PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

1 ottobre 2007

cell blog

Vi leggo qui sotto, ma da Roma non posso intervenire dal cellulare nei commenti. Fatemi arrivare a casa...

55 commenti:

  1. martini bianco con paraflu2 ottobre 2007 07:51

    Tentiamo di sopravvivere . Ma è dura per i pulcini senza la chioccia .

    RispondiElimina
  2. Eddy, approfitta di questo momento di silenzio per radunare le idee.
    Al tuo ritorno dovrai farci un intervento contenente la spiegazione del perché Andrea Vuillermoz ce l'ha tanto con te.
    Aspettiamo fiduciosi.

    RispondiElimina
  3. Caio Giulio Cesare2 ottobre 2007 10:05

    Si, si, anch'io voglio sapere.

    Caio Giulio Cesare
    c.g.cesare@email.it

    RispondiElimina
  4. grilli al gratin2 ottobre 2007 10:10

    Accodomi .

    RispondiElimina
  5. Caio Giulio Cesare2 ottobre 2007 10:29

    Mi passi la ricetta delle trofie alla sabbia ? Grazie.

    Caio Giulio Cesare
    c.g.cesare@email.it

    RispondiElimina
  6. Andrea Vuillermoz2 ottobre 2007 14:10

    Ma che curiosoni. Nient'altro da fare nelle vs. giornate? Caro panda io non ce l'ho con Ottoz. Ce l'ho con un certo modo di fare politica. Di Ottoz come di tanti altri.Tutto lì. E poi ribadisco: se volete accusare, parlare, sputtanare e essere credibili IDENTIFICATEVI (come faccio io)

    RispondiElimina
  7. ce l'ha, ce l'ha, ma certe situazioni possono essere affrontate solo in presenza di querela di parte, come lui ben sa.

    RispondiElimina
  8. voyons, Andrea Vuillermoz Curiat, voyons...

    RispondiElimina
  9. una precognizione: un anonimo alle porte...

    RispondiElimina
  10. Caio Giulio Cesare2 ottobre 2007 15:01

    Ci fate stare sulle spine.
    Dateci almeno qualche indizio.
    Senza querele, per carità.

    Caio Giulio Cesare

    RispondiElimina
  11. Andrea Vuillermoz2 ottobre 2007 15:13

    Gli anonimi caro Eddy sono tutti tuoi amici... E poi ormai, per fortuna, il 2008 è alle porte.

    RispondiElimina
  12. Caio Giulio Cesare2 ottobre 2007 15:28

    Caspita, allora è vero.
    Dai che forse sapremo.
    Minchia è meglio di Beautiful.

    Caio Giulio Cesare

    RispondiElimina
  13. Andrea Vuillermoz2 ottobre 2007 15:36

    Caio Giulio. da ora STOP. Non risponderò più a nessuna provocazione se non a chi da persona seria si firma. il 2008 alle porte inteso come elezioni Ciauuu

    RispondiElimina
  14. Caio Giulio Cesare2 ottobre 2007 16:03

    Nooooooooooooo !!!!!
    Non ci lasciare così, senza sapere.
    E' un dolore enorme.
    E poi io non sono anonimo, caspita, mi chiamo Caio Giulio Cesare (Roma, 12 luglio 100 a.C.- Roma, 15 marzo 44 a.C.).
    Sono nato nella Suburra, quartiere tutt'altro che nobiliare, dove mio padre Caio Cesare e sua moglie Aurelia vivevano, da un'antichissima e nota famiglia patrizia, la Gens Julia o Iulia, che si diceva discendente da Iulo (o Ascanio), figlio del principe troiano Enea, secondo il mito figlio a sua volta di Venere.
    Ho avuto quattro mogli (Cossuzia, Cornelia, Pompea e Calpurnia).
    Serve sapere altro?

