PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

6 aprile 2008

il mondo è un luogo molto difficile, nessuno ne esce vivo

(Charlton Heston)

48 commenti:

  1. bruno courthoud6 aprile 2008 23:12

    neppure gli anonimi?

    RispondiElimina
  2. Caro bruno , leggo sovente sulle tue traversie lavorative . Io non ho mai avuto nessuno sopra di me , sono un anarchico se così posso dire ; da un lato vedo meglio quindi la tua situazione , dall'altro per nulla . Ti dico il mio parere , se mi ritieni titolato a farlo . Tu fai un errore di fondo , a mio avviso . Non ti è ben chiaro che tu sei tu e lo sei comunque , a prescindere da qualsivoglia giudizio di chicchessia . Demansionato o meno , sei una persona pulita , colta e intelligente . Se tu occupavi il posto che ritenevi adeguato per te , tu restavi sempre tu . Io me ne batto dei giudizi altrui , nel senso che li sento e solo se li ritengo fondati questi mi influenzano . Tu sei vittima di giudizi che non condividi e quindi battitene e pensa ad altro . Certo se tu vivessi a houston sarebbe più facile , ma dentro di te trova le risorse per focalizzare diversamente i pensieri che occupano il tuo cervello . Ave .

    RispondiElimina
  3. bruno courthoud7 aprile 2008 09:40

    gli unici immortali (gli anonimi).

    RispondiElimina
  4. Alberto Grisero - Aosta7 aprile 2008 16:10

    "Ottimismo a colazione" cantava Piero Pelù, nel suo primo album solista, dopo avere lasciato i Litfiba. In ogni caso, vorrei sapere da Eddy Ottoz se, lunedì 14, il forum tornerà ad essere libero(ossia, non più filtrato), oppure se intende fare una tornata unica fino all'8 giugno (a proposito, speriamo che, alle Regionali, sia necessario andare al 2° turno, perché sarebbe un guaio se "uno di loro due" vincesse il 25 maggio!)

    RispondiElimina
  5. alberto,
    credo di aver bloccato sinora quattro messaggi (cinque?) in tutto, peraltro segnalandolo al mittente.
    anche se filtrare è una bella rottura di p...e e determina un certo ritardo nella pubblicazione, per evitare casino sarei perciò dell'idea di prolungare la moderazione fino a dopo le regionali.

    RispondiElimina
  6. Non avrei mai pensato che potesse succedere quello che è capitato nel pomeriggio in Rai . Davanti a certo comportamenti io mi sono chiesto in che mondo vivo . Ovviamente la corsa alla bugia interpretativa è scontata . Che pena , che pena , che pena . E' l'Essere Umano che ne esce sconfitto . Ringrazio il Signore Iddio di avermi fatto nascere diverso . Grazie .

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud7 aprile 2008 21:00

    per mafarka
    ti ringrazio per le tue considerazioni. La definizione più azzeccata e pertinente della cosiddetta riforma della pubblica amministrazione è stata quella fornitami qualche anno fa da un ex direttore di Assessorato (Turismo), ora giudice di pace, già in pensione quando la riforma è stata introdotta. La riporto in lettere maiuscole:
    ISTIGAZIONE ALLA PROSTITUZIONE
    Si tratta di un dirigente che, quando ancora i dirigenti "autonomi" non erano, ho sentito personalmente dire all'allora Assessore Milanesio: "Lei pensi a fare l'Assessore, che a dirigere l'assessorato ci penso io". Oggi che i dirigenti sono "autonomi" simili parole costerebbero la testa a chiunque.
    Spero di non disturbarvi più con questi problemi. Molto probabilmente ha ragione il mio collega Del Degan che mi ripeteva: "Quando vogliono distruggere tutto, bisogna dar loro una mano".

    RispondiElimina
  8. In parlamento Alessandra Mussolini presenterà , appena tecnicamente possibile , un'interrogazione al ministro competente su quanto successo ieri pomeriggio in rai vda , con ordine di ripetizione della trasmissione coi 5 candidati alla camera da parte della commissione di vigilanza rai in roma cui tutto è stato trasmesso giustamente da aosta . Interrogazione per la quale io me fornirò ogni più piccolo particolare di cui sono a conoscenza .

