PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

27 ottobre 2007

Cesal ha ragione: ecco le prove

Mentre Guido Cesal partecipava ad un comizio a Saint-Christophe, nel parcheggio gli hanno malamente rigato l'auto (foto a destra).
Il presidente dell'Uv ha attribuito l'atto vandalico al clima esasperato della campagna per il referendum del 18 novembre.
A sostegno della sua tesi ha denunciato l'uso illegale del simbolo del Mouvement da parte di Vallée d'Aoste Vive che, ironizzando pubblicamente su uno degli slogan (foto a sinistra) della campagna dell'Uv contro il voto, avrebbe contribuito ad alimentare il clima di scontro.
La prova starebbe nel manifesto incriminato: la punta della matita si sarebbe spezzata proprio nel graffiare l'auto di Cesal.

16 commenti:

  1. Ma se i manifesti erano anonimi, perché in precedenza non porgere querela contro ignoti per uso improprio del simbolo dell'Union? qualcuno mi sa rispondere?

    RispondiElimina
  2. dalla risposta di Louvin alla lettera "stizzita" (vosì la definisce) di Cesal, non mi pare desumere che i manifesti fossero anonimi.

    RispondiElimina
  3. Louvin ha dichiarato:
    «Avremmo voluto modificare i manifesti per non turbare i sonni agitati di Césal - aggiunge Louvin - gettando acqua sul fuoco su di una vicenda che non merita particolare attenzione. Rispettiamo Césal, rispettiamo l'Union ma rispettiamo anche e soprattutto la libertà di espressione. Scendiamo con i toni e ridiamoci sopra». (fonte 12VdA)

    RispondiElimina
  4. pico de paperis27 ottobre 2007 13:33

    Non bastavano i megafoni unionisti di rai , la vallèe , musumarra12vda ,ansa : ora a suo modo si aggrega pure eddyottoz ! O tempora , o mores !

    RispondiElimina
  5. Quale prova c'è che tale auto appartiene a cesal e che il danno è avvenuto a cesal illuminante gli unionisti sulla bontà dell'andare a castagne il 18 novembre ? Da dove arriva tale foto ?

    RispondiElimina
  6. ma secondo voi c'è un disegno dietro all'esternazione di Césal che, attirando l'attenzione su un taroccamento che avevano visto forse in trenta, l'ha fatto conoscere a tutti?
    Se c'è, stento a capirlo.
    La campagna referendaria stava stancamente avviandosi verso il torpore, quando il coup de théatre del Presidente ha riacceso tutti i riflettori, con paginate sui giornali.
    Forse anche la diffida è opera dei referendari; infatti fa il loro gioco.

    RispondiElimina
  7. tamerlano,
    foto presa su www.12vda, non c'è alcun motivo per dubitare dela sua autenticità. A chi gioverebbe?

    RispondiElimina
  8. pico de paperis,
    ti è forse sfuggita l'ironia...?

    RispondiElimina
  9. Tempera matite27 ottobre 2007 21:26

    Temo che Cesal, dopo essersi accorto dell'autogol pazzesco commesso dall'UV con l'invito al non-voto, abbia deciso di assoldare qualche amico di Perron e Marguerettaz (si vedano le foto, pubblicate su noti settimanali locali, del matrimonio celebrato alcune settimane fa in Calabria) per farsi rigare l'auto e poter così accusare i referendari di rendere incandescente il clima elettorale...
    Andiamo a votare in massa per ristabilire la democrazia e la libertà in Valle d'Aosta. E ricordate: se qualcuno vi offre una matita con la punta spezzata, voi ricambiate con un tempera matite!!!

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud27 ottobre 2007 23:23

    se qualcuno avesse la curiosità di andare a vedere, dopo aver temperato la matita, per omogeneità di argomento, ho scarabocchiato qualcosa qui sotto in "no buono", "cinque su sei ..." e "un leopardo ..." buona domenica

    RispondiElimina
  11. caro bruno courthoud leggo che scrivi ogni giorno su 4-5 blog fiumi e fiumi di parole, visto anche i contenuti!! capisco perchè in Regione ti hanno esiliato!! Ti fossi dato da fare ieri come oggi magari chi lo sa... ti suggerisco 15 gg alle Terme, magari torni + rilassato.

