PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

7 gennaio 2008

aggiornamento neoplurali

Claudio Barbaro, che rappresenta in Giunta Coni gli Enti di promozione sportiva, ispirato da camii, frighi, naili ecc. mi segnala due neologismi romani: purmi (plurale di pullman) e firmi (più di un film).

17 commenti:

  1. Alberto Grisero - Aosta7 gennaio 2008 16:58

    Egregio Eddy Ottoz, anche in Valle d'Aosta, con la scusa del bilinguismo, si creano degli improbabili neologismi: l'elenco sarebbe veramente lungo (sia in italiano che in francese), ma vogliamo parlare dei termini svizzeri "syndic" e "patates"?! Oppure, in perfetto stile "2 novembre", degli annunci mortuari che diventano "epigrafi", dell'obitorio che diventa "camera mortuaria" e del rosario in onore dei defunti che diventa "la corona"?! Per il momento non mi viene in mente altro, ma è evidente che, nella nostra regione, si parla una pittoresca lingua creata su misura, al solo scopo di far credere a Roma che siamo bilingui!

    RispondiElimina
  2. Alberto Grisero - Aosta7 gennaio 2008 17:01

    Ah, dimenticavo: in questa civilissima regione, le mamme non partoriscono i bambini ma... li comprano (sic!)

    RispondiElimina
  3. vecchio eufemismo o c'è sempre qualcuno che li vende?

    RispondiElimina
  4. Syndic si è sempre usato in Valle d'Aosta sotto i Savoia, maire solo sotto l'amministrazione napoleonica.
    Interessante il genere del nome val. De Tillier lo usa al femminile nel Nobiliaire, come pure i Challant nei loro testamenti. Purtroppo non è sempre facile distinguere tra particolarismi e strafalcioni. Il sottoscritto ha lottato perchè cambiassero la ragione sociale del caseificio Haut Val d'Ayas prima Haute Val d'Ayas, ma ne è pentito, èerchè crede di aver preso per strafalcione un particolarismo linguistico, anche se l'abbé Henri chiama Guide DU Valpelline la sua guida sulla valpelline, anche se il fatto che la Valpelline non si chiami Valpellin mi fa pensare ad un genere femminile per il termine val.
    Beh, poi ci sono gli strafalcioni come Bienvenus al posto di Bienvenue e café joly (diffuso cognome valdostano) coin al posto di joli coin.
    Salutoni
    Uahlim
    Saluti a tutti.

    RispondiElimina
  5. Comunque io non credo alla dietrologia se si usano ancora i termini corriera e littorina. Difficile imporre al popolo una lingua, il popolo "sceglie" quel che gli è più comodo e che storicamente è avvenuto.

    RispondiElimina
  6. Qualcuno sa cosa sia successo al gen. Zuckov ? TEXAS

    RispondiElimina
  7. La vera anima ( non buonanima ) del vecchio generale si presenterà alle prossime elezioni e allora un blog cosi difficile da gestire non sarebbe stato un buon strumento elettorale. Non è utile farsi dei nemici quando devi cercare consensi. Morale della favola anche coloro che voglio apparire più diversi, sono più uguali degli altri. Almeno eddy non si è mai presentato come il purificatore della società.

    Il Bolscevico molto riposato

    RispondiElimina
  8. Alberto Grisero - Aosta8 gennaio 2008 16:37

    A dire il vero, sin dalla scorsa estate, il titolare di tale blog (che porta un nome e un cognome caro ai tifosi dell'Inter) aveva lasciato intendere che qualcosa non andasse per il verso giusto: prima la lunghissima pausa estiva (ben due mesi!) poi i nervi a fior di pelle (mi ha diffidato dal continuare a partecipare al suo forum perché, parafrasando Nanni Moretti, avevo scritto "qualcosa non proprio di Sinistra"!) ed infine la gag del generale ucciso dai "vrais valdotains" e costretto a comunicare dall'Aldilà (con commenti improntati all'autovittimismo): siamo sicuri che si tratti solo di censura pre-elettorale? In Valle d'Aosta, chi dà fastidio, viene isolato (di Destra o di Sinistra che sia).