    RispondiElimina
  9. Perron non è stato d'accordo per la ripetizione che è quindi saltata .

    RispondiElimina
  10. Caro Mafarkuzzi,
    raccontaci che cosa è successo ieri in rai vda, non tutti sono al corrente dei fatti e dei misfatti quotidianamente perpetrati nella sede regionale.

    RispondiElimina
  11. Ora sono di frettissima e non mi va di sintetizzare . Leggiti domani La Stampa . Sarà pubblicata appena pronta ( e giunta a destinazione ) la lettera alla Commissione di vigilanza Rai in Roma di Alessandra , che , essendo ora europarlamentare ma deputato dalla proclamazione degli eletti dopo il 14 aprile , potrà solo un pò più tardi inoltrare l'interrogazione al ministro che pure spero e credo sarà integralmente pubblicata in Valle .

    RispondiElimina
  12. Ho appena visto il dibattito in RAI. Che pena... Il migliore e più sincero è stato Giovannacci, il quale con una semplicità rara a trovarsi in politica, ha risposto per le rime alle considerazioni costruite ad arte di Borluzzi, il quale accusa l'UV di voler portare i valdostani all'800, mentre lui, se si applicasse quello che dice, porterebbe i valdostani ad essere terzo mondo,dato che non conosce le difficoltà di una vita in montagna e che senza un'autonomia protettiva la popolazione sarebbe alla fame. Povero Gambardella, il quale si è presentato più preparato di tutti correndo il rischio di leggere i propri appunti, ma dicendo cose concrete. Borluzzi ha solo parlato di aria fritta, dicendo cose che non interessano a nessuno, se non a quelle 700 persone che per ridere con gli amici alla sera lo voteranno il 13 e 14 aprile. Come hanno riso del sondaggio pubblicato dall'onesto eddy, il quale da persona intelligente, ha capito, come noi, che qualcuno ci ha messo lo zampino. La lettera del buon Giancarlo sui giornali è davvero una presa in giro... ma chi ci crede che ha mobilitato 100 persone per cliccare sul blog, quando non ne ha una nuova da candidare alle politiche e usa foto di vent'anni fa, le stesse usate alle regionali e alle comunali. Il buon Borluzzi a parte i famosi articoli 2 e 3 della Costituzione, che dovrebbe rileggere, perchè non dicono quello che dice lui (d'altronde è un architetto non un giurista), non ha avuto argomenti conclusivi e per questo ha attaccato gambardella. Strategia da polli proprio, perchè non ha attaccato Nicco chè è di sinistra, o Perron, rappresentante del partito per Borluzzi male assoluto.

    RispondiElimina
  13. Giusto per la precisione, caro anonimo delle 14.25, sarebbe forse più opportuno dire: "Nicco, che è sostenuto da partiti e movimenti di sinistra, ..."

    RispondiElimina
  14. Alberto Grisero - Aosta8 aprile 2008 15:59

    Premesso che, Giovannacci della Lega Nord, nella trasmissione di oggi mi è sembrato "imbambolato" quanto il cantautore Tricarico (quello che, a Sanremo, vuole una vita tranquilla!) mi pare, francamente, che il gustoso battibecco tra Borluzzi e Gambardella serva (se verrà opportunamente "utilizzato") a risvegliare la Valle d'Aosta dal suo proverbiale sopore. Devo dire, però, che mi è spiaciuto per il giornalista Antonio Mannello; in ogni caso, Giancarlo ha ragione quando afferma che, nella nostra Regione, parlare di federalismo è una barzelletta, visto e considerato che, la Valle d'Aosta, è "arricchita" dallo Stato... Ma questo, a molti valdostani, non fa comodo!

    RispondiElimina
  15. Grandissimo Borluzzi,
    con un colpo di genio ha spazzato via tutti i bla bla di tutti coloro che hanno parlato prima di lui, riservandosi pagine e pagine di giornali.
    Inoltre, credo che nel merito abbia anche ragione.