    RispondiElimina
  12. Bene : abbiamo capito che, per tempera matite i calabresi sono dei delinquenti.Sbaglio o sei un po' razzista? Vediamo se i tuoi amici antiUV si dissociano!

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud28 ottobre 2007 23:42

    caro anonimo delle 21.11: porta pazienza, ho dovuto per quasi trenta anni tenere su le mutande al mio diretto superiore, moglie di un caro amico lupacchiotto del Presidente e non avevo certo tempo di divertirmi con i blog (che non conoscevo neppure); adesso lascia che mi diverta un po'; d'altronde, se non ci fosse qualcuno come me che scrive cazzate a destra e a sinistra, tu, che probabilmente leggi soltanto, come passeresti il tuo tempo? Cosa mi consigli, le terme di Saint-Vincent o quelle di Pré-Saint-Didier?
    per françois
    non è questione di razzismo o meno, è una questione di professionalità: per tirare una riga su una macchina basta un qualsiasi scemotto di Saint-Christophe. Certo che per i lavori più "professionali" occorre invece ricorrere a esperti non locali: nel mio caso (minacce telefoniche di morte a me ed ai miei familiari in puro stile mafioso), si sono rivolti (i locali) a esperti che lavorano alla periferia di Novara. Invece per sabotarmi la macchina nel tentativo di procurarmi un eventuale incidente è stata più che sufficiente la manodopera locale. A domani.

    RispondiElimina
  14. bruno courthoud28 ottobre 2007 23:44

    p.s. per l'anonimo: aspetto con impazienza che Cesal riapra il suo forum per potermi finalmente concentrare lì.

    RispondiElimina
  15. dai.. ma sei più malvisto di Caveri se ti fanno tutto quello che hai scritto, o mon Dieu ma chi sei tu per spaventare cosi il sistema?

    RispondiElimina
  16. bruno courthoud29 ottobre 2007 09:33

    un anonimo cittadino come te. Ma basta poco per mettere in moto le "rappresaglie" e le intimidazioni dei nostri signorotti. Tutto quanto ho affermato è comunque documentato e (volendo) potrei dirti nomi e cognomi. La magistratura lo ha di fatto riconosciuto dichiarando altamente probabile la ricostruzione effettuata e tale da gettare pesanti ombre ecc. Anche qui in paese tutti conoscono nomi e cognomi (il mandante era allora amico di Caveri, adesso non so, lo hanno, per fortuna, "trombato"). Ma io, ovviamente, non sono Caveri, ed hanno un bel dire che la giustizia è uguale per tutti (ho fornito il n. telefonico del probabile autore del primo messaggio - il secondo è noto -, non hanno neanche verificato a chi appartenesse, per mancanza di fondi, altro che sequestrare computer ed effettuare costose perizie calligrafiche!). Ma fin dall'inizio vi è stata una forte pressione dei mandanti presso gli inquirenti per "insabbiare" il tutto. Ci sono riusciti. Con estrema pazienza e sostituendomi parzialmente agli inquirenti, la ricostruzione altamente probabile e tale da gettare pesanti ombre, ecc... ho dovuto praticamente svolgerla personalmente sostituendomi in parte agli inquirenti. Non m'interessa esporre o far conoscere il mio caso personale, ma solo evidenziare un "comportamento" che pare divenuto prassi anche da noi e a cui occorre ribellarsi invece che lasciar perdere, se non altro facendo conoscere certi metodi e certi "sistemi". Non ti dico quante persone mi hanno invece consigliato di lasciar perdere.
    Ma scusa, chi è Caveri?, mi han detto che Severino ha un nipotino un po' viziato e megalomane. E' lui? Di quale sistema stai parlando? dello stesso di cui ho parlato io più sopra? Mi hanno detto che è in stato confusionale (demenza senile?.

    RispondiElimina