    RispondiElimina
  9. Alberto Grisero - Aosta8 gennaio 2008 17:00

    A proposito di persone che danno fastidio, ne approfitto per dire che, dopo avere tentato INVANO di rovinarmi il Capodanno, il Partito unico della mucca valdostana, unitamente a qualche "compagno che sbaglia", mi aspetta al varco per un nuovo agguato: lunedì 14 gennaio, infatti, devo rinnovare la patente di guida e ho avuto modo di notare un inghippo; prima, mi hanno fatto compilare un modulo dove mi viene chiesto se sono invalido, poi però, mi hanno fatto sapere che non c'è bisogno che io "produca" il certificato d'invalidità! Potrebbe essere un modo per incastrarmi e non rinnovarmi... le permis de conduire! In ogni caso, io la visita per la patente devo farla una volta all'anno, dopo che lo psichiatra F.C. mi ha fatto dichiarare invalido civile al 67%, causa disturbi mentali (dopo avere stilato, nei miei confronti, una diagnosi di "soggetto paranoide e psicotico"!) Ricordo anche la visita, presso l'apposita commisione (U.S.L. di Charvensod-Ponte Suaz) del 27 maggio 2002, caratterizzata da una frase illuminante: "Questo signore ha scritto certe cose sulla Valle d'Aosta..." W le Stelle Alpine!

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud8 gennaio 2008 17:08

    aggiornamento ansarhemes (vedi sotto discussione "meditate" e altre successive): una notiziola piccola piccola: pare che Patrick Thérisod, già sindaco e amministratore Università VDA, ora direttore CELVA per meriti politici, e Ildo Chabod, già assessore e presidente Pro Loco, entrambi rossoneri purosangue, trombati alle ultime elezioni comunali da (tra l'altro) altri rossoneri altrettanto purosangue che prima avevano contribuito ad eleggerli trombando sindaco precedente non abbastanza rossonero (non iscritto e fornito di cognome non molto gradito), si siano dimessi perché indagati. Il resto della minoranza (altre due persone tra cui exvicesindaco trombato) si sarebbero dimessi ... per solidarietà (?). Se, come probabile (forse domani), avrò notizie più precise prima dell'ansavda o dei giornalini locali, ve le farò sapere. Grazie.

    RispondiElimina
  11. 2questa ansarhemes mi pare buona: costa molto meno e dice molto di più.

    RispondiElimina
  12. bruno courthoud8 gennaio 2008 23:20

    ansavda ore 19.21: ma sì, dopo il Comune di Col di Ius, cosa volete che siano i rifiuti della Campagna.

    RispondiElimina
  13. sara' forse meglio di ansavda, ma non c'e' comunque paragone con Alp-info! Vogliamo approfondire il confronto?

    RispondiElimina
  14. giusto per confrontare costi e qualità delle notizie, il paragone potrebbe essere utile, essendo Alp-Info (www.alp-info.ch) un'agenzia svizzera con la quale la Regione ha in essere, mi pare, un contratto di collaborazione a titolo oneroso.
    A meno che l'anonimo non intenda invece riferirsi in modo un po' mafiosetto a Info-Alp ("statt'accuorto, Eddy, non parlare di Ansa..."), nel qual caso ha preso un'anonima cantonata.
    Info-Alp era un'iniziativa giornalistica cui ho partecipato in passato, e che collaborava con l'Alp-Info svizzera ad un progetto interreg.
    L'anonimo pizzinaro si tranquillizzi: Info-Alp (www.info-alp.it) ha cessato l'attività da cinque anni. Qualche flebile traccia su siti o pagine mai più aqggiornate, nulla più.

    RispondiElimina
  15. Egregio consigliere Ottoz, non faccia un torto alla sua intelligenza. Non ho né interesse né titolo per difendere l'Ansa. Non è questa la questione e quindi si può rasserenare circa il 'movente mafioso' del post.
    Sono un semplice cittadino e la mia semplicità mi rende difficile la comprensione del suo recente restyling (possiamo chiamarlo così?) politico, culturale ed etico. Il post chiedeva chiarezza, forse in maniera un po' criptica e contorta (ma che lei ha compreso immediatamente) su una vicenda editoriale di cui - come ha ricordato - è stato uno dei (tanti) protagonisti.

    RispondiElimina
  16. oggi sono successe tante cose ed ho incontrato tante persone le quali mi hanno fatto tanti discorsi. Uno non l'ho gradito. Poi è arrivato il suo commento, e poiché in un mondo che si basa sul rapporto causa-effetto, ogni coincidenza è quantomeno sospetta, forse ho frainteso le sue intenzioni.
    Se mi sono sbagliato sarò lieto di rispondere alle sue domande.

    RispondiElimina