    RispondiElimina
  16. Alberto Grisero - Aosta9 aprile 2008 16:00

    Non ho avuto modo di constatarlo, ma ho saputo che, persino il Corriere della Sera, ha scritto un trafiletto su questo gustosissimo episodio in salsa valdostana: secondo voi, come andrà a finire?
    P.S: questa volta, almeno, si parla della Valle d'Aosta per motivi che potrebbero interessare persino a livello nazionale...

    RispondiElimina
  17. fettallattuzzi .9 aprile 2008 16:34

    Non ho capito se tu martello mi prendi per la cistifellea o dici ciò che magari in parte pensi . www.azionesocialevalledaosta@hotmail.it .

    RispondiElimina
  18. Alberto Grisero - Aosta9 aprile 2008 16:44

    Egregio anonimo, ti ricordo che, la Valle d'Aosta, deve gratitudine e sottomissione eterna all'Italia: ti dimentichi cosa mai eravate voialtri, prima che arrivassimo noi? Credo, tra l'altro che, fra pochissimo tempo, saranno i servi dell'Union Valdotaine a dovere alzare i tacchi per andarsene: provate a (ri)vendervi ai francesi, come faceste durante la Resistenza! E' la volta buona in cui, Sarkozy, vi spedisce in Corsica, Guyana, Nuova Caledonia e in tutte le colonie di Parigi!

    RispondiElimina
  19. Alberto Grisero - Aosta9 aprile 2008 16:50

    Chiedo scusa ma, per sbaglio, ho postato il mio commento precedente, nel post sottostante a quello relativo al rap sul valdostano medio!

    RispondiElimina
  20. caro Mafarkuzzi,
    spesso non condivido le tue prese di posizione, a volte ti trovo monomaniacale, ma questa volta ti assicuro che è sincera ammirazione per il colpo mediatico che hai portato ma, soprattutto per l'attacco severo alla professionalità dei giornalisti di raitre.
    Chapeau, davvero

    RispondiElimina
  21. Mah, l'osservazione che fai si può fare per ogni parte periferica d'Italia, in realtà dappertutto le condizioni erano quelle che erano con un enorme analfabetismo. Poi occorre osservare che i valdostani non hanno mai cambiato patria dall'anno 1000, e questo è molto importante. Il problema era che come lingua di cultura da noi si studia(va) il francese che era una lingua diplomatica molto importante sino all'ultimo dopoguerra. Per questo si pensava che bastasse parificare l'uso delle due lingue per preservare l'attaccamento al francese, ma in realtà l'italiano è una lingua indispensabile per seguire la vita nazionale ed il francese ha perso importanza rispetto all'inglese. Poi occorre osservare che nel dopoguerra l'insegnamento delle lingue straniere in Italia non era diffuso. Ora occorre raccogliere la sfida di Borluzzi che espone un'esigenza sacrosanta e riuscire a coniugare l'insegnamento del francese con quello dell'inglese, l'ideale sarebbe secondo me pensare ad una riforma della scuola nazionale in cui ci sia un tot di ore che ogni regione decide come utilizzare in maniera da rendere uniformi anche le valutazioni delle maturità e che la Valle dovrebbe usare per il francese, mentre per l'inglese le ore dedicate in Valle dovrebbero essere le stesse dedicate nel resto d'Italia.

    RispondiElimina
  22. bruno courthoud9 aprile 2008 20:54

    Anch'io sono convinto che nel merito abbia ragione Borluzzi, però tutto finirà lì. Ne approfitto per esprimergli la mia solidarietà, visto che altri hanno espresso solidarietà a Gambardella, altri al giornalista RAI, a lui nessuna. Io mi chiedo, che ci sta a fare sto pomposo CORECOM? La Biasiol l'hanno messa lì quando è andata in pensione dalla Regione (dirigente regionale al Turismo, ovviamente) per premiarla della sua fedeltà "lige" (perfino la Bonaudo in un recente convegno a Saint-Vincent ha parlato della fedeltà dei dirigenti). Ho avuto occasione, a suo tempo, per motivi di lavoro, di leggere una sua email a Cerise (si trattava di un comune, guarda un po' proprio Ayas, che aveva convinto Caveri, allora al Turismo, a modificare (nel peggiore dei modi) una norma sulle case e appartamenti per vacanze, naturalmente con quella porcheria di legge che chiamano "omnibus"). Cominciava con: "Caro Alberto ..." e terminava con "Bacioni, Nadia". Per migliorare l'ente pubblico si vuole infatti introdurre uno stile meno burocratico, più confidenziale e vicino al cittadino. L'ing. Rocco mi ha perfino rimandato indietro una lettera, proprio diretta alla Biasiol su questa questione, invitandomi ad essere più "informale" e meno "burocratico". L'ho mandato a quel paese.

