PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

23 agosto 2008

google olympics: day sixteen

è nato prima il gallo o la pallina?

5 commenti:

  1. Caro Eddy,
    perché l'atletica italiana è caduta così in basso? O è solo una mia impressione?

    RispondiElimina
  2. non è un'impressione, la fidal non ha saputo rinnovarsi e soprattutto adattare la propria struttura e le decisioni di politica di bilancio alle mutate condizioni del Coni e di tutto il mondo sportivo italiano.
    Aggiungi che la dirigenza post-Gola ha continuato nella pratica suicida di pagare le cambiali elettorali con i posti del settore tecnico, che dovrebbe essere l'unico veramente meritocratico e protetto dalla politica, se si desidera veramente ottenere risultati.
    Il settore giovanile è allo sbando, siamo ai proclami ed ai "progetti".
    Si distribuisce a pioggia e si spende a pioggia, senza scelte di fondo.
    Ogni volta, a mondiali e olimpiadi, arriva il redde federationem.
    Ogni voltas la baracca si salva con le medaglie della marcia, un settore deove nessuno mette il naso, i tecnici fanno "liberamente" il loro lavoro, e i risultati si vedono, anche (o proprio perché) si tratta di un'attività tutto sommato fuori standard rispetto al resto dell'atletica.
    Di più non dico.

    RispondiElimina
  3. Vincenzo Calì25 agosto 2008 16:16

    Beh, hai detto molto.

    RispondiElimina
  4. Alberto Grisero - Aosta25 agosto 2008 16:30

    Come mai, quest'anno, il Coni ha deciso di non mandare propri osservatori a Pechino? Se non ho capito male, questa e' la prima volta in cui lei resta disoccupato, durante le Olimpiadi.

    RispondiElimina
  5. non esageriamo: non sono stato neppure a Montreal '76, a Mosca '80, a Los Angeles 1984, a Seul '88, a Sidney 2000, ad Atene 2004.
    Quest'anno la Giunta Nazionale, della quale faccio parte, ha deliberato di non inviare nessun suo componente a Pechino. Risparmio: oltre 160.000 euro.

    RispondiElimina