    Caio Giulio Cesare
    c.g.cesare@email.it

    RispondiElimina
  15. Lascia perdere Andrea come dici tu,tra otto mesi sapremo chi stà da questa parte della linea e chi dall'altra,dispiace constatare che purtroppo le ragioni del cambio di "IDEE" non sono poi così nobili come tutti quanti i "Fuoriusciti" cercano di imporre come tali.Io credo e ho sempre pensato che l'Union non è piu' visto come il movimento da "Utilizzare" perciò chi era lì solo per comodo adesso fugge,sparando sul mucchio!!!!
    Se si hanno personalità e capacità bisogna lottare nell'interno, altrimenti in qualsiasi posto si rimane dei gregari.Sicuramente c'è da sistemare qualcosa ,ma per favore non siamo (noi Unionisti)diventati,di colpo spazzatura.Non credo che Eddy pensi questo.

    RispondiElimina
  16. Andrea Vuillermoz3 ottobre 2007 08:03

    Infatti Francois, molti, troppi, che si erano iscritti all'UV per mero interesse personale hanno capito che "non c'è più trippa per gatti" e con scuse a volte veramente ridicole hanno per così dire, svoltato. Intanto "chissenefrega" e poi a giugno 2008 faremo i conti (quelli veri).

    RispondiElimina
  17. Corrado Olivotto3 ottobre 2007 08:54

    Io non mi sono iscritto per interesse ma per convinzione, una convinzione che ho espresso in modo chiaro più volte.

    I metodi e le rigidità che ho poi incontrato mi hanno messo in difficoltà ed anche Bionaz col suo francese e tu con la tua intimazione ad uscire dalle palle avete contribuito.

    Finché ero freeoliver sul blog di Caveri mi scrivevi "bravo free, forza free ..." poi quando ho espresso qualche parere non allineato sono diventato una zavorra di cui liberarsi.

    Forse l'Union questo calo di consenso se lo sta proprio cercando visto e considerato che il Peuple sta pubblicando editoriali che neanche il Partito Comunista Bulgaro avrebbe mai pubblicato.

    Ma vi/ti è tanto difficile accettare e vivere serenamente il confronto democratico? Credi/credete veramente di essere unici depositaari della verità?

    Se non rinnoverò la tessera sarà anche grazie a atteggiamenti come il tuo ma tanto ... a te che te ne frega, a te fa piacere, ti va bene così.

    Povero Mouvement.

    Corrado

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. banana split al virus HIV3 ottobre 2007 15:17

    Interessantissimo .

    RispondiElimina
  20. bruno courthoud3 ottobre 2007 15:33

    Forza e coraggio a chiunque per qualunque motivo ha sostato anche solo temporaneamente e momentaneamente nelle tane e nei circoli carbonari unionisti e non (errare è umano, perseverare è diabolico): raccontateci senza pudore le vostre esperienze, fate del vero giornalismo, ve ne saremo grati, le vostre testimonianze sono senz'altro attendibili e vi perdoniamo fin d'ora gli eventuali peccatucci del passato. E' vero, ad es., come qualcuno sussurra, che l'attuale "padrone delle acque", quando, da buon veterinario, si occupava ancora di mucche, ha insegnato ai valdostani a "rubare"? E' vero che tutto, o quasi (per lo meno per quanto concerne l'abitudine sistematica e non occasionale al "malgoverno"), è cominciato da lì? E' vero che i valdostani sono stati da allora informati ed istruiti su pratiche di governo fino ad allora qui poco conosciute e poco praticate? Queste ed altre informazioni potrebbero essere utili per la futura predisposizione di una lista di eventuali candidati "non votabili" per un consiglio regionale almeno "pulito".

    RispondiElimina
  21. Andrea Vuillermoz3 ottobre 2007 15:34

    Ma come si fa a dare credito a chi sputa veleno e sentenze nascosto dietro l'anonimato. Pazzesco. Vuoi essere ascoltato povero anonimuccio? Fatti riconoscere sennò torna nel buco da dove sei uscito. Eddy, queste sarebbero le persone che non hanno voce in Valle? Le persone alle quali l'Uv nella sua estrema cattiveria ha tappato la bocca, tarpato le ali?
    Se il livello è questo capisco perchè e tu, per dare un minimo di credibilità al tuo blog dovresti rivedere la possibilità di accedervi. O forse era proprio questo che volevi...