    RispondiElimina
  23. Alberto, basterebbe che la VdA diventasse un département francese, senza bisogno di mandare i valdostani in Nuova Caledonia (anche se la prospettiva è alettante vista la latitudine). Posso assicurarti che la qualità della vita in Francia è ben al di sopra di quella italiana. Vero che gli stipendi sono più bassi, ma la République interviene in mille settori per assicurare un'esistenza più che dignitosa a tutti i suoi cittadini. Di più, ultimamente c'è stata un'apertura verso le realtà regionali, in Bretagna, in Alsazia, nei Pirenei e nel Nord-Pas-de-Calais esistono lingue e dialetti locali che la Francia tutta sente suoi. Potrebbe fare lo stesso con la Vallée, n'est-ce pas? Mi pare di comprendere che quando dici "voialtri" ti riferisci ai Salassi e quando dici "noi" dici i pretoriani di Terenzio Varrone. Cosa sarebbero i valdostani oggi senza Roma? Esattamente come gli scozzesi, che ai romani le hanno sempre suonate di santa ragione (vedi l'Adrian's wall) e non mi sembra che la Scozia oggi sia poi cosi' sfigata...

    RispondiElimina
  24. bruno courthoud9 aprile 2008 21:24

    Chissà che cosa pensa Borluzzi dell'ente pubblico leggendo quelle quattro cazzate che ogni tanto scrivo. Certo che lui, se se la prende per così poco, come ha fatto in RAI, non potrà MAI fare il dipendente pubblico, neanche demansionato. Anche perché la realtà è molto, molto peggiore! Per tirargli su il morale e farlo ridere potrei accennargli brevemente a quella dirigente femmina che si è accapigliata nei corridoi con una collega, con tanto di sbattimento di testa contro il muro del corridoio. Il tutto è andato a finire in Cassazione. Dio perdona, l'UV e le donne, no. Per fortuna non ci sono ancora le telecamere e non vanno a raccontare tutto al Corsivo.

    RispondiElimina
  25. Ribadisco che quella di Borluzzi è stata proprio una polemica sterile... Ma perchè attaccare uno come Gambardella, tra i presenti l'unico presentabile perchè pulito dentro e fuori, che si candida per una lista alla quale Borluzzi non ha voluto aderire (senza neanche spiegare bene il perchè peraltro), mentre la sua amica Alessandra (ma la conosce davvero...?) sta con il PDL. Perchè non attaccare Nicco, il quale si era portato tabelle e fogli, o Perron, il quale non sapeva neanche di ciò di cui parlava... Borluzzi parla di mancanza di democrazia in RAI e proprio lui parla di democrazia, candidandosi con una lista con su scritto a caratteri cubitali MUSSOLINI!! Ma per favore

    RispondiElimina
  26. spruzzi,struzzi & calcestruzzi spa10 aprile 2008 07:52

    @ martello . Se mi mandi la tua mail ti invio un dono . azionesocialevalledaosta@hotmail.it

    RispondiElimina
  27. Alberto Grisero - Aosta10 aprile 2008 16:21

    Effettivamente bisogna riconoscere che, in tema linguistico, Uahlim ha detto alcune cose che hanno un fondamento. A mè, però, piacerebbe sapere se, in Gran Bretagna e negli Stati Uniti d'America, si studia, o meno, una lingua straniera, tipo francese o spagnolo, a livello di esperienza culturale.
    P.S: Giancarlo Borluzzi ha spiegato in maniera chiarissima che Azione Sociale, in Valle d'Aosta, non ha voluto allearsi con il Popolo delle Libertà, poiché esso è prono al volere dell'Union Valdotaine (slurp!) Alessandra Mussolini, tra l'altro, l'ho conosciuta anch'io e, nella nostra Regione, è stato fatto passare sotto silenzio il fatto che, Giancarlo, appartiene alla Segreteria NAZIONALE del Partito.

