PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

14 aprile 2008

(com) union & libération

sintesi brutale di un lungo pomeriggio nel salone regionale attaccati ai monitor che snocciolavano i risultati elettorali seggio dopo seggio:
si a Fosson, no a Perrin, si a Nicco, no a Perron.
In pratica la coalizione UV-FA-SA ha dimostrato di non essere in grado da sola di far eleggere un parlamentare. E' stato il popolo di comunione e liberazione a fare la differenza: sì a Tonino, no a Ego. C'est si simple.
Si tratta ora di sapere chi, tra i trentacinque candidati alle regionali, è stato scelto dalle sezioni e dal Conseil Fédéral per il suo imprinting ciellino così forte da non disperdere i quei voti (non UV) in più che hanno mandato Tonino Fosson a Roma, il voto di chi ha cantato durante la campagna elettorale "dont' cry for me augustina" (dal musical "évita perrón").
In serata grande, secco e breve intervento di Mario Pirani a porta a porta. Non c'entra, ma grande lo stesso.

18 commenti:

  1. bruno courthoud14 aprile 2008 22:45

    per fortuna che l'attuale maggioranza regionale, con acuta preveggenza, ha inserito in quell'orrenda legge (per il modo di operare e per come viene usata) che chiamano "omnibus" una norma apposita che consente ora a perron di iscriversi alle liste di collocamento dell'UV! Altrimenti dovrebbe andare a fare il settimo livello in Regione (a meno che gli trovino un posto da dirigente, il che è tutt'altro che da escludersi).
    Quasi quasi mi faccio cattolico, frequento Cl e mi dò alla politica.

    RispondiElimina
  2. Non è detto sia così, a fare la differenza è anche che al Senato votano i valdostani che hanno dai 25 anni in sù, alla Camera dai 18 anni in sù. Può darsi che sia il voto giovane che abbia premiato la sinistra-sinistra.
    Comunque in valle di sicuro chi ha perso è il centro-destra. Sopratutto alla Camera.

    RispondiElimina
  3. bruno courthoud14 aprile 2008 22:55

    per me, in queste nostre microelezioni regionali, ci ha messo lo zampino domeneddio in persona. Non capisco però perché se la sia presa con l'umile e buon perrin e gli abbia preferito il "farisaico" fosson. A meno che anche domeneddio si sia iscritto all'union.

    RispondiElimina
  4. uahlim,
    analizzando i numeri non è così. Alle regionali, poi, si voterà dai diciotto anni compiuti in su, partiamo di lì.

    RispondiElimina
  5. Non sono stato ad analizzare molto i numeri, effettivamente, anche perchè credo che in vda quelli di ci-elle siano quattro gatti, e non credo che sti quattro gatti alla Camera abbiano votato Nicco, se hanno votato per il Popolo della Libertà hanno regalato la vittoria a Nicco, in effetti Nicco deve ringraziare proprio il Popolo della Libertà per essersi presentati ed i valdostani che li hanno votati. ROTFL.

    RispondiElimina
  6. 1 - il PDL non ha regalato nulla a nessuno, in effetti ha preso circa un punto percentuale e mezzo in più del 2006, variazione che non ha certo influenzato la dinamica UV-SA-FA/Galletto.
    2 - anche lega e AS, relativamente al loro livello, hanno migliorato il risultato del 2006.
    3 - per quale motivo il PDL avrebbe dovuto non presentarsi?
    4 - di gatti il tesoretto personale di Fosson ne ospita tra due e tremila. Fai un po' tu.

    RispondiElimina
  7. Un eletto per ogni corazzata, ma la corazzata Potiomchin rimane una cagata pazzesca ;-)!!! Comunque sì, probabilmente CIELLE presente ad Aosta ha fatto la differenza.

    RispondiElimina
  8. Grazie al PDL l'Union non ha sfondato. Ma il PDL è andato malissimo, solo 600 voti in più al Senato e 500 alla Camera, le percentuali non contano un cazzo, dipendono dall'affluenza bassa. Qualcuno dovrà fare dei mea culpa, in primis i consiglieri regionali, che nei fatti, che gestiscono (per sè) il PDL.