    RispondiElimina
  22. françois,
    proprio così, non lo penso. Dovremmo però evitare di rispondere ad accuse mai lanciate, per non dare l'impressione che siano state lanciate per davvero.
    Chi vede o ha visto l'Union come il movimento "da utilizzare"?
    Chi era lì solo per comodo?
    Chi ha detto che gli unionisti sono diventaqti spazzatura?
    Nessuno. Appunto, nessuno.

    RispondiElimina
  23. ineffabile Andrea Vuillermoz Curiat:
    chi si è iscritto all'UV per mero interesse?
    chi ha capito che non c'è più trippa per gatti?
    chi accampa scuse ridicole?
    chi ha, per così dire, svoltato?
    Fai qualche nome, se ne conosci e se ha il coraggio.

    RispondiElimina
  24. bruno courthoud3 ottobre 2007 15:53

    non credo proprio che Eddy mangi trippa per gatti, né che avesse bisogno dell'UV per farsi conoscere e apprezzare. A proposito, chi è Giulio Vuillermoz?

    RispondiElimina
  25. bruno courthoud3 ottobre 2007 16:12

    pardon, Andrea Vuillermoz?

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  27. Andrea Vuillermoz3 ottobre 2007 16:58

    Eddy, se ne conosco? Ma per favore... Di sicuro non li dico qui (così mi querelano) ma nelle sedi preposte (a differenza di altri unionisti che parlano al bar e poi quando devono sconigliano).

    RispondiElimina
  28. "sconigliano": un altro lapsus freudiano?

    RispondiElimina
  29. pensa un po': mi ero illuso che ti riferissi a me...

    RispondiElimina
  30. C'è anonimo e anonimo, l'anonimo buono e quello cattivo, e si vede.

    Avrete notato che ho appena tolto due commenti anonimi, contenenti pesanti accuse ad Augusto Rollandin. Accuse infamanti e non provate.
    Se l'anonimo (o gli anonimi) che li avevano postati avranno la cortesia di inviare alla mia email gli stessi commenti, accompagnati dallo scanning di un loro documento di identità, il sottoscritto si occuperà volentieri della vicenda. In caso contrario i commenti cestinati tali rimarranno, pregando gli anonimi una volta di più di apprezzare la possibilità che è data loro qui di esprimersi liberamente, che trova un limite però nell'insulto.
    Grazie per la comprensione.
    Pregherei Bruno Courthoud, che si è lasciato trascinare dalla foga della sua penna, di rettificare o confermare, evitando però certi termini. Sapete ragazzi, il commento ce lo mettete voi, ma il c..o ce lo metto io...

    RispondiElimina
  31. Eddy non puoi dire che in questi ultimi tempi, i vari Courthoud,anonimi e tutti gli altri nomi di fantasia, che sono ospiti del tuo forum,non abbiano come minimo esagerato nei confronti di chi come me,è Unionista,sono state dette frasi anche offensive e sovente al limite.Comunque credo di interpretare anche il pensiero di Andrea, (che non conosco)dicendo che, quello che mi dà piu' fastidio sono le critiche alla maniera di agire dell'UV, fatta da chi per anni è stato protagonista ai vertici dello stesso.Per questo mi viene da pensare che qualcuno sia rimasto solo perchè il movimento era forte e adesso alle prime difficoltà abbandona, la barca,che ha sicuramente bisogno di un restauro, ma non per questo deve essere abbandonata a se stessa.Se tu fossi ai margini della politica valdostana,non ti verrebbe il dubbio, che questi molti di questi signori (e tra un po' anche signore)lasciano il movimento per il solo fatto, che per cinque anni non potranno ricandidarsi?