    RispondiElimina
  28. Anonimo delle 21.53 : tra i cinque o sei post censurati c'è anche quello in cui raccontavo i comportamenti di FI nel PDL valdostano che hanno escluso AS dal PDL stesso . Questo come fatto tecnico , ma c'è pure quello politico : divergenza insanabile o quasi di linea . Per presentarsi alle elezioni con un simbolo nazionale ci vuole una delega che è stata concessa per i due predetti motivi ( divergenza di linea e volontà altrui di non farci correre nè soli, come dimostrato da un richiamo azzurro romano del 27 febbraio , e neppure in comitiva , come dimostrato da un voto contrario all'ammissione nel PDL valdostano del 3 marzo , voto manco comunicato e saputo solo grazie all'uccellino di del piero ) . Chi è seduto vicino a qualcuno e ne è più alto può leggere i suoi " appunti" e se li vede combacianti al 100% con le domande del conduttore ( prima tutte le domande , poi di nuovo le domande singole con risposte singole ) è giusto lo faccia notare . Ritengo che chi è chiamato in causa ha un modo banalissimo per ridicolizzare chi fa notare l'incredibile combaciamento : mostrare i fogli per sbugiardare l'accusatore . Non c'è stato questo ma un andarsene frettoloso con i fogli straletti da chi sovrastava per statura . Che tu , anonimo , tifi per qualcuno è umano , ma il tifo non può generare una dinamica di comodo che cancella la dinamica effettiva dei fatti successi .

    RispondiElimina
  29. mafarkuzzi,
    segnalami i "cinque o sei" post censurati, perché a me paiono uno o al massimo due. Non vorrei che ci fossero problemi con blogger. Se è il caso li riposto.
    inoltre, non per giocare con i termini, preferisco "moderati" a "censurati".

    RispondiElimina
  30. faccio un reale, grande sforzo, per non censurare e spero di riuscirci.

    RispondiElimina
  31. Caro eddy , il 5 oppure 6 post moderati lo leggo qui sopra scritto da te . Davvero . Controlla . A me ne hai moderato solo uno .

    RispondiElimina
  32. Eddy , sei incredibile : in questa stessa discussione , il 7 aprile alle 17.29 , hai detto di aver filtrato 4 oppure 5 post , comunicandolo all'autore . Io ritengo il termine " filtrato " equivalente al " moderato " ( ho escluso il termine " censurato" , come vedi ) , ho ricordato " 5 o 6 " , ma erano " 4 o 5 " , di meno ma più dell'uno o due che qui ammetti alle 20.15 di oggi ; anzi , c'ho imbroccato più io di te ...

    RispondiElimina
  33. Diciamo che la differenza tra me e Borluzzi è che io trovo più importante la libertà di scegliere tra la wikipedia francese e quella inglese, piuttosto che quella di scegliere se poter essere in grado di capire l'una oppure l'altra. Credo infatti che con la disponibilità attuale di mezzi (si veda internet, dvd, libri e tv-satellitari) si possa benissimo insegnare più di una lingua straniera senza dover per forza imporre ad un figlio le scelte culturali che farebbe comunque un genitore. Devo dire che a me piacerebbe ci fosse un liceo che fosse una via di mezzo tra lo scientifico ed il linguistico.
    Per me le materie più utli che ho studiato sono state italiano, francese ed inglese, e poi molto dopo matematica, fisica, biologia e chimica ed infine filosofia. Ultimissima secondo me storia e purtroppo non ho fatto troppo bene storia dell'arte ma ho rimediato un po' per conto mio andando a mostre. Mi piacerebbe saper disegnare bene ed avere una cultura musicale, ma penso che le basi debbano essere le lingue. Un'altra cosa che forse manca è un po' di epistemologia.

    RispondiElimina
  34. calma e gesso. Avevo mal interpretato il tuo commento, pensavo che parlassi di cinque o sei commenti censurati a "te". In effetti, tra tutti saranno cinque o sei. touché.

