scioperite per attestare che esistono ( addirittura per natale promettono scioperi se il governo non sente proprio loro , causa non marginale del fallimento ! ) . Air one è gradita dai sindacati perchè , nella loro irresponsabilità , ritengono di poter fare di più le loro cavolate con una proprietà nazionale . In realtà , air one è troppo piccola per il salvataggio . Andrebbe però meglio di tutto soros/singapore perchè la tigre asiatica saprebbe usare alitalia per rotte verso le americhe , in coincidenza o meno coi suoi voli dall'asia . In definitiva , il nazionalismo astrattamente è lodevole , ma ora bisogna ubbidire a regole economiche che vedono la sky-team preferibile e superabile solo dalla cordata soros se si concretizzerà . Ma i sindacati , che hanno mandato a lucciole la nostra compagnia , non devono più impicciarsi delle operazioni di salvataggio , di esuberi , di malpensa e di toilet paper nei bagni visti i risultati delle loro impiccionerie .

    RispondiElimina
  13. Alberto Grisero - Aosta15 dicembre 2007 18:46

    Se Alitalia potrà essere salvata, come spero, essa potrà anche continuare a servire tanto Fiumicino quanto Malpensa? Mi sembrerebbe la soluzione migliore, anche perché, in Italia, abbiamo molti aereoporti minori che potrebbero venire declassati a scali da diporto (me ne viene in mente uno, indovinate dove, che porta il nome -che sfiga!- di un tizio che morì in un incidente aereo in Piemonte, quando io avevo solo UN MESE di vita!)

    RispondiElimina
  14. bruno courthoud15 dicembre 2007 20:40

    oggi, il cesareo Augusto, nella sua qualità di presidente del nostro Aeroporto nazionale (e di che cosa non è ancora Presidente?), che tu dileggi chiamandolo scalo da diporto, ci ha detto che la storia di quell'incidente aereo deve ancora essere scritta. Chissà quali attentati alla nostra Nazione nasconde! A proposito, il Casinò? Doveva essere una fonte di introiti per la nostra Nazione, da anni è una voragine di debiti e di spese grazie alle nazionalizzazioni di Viérin. Ora è sull'orlo del fallimento. Non è ora di dire basta? Io ho una proposta: affidiamolo al nostro cesareo Augusto. Se è perfino riuscito a trarre profitti producendo energia elettrica dall'acqua e rivendendola al prezzo di chi la ricava da gas o petrolio, chissà cosa riuscirebbe a fare col Casinò! Non abbiamo bisogno di alcun Marchionne o manager straniero: ce l'abbiamo in Patria e non lo sfruttiamo!

    RispondiElimina
  15. Sempre gli stessi due. Che palle 'sto blog.

    RispondiElimina
  16. bruno courthoud15 dicembre 2007 23:31

    lo modzon lé tourna hé

    RispondiElimina
  17. bruno courthoud15 dicembre 2007 23:38

    p.s. comunque non hai tutti i torti: stò approfittando un po' della gentilezza di Eddy, a te la parola.

    RispondiElimina
  18. Alberto Grisero - Aosta16 dicembre 2007 18:07

    Egregio Anonimo, guarda che siamo, come minimo, in tre!

    RispondiElimina
  19. Come volevasi dimostrare.

    RispondiElimina
  20. Alberto Grisero - Aosta16 dicembre 2007 18:30

    Egregio Anonimo, forse non mi sono spiegato: intendevo dire che, con té, siamo, come minimo, in quattro!

    RispondiElimina