    RispondiElimina
  9. Beh,un bel 2 a 0 allora... tre coalizioni forti hanno dovuto mettere uno di Cl x vincere...bella roba!Diciamo che l'Union va sempre meglio.Ma il loro obiettivo era di sconfiggere i fuoriusciti dal Mouvement e basta.Quindi dar contro a Carlo...

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud15 aprile 2008 13:43

    2006 - parola d'ordine: far fuori Rollandin. Operazione riuscita.
    2008 - contrordine: far fuori Perrin. Operazione riuscita.
    regionali 2008: far fuori Caveri?
    Le faide medioevali tra clan (seigneurs) continuano.
    Dio perdona, l'UV no.

    RispondiElimina
  11. Alberto Grisero - Aosta15 aprile 2008 16:13

    Ho apprezzato l'ironia del post di Eddy Ottoz e, in ogni caso, i maligni dicono che Nicco sia l'unico esponente dell'estrema Sinistra Arcobaleno ad essere entrato nel Parlamento Italiano, mentre, Fosson, sia il quarto senatore a disposizione di Casini (fatte salve le circoscrizioni estere, cui non è ancora stato fornito il risultato definitivo).
    P.S: far fuori Caveri? Siamo sicuri che convenga a qualcuno? Alla fine della fiera, è un personaggio che porta voti...

    RispondiElimina
  12. bruno courthoud15 aprile 2008 20:04

    far fuori Caveri? se non prima, dopo.

    RispondiElimina
  13. Alberto Grisero - Aosta16 aprile 2008 16:06

    Caveri, a differenza della "super coppia" Rollandin-Viérin, non da troppo fastidio, all'interno dell'Union Valdotaine, ed è sufficientemente forte per non farsi fregare. Io, però, al posto suo, avrei fatto carte false, pur di essere candidato al Senato.

    RispondiElimina
  14. bruno courthoud16 aprile 2008 18:14

    Non ne aveva bisogno, avrebbe fatto contenti tutti, ma ha detto NO all'Union.
    Dio perdona, l'Union NO.

    RispondiElimina
  15. pensieri autonomi20 aprile 2008 13:24

    Fa piacere vedere che c'è ancora tanta fiducia nei confronti dell'UV e di "Mamma Regione", però...
    1) sui circa 90mila votanti, dovrebbero essere sui 3mila i dipendenti regionali, ma non ricordo se il numero comprende già quelli che lavorano nelle partecipate, forse no. Domanda: questo può voler dire che la maggior parte NON aspira ad un "settimo livello"?
    2) la storia insegna che all'interno dell'UV ci possono essere molte correnti: ora più che mai, anzi, le forze autonomiste oscillano tra accordi e disaccordi, a prescindere dal nome
    3) Nicco da anni si presenta come indipendente: forse questo ha un suo significato?
    4) CL prima di Fosson aveva sostenuto Marguerettaz (Rudi) ma con una portata in termini di voti piuttosto diversa: per Courthoud, che parla di iscriversi a CL e candidarsi, anche scherzando, forse questo non basta per una poltrona a Palazzo (Regionale o Madama).
    Buona domenica a tutti

    RispondiElimina
  16. bruno courthoud20 aprile 2008 21:09

    courthoud scherzava
    non ha proprio nessuna intenzione di candidarsi, né aspira ed ha mai aspirato a poltrone di alcun genere, in alcun Palazzo (sta bene nella vecchia stalla paterna rimessa un po' a posto)e quindi non si iscriverà a CL: una sua autonoma scelta.
    Buona settimana a tutti.

    RispondiElimina
  17. pensieri autonomi21 aprile 2008 16:47

    A proposito di politica elettorale, c'è un gran parlare di candidati e di poltrone, ma del perché ci sia ancora gente dedita agli affari di Palazzo non si dice molto.
    Si sa qualcosa dei programmi?
    Buona pioggia, beato chi sta all'asciutto.

    RispondiElimina
  18. bruno courthoud22 aprile 2008 07:44

    giustissimo: les programmes d'abord.
    p.s.: mai confondere i programmi con le promesse.

    RispondiElimina