PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

6 luglio 2008

la storia che ha cambiato le frasi



in realtà il barone Pierre de Coubertin, alla moglie che simulava l'orgasmo, disse:

"chéri, l'importante non è fingere ma partecipare"

13 commenti:

  1. bruno courthoud6 luglio 2008 21:07

    pare che una frase, pilastro del cristianesimo, e cioè: "aimez-vous les uns les autres", derivi da un errore di traduzione dall'originale, il quale, tradotto correttamente, suonerebbe: "aimez-vous les uns sur les autres" (Paul Eluard).

    RispondiElimina
  2. la famosa frase è universalmente attribuite a De Coubertin ma non fu coniata da lui. Il barone illustrava il suo progetto (far rivivere le olimpiadi antiche) al vescovo di Parigi e questi lo lodò e commentò: "si ricordi, però, barone, l'importante non è vincere ma partecipare".
    a De Coubertin il concetto piacque. se ne appropriò.
    un plagio.

    RispondiElimina
  3. bruno courthoud6 luglio 2008 22:00

    a proposito di fingere e di orgasmi, c'è anche la storiella di quella sposina che, la prima notte di nozze, ad un certo punto si rivolge alla sposino e gli dice: "adesso deciditi, o dentro o fuori, smettila di andare e venire".

    RispondiElimina
  4. la sapevo sulla frigida e il mal di testa.

    RispondiElimina
  5. Il Grande Orso7 luglio 2008 11:20

    In senso generale il giusto è uguale per tutti, in quanto è un accordo di utilità reciproca nella vita sociale; ma a seconda della particolarità dei luoghi e delle condizioni risulta che non per tutti il giusto è lo stesso.

    Epicuro - Massime Capitali

    Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.

    Don Milani - Lettera ad una professoressa

    Provate a far capire il significato di queste frasi a un prof. di una qualunque scuola.
    Frasi che non sono cambiate e che non hanno cambiato alcunché.
    SIGH !!!

    Il Grande Orso

    RispondiElimina
  6. Alberto Grisero - Aosta7 luglio 2008 15:51

    Vedo che qualsiasi argomento e' buono, per non dare fastidio al nuovo "manovratore" regionale. In ogni caso, mi risulta che, dall'11 giugno, la Biblioteca Regionale non riceva piu' il "People Valdotain", cosicche', chi non e' unionista, deve venire a leggerselo al computer: una situazione esilarante, che solo nella Valle d'Aosta delle banane puo' accadere! Giuseppe Rivolin (detto, giustamente, Gio'sef, da Mara Carfagna, in tivu'!) oltre ad essere il direttore della biblioteca e' anche una firma assidua di tale giornale: basterebbe che lo portasse lui, ogni giovedi' mattina! Quante volte, invece, la proverbiale ingenuita' dei valdostani, lo ha fatto arrivare in ritardo? Ora attendiamo "con ansia" che ritirino pure l'edizione on line!

    RispondiElimina
  7. Felicino de Pondel7 luglio 2008 17:46

    Ottoz, buona l'insalatina Zucchi durante il pranzo del trombato? Quindi oltre a Lei il culo brucia anche al broker!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. hai spiato male, felicino anonimino vigliacchino: nessuna insalatina, un bel piatto di tagliatelle con tocchetti di spada, pomodorini e olio al peperoncino piccante, accompagnate da un eccellente grechetto secco freddo al punto giusto. niente zucchini.
    chiamarlo pranzo è un po' troppo, diciamo una colazione en plein air. Se avessi saputo che eri all'altro tavolo avrei fatto mettere un microfono, in modo che potessi seguire la nostra conversazione. sarà per un'altra volta.
    per il momento vedi un po' di farti i cazzi tuoi.

    RispondiElimina
  9. infelicino di pondel,
    oggi ho mangiato a casa, mi spiace per te.

    RispondiElimina
  10. Alberto Grisero - Aosta8 luglio 2008 16:02

    Egregio Eddy Ottoz, e' inutile che stiamo a pettinare le bambole: la scelta dei commenti che lei pubblica o censura, dimostra, in maniera inequivocabile, che lei ha una fifa blu del veterinario di Brusson. Eppure, un atleta medagliato come lei, dovrebbe senz'altro riuscire a saltare certi ostacoli che sono, a dir poco, insignificanti. Cosa teme, che il presidente delle "banane-valdostane", le faccia aizzare contro una vacca gravida?!

    RispondiElimina
  11. No Grisero. Con la Sua proverbiale faccia di bronzo (come la medaglia) lascerà passare un po' di tempo senza troppo rompere i coglioni e poi andrà a chiedere l'ennesimo favore. Sai, esso, come dice spesso, è un atou che la VDA non può permettersi di perdere... Magari ce lo troveremo candidato sindaco ad Aosta nel 2010 alla giovin età di 66 anni.

    RispondiElimina
  12. anonimo dal riconoscibilissimo livore, diciamo anzi

    livido anonimo del vergin frutteto,

    1 - "l'ennesimo" favore ne implica altri precedenti, potrei conoscerne almeno uno?
    2 - potresti citare anche un solo testimone di una sola occasione in cui avrei pronunciato la storica frase?
    3 - atou, dato il tuo sfrenato bilinguismo, si scrive atout, a meno che non ti riferissi al berretto che ti metti in testa quando vai a sciare, che però si chiama hatù, come potrai verificare sul sito
    http://www.spot80.it/site/?carica=spot_detail&id=924
    meglio ancora
    http://it.wikipedia.org/wiki/Hat%C3%B9

    RispondiElimina
  13. Alberto Grisero - Aosta9 luglio 2008 16:08

    Egregio Eddy Ottoz, c'e' per caso qualcosa di vero, in quello che dice l'Anonimo "du verger"? Nel senso che le piacerebbe, fare il sindaco di Aosta, per il Popolo delle Liberta'? Di sicuro, pero', un appoggio, da parte dell'Union Valdotaine, dovra' comunque averlo e, per questo, temo che lei vorra' edulcorare i contenuti di "Appropo'".

    RispondiElimina