    RispondiElimina
  35. Bravo eddy ad ammettere il disguido . Ancora all'anonimo delle 21.53 di ieri : a me , maniacalmente preciso oltrechè sincero , rompe le palle quando vedo che uno scrive per mero esercizio ginnico delle dita . Mi riferisco alla tua critica a me perchè non me la sarei presa con nicco , che pure possedeva appunti , o perron che secondo te non sapeva cosa diceva . Puntualizzo : perron sapeva benissimo cosa diceva , non è out come tu pari sottintendere nel tuo post , è invece una persona che pensa cose che non vanno condivise da nessun liberale ; ma in quella sede cosa vuoi chiarire ? Nicco era lontano da me , c'erano due persone di mezzo tra cui un perron sempre con le braccia sul tavolo che mi copriva il nicco . In ogni caso io non contesto gli appunti ( che non credo nicco abbia mai letto ) , bensì i 2 fogli A4 , il primo dei quali aveva in cima le tre domande formulate ai candidati in modo assolutamente combaciante nell'ordine e nella terminologia , poi ogni singola domanda seguita ciascuna dalla risposta " letta " , così fino ad arrivare al 30% del secondo foglio ove c'era il titolo riguardante l'appello , seguito dal medesimo . Anonimo , dire che ho sbagliato perchè ambedue avevano appunti significa non aver capito niente da parte tua , io contesto i combaciamenti !Ovviamente in primis , in secundis il darsela a gambe levate per far sparire la prova di quanto dicevo ( salvo tornare meno di un'ora dopo con altra cartellina con un appello iniziante su un foglio all'inizio pagina anzichè al 30% della pagina medesima come da me visto in trasmissione ) . Dovrei aggiungere altri particolari di tipo diverso , ma lo farò in altra sede .

    RispondiElimina
  36. bruno courthoud11 aprile 2008 00:17

    Qualcun altro ha detto che la vita è una malattia incurabile.

    RispondiElimina
  37. Alberto Grisero - Aosta11 aprile 2008 16:13

    Ottimismo a colazione, mio caro Bruno.
    In ogni caso, dopo l'articolo su la Stampa della Valle d'Aosta, avete notato come è stato fatto passare sotto silenzio il battibecco tra Borluzzi e Gambardella? Evidentemente, a qualcuno non fa comodo girare il coltello nella piaga!
    Io, comunque, vorrei eleggere due parlamentari che spezzassero la duplice "commedia" del folklore da battaille des reines e della favoletta di una Valle d'Aosta ancora oggi francòfila! Per fortuna, a Roma non sono fessi...

    RispondiElimina
  38. più che un battibecco mi è parso un "attaccabecco": Gambardella non ha né attaccato né contrattaccato. Forse questa sua mitezza ha dato l'impressione che si sentisse in colpa, ma non è così. Personalmente spero che la vicenda possa essere chiarita, quale che sia la verità, anche se purtroppo in sede non politica. Le ipotesi possono essere ben più d'una.
    Storia è poco simpatica in ogni caso.

    RispondiElimina
  39. La politica è un fatto pubblico . Se io rivolgo pubblicamente un'accusa chiarissima e su cui solo sul momento si può fare inconfutabile chiarezza , chi non replica ma fugge stringendo , anzi arrolando in pugno la prova del tutto , non dimostra mitezza , ma altro . Nella fattispecie , chi viene chiamato in causa e ha in mano quanto può O scagionare se stesso e incolpare di mendacio l'incolpatore O inchiodare se stesso alla dura verità , se scappa per far sparire cosa ha in mano , evidenzia dietro quale dei due O O precedenti è insita la verità . Ci sarebbero tante altre considerazioni da fare , ovviamente partendo però dal fatto inconfutabile che 1-io so leggere + 2-io ho letto e straletto , ma qui c'è chi , per tifo , vuol chiudere gli occhi davanti a ciò che non gli aggrada , per cui il dialogo non è possibile . Certo che è una brutta storia e peccato che l'accusato , politicamente implume , abbia avuto angeli custodi " consiglianti " , a monte et valle , che ora mica favellano dei loro " consigli " .

    RispondiElimina
  40. l'ordalia non è più di moda, mafarkuzzi, e, nel caso, forniva risultati a senso unico e perciò è, grazie a Dio, uscita dalla teoria e dalla prassi giudiziaria. Ti sei fatto una domanda e ti sei dato una risposta, ma non è l'unica possibile. Tu c'eri, io no, hai lanciato tre accuse (foglio con domande, regia dalla regia, telecomando dal cameraman) una della quali smentita proprio da tuo figlio, l'altra semplicemente idiota per chiunque sappia di rai, la terza (temporalmente la prima), per quanto ne so, indimostrabile. Verosimile ma, a quanto mi si dice, indimostrabile.
    Il danno è fatto, il tuo risultato l'hai ottenuto. Perché, per non disturbare le operazioni di voto, non ne parliamo a seggi chiusi e a scrutinio iniziato?

    RispondiElimina
  41. @ eddy : io penso tu riconosca a me la sanità di mente ( se non fosse così , non continuare la lettura di questo post ) . Un sano di mente non lancia un'accusa che potrebbe essere sburgiardata coram populo e inconfutabilmente dopo pochi secondi . Convieni ? Convieni inoltre che chi può sbugiardare coram populo il suo accusatore lo fa ? Convieni che se i comportamenti ( di accusatore e accusato ) fossero capovolti , tu svolgeresti le mie stesse argomentazioni , sposate ovviamente da ogni persona con cui ho parlato , comprese quelle lavorativamente vicine a una delle parti in causa ? Purtroppo qui va sotto i riflettori chi ha usufruito di ciò di cui non doveva fruire , ma credo al 100% non per sua volontà bensì per " consiglio " altrui " , di chi agisce nell'ombra ma di cui è facilmente ipotizzabile l'identikit o gli identikit . Eddy , io sono io , non quello che altri vorrebbero io fossi : voglio dire che sono sempre sincero e detesto le bugie . Non ho folle attorno ( non che le folle attestino la giustezza delle posizioni ... ) , ma convivo con la sincerità e quindi non ho paura di nessuno : chiedo al Signore Iddio di farmi defungere all'istante se racconto una bugia dicendo che io ho letto benissimo e ripetutamente quanto sopra esposto . Preferirei tacessimo tutti in merito , se tu replichi non finiamo più : io non voglio l'ultima parola per principio , la pretendo ora perchè io sono l'unico sincero tra quanti conoscono la verità .

    RispondiElimina
  42. Regia dalla regia e telecomando dal cameraman ? Cosa mio figlio avrebbe smentito ? Eddy , facciamo basta in questo blog in merito , ok ?

    RispondiElimina
  43. ok, è proprio ciò che ho chiesto. Se vuoi, parliamone dopo la chiusura del voto, lunedì o martedì.

    RispondiElimina
  44. Alberto Grisero - Aosta12 aprile 2008 16:58

    Evviva! Il dibattito, intorno a quell'episodio, si è finalmente animato: a mé piacerebbe conoscere l'opinione di ogni frequentatore di questo blog, circa l'argomento. Se davvero Gambardella aveva già le domande e le risposte preparate, escluderei che le responsabilità fossero solo di Mannello... Attenzione! c'è anche chi ricorda come, in tutti i talk-show nazionali, nessun politico si presenta, davanti alle telecamere, senza avere preconcordato le domande e le relative risposte.

    RispondiElimina
  45. http://www.areagiuridica.com per la libera diffusione,reca recenti interessanti provvedimenti giurisdizionali relativi all'illegittimo demansionamento,estromissione,eliminazione dallo ufficio di un lavoratore.Condanna datoriale,(dopo 6 anni dall'inizio processi),al reintegro,esclusivamente nelle mansioni precedentemente svolte.Reintegro eseguito dallo ufficiale giudiziario al termine dell'ulteriore processo di esecuzione,reintegro ritenuto nullo dal I°giudicante e dal tribunale collegiale,il quale reputa necessario il giudizio di ottemperanza,a sentenza definitiva,fra 10-15 anni

    RispondiElimina