    RispondiElimina
  32. Personalmente non sono mai stato protagonista o non protagonista, e comunque non ai vertici dell'Union. Né mi pare di avere mai, qui o altrove, usato frasi offensive nei confronti di alcuno o di avere giudicato la maniera di agire dell'UV. Se così non è, segnalamelo e sarò felice di rettificare.
    Ciò non toglie che non condivida certe posizioni politiche, in particolare oggi nei confronti dello strumento referendario e della necessaria azione di contenimento dei costi della politica. Farei distinzione tra anonimo e anonimo. Qualche anonimo gioca anche su due tavoli, ogni tanto anonimo e ogni tanto no. E' palese, anche un po' puerile, ma rispetto le posizioni di tutti, senza per questo rinunciare alle mie.
    Che i nobili motivi troppo nobili talora non siano è certamente possibile, ma non per tutti. Che si sia creato in Valle, progressivamente, un deficit di democrazia è sotto gli occhi di tutti, che la percezione di tutto ciò si acuisca in un momento nel quale i classici strumenti di consenso stanno perdendo la loro potenza di fuoco è altrettanto evidente. Che si debba lavorare tutti per questa Valle è la cosa che conta. Che poi gli scontri di ambizioni personali rendano il tutto più difficile, vogliamo negarlo?
    Certamente la turbolenza attuale fa eccedere coloro che attaccano, ma, intendiamoci, dall'altra parte autocritica zero, la disponibilità a guardare giù in strada l'umore della gente è scarsa, la sequenza degli appuntamenti incalza: PD, congresso UV, elezioni Courmayeur, referendum, il tutto praticamente entro un mese, una botta alla settimana. Non è facile trovare il tempo di pensare.

    RispondiElimina
  33. bruno courthoud3 ottobre 2007 22:59

    Confermo quanto ho scritto, assumendomene in proprio l'intera responsabilità, qualora responsabilità vi fossero: ho già aggiunto personalmente delle virgolette, che escludono una lettura letterale del termine più delicato (così almeno ho imparato dalla magistratura di Aosta, che di fronte ad una ingiustificata accusa di "latitanza" dal lavoro nei miei confronti da parte del mio dirigente, ha archiviato il tutto in quanto "latitanza" con le virgolette non ha lo stesso significato di latitanza senza virgolette). Aggiungo che sono solo voci raccolte per strada, da persona però molto bene informata, e pertanto credibile, la cui identità non rivelerò, ovviamente, neanche sotto tortura. Non mi sono pertanto lasciato trascinare dalla foga della penna.
    Diffamare è giustamente un reato e i politici lo sanno bene (hanno la querela facile, vedasi Caveri, sempre pronto a minacciarla): sanno però difendersi molto bene, non lasciando quasi mai tracce del loro operato alle spalle e pertanto rendendosi invulnerabili e "vittime": la verità in questo modo non viene mai a galla, anzi chi la dice o sussurra, rischia di venire per lo meno querelato (personalmente temo molto di più le vigliacche minacce di morte, anche ai familiari, le intimidazioni, le ritorsioni, gli "incidenti automobilistici" ecc. - mi riferisco a modeste esperienze personali, tutte ovviamente archiviate dalla magistratura). Ma forse qualche volta è bene che qualcuno corra questo rischio, riportando correttamente quello che sa o sa che si dice. Questo ovviamente in questo momento vale esclusivamente per la mia persona. Se Eddy ritiene invece o valuta che vi siano rischi anche minimi per la sua persona in qualità di amministratore del blog, provveda pure di conseguenza senza alcun problema.
    Era mia intenzione aggiungere un paio di nomi alle eventuali persone "ineleggibili" nel 2008 per un consiglio regionale pulito. Le iniziali dell'altra persona vedo che sono state cancellate. Sarà per un'altra volta, se capiterà.

    RispondiElimina
  34. Approfitto della tua diponibilità.Secondo me l'union in questi ultimi anni è andata troppo a sinistra e la cosa strana è che, a parte Vierin Ettore, tutti gli altri "Fuoriusciti" sono andati in quella direzione,vuol dire che non erano abbastanza soddisfatti sulle scelte delle alleanze,o la cosa non c'entra niente?
    Tu cosa ne pensi?

    RispondiElimina
  35. Entassement à gauche, l'egemonia del pensiero unico.
    Saint-Vincent ha le terme, ma per Fiuggi mancano ancora 782km.

    RispondiElimina
  36. Corrado Olivotto4 ottobre 2007 09:24

    RIPETO:

    Io non mi sono iscritto per interesse ma per convinzione, una convinzione che ho espresso in modo chiaro più volte.

    I metodi e le rigidità che ho poi incontrato mi hanno messo in difficoltà ed anche Bionaz col suo francese e tu con la tua intimazione ad uscire dalle palle avete contribuito.

    Finché ero freeoliver sul blog di Caveri mi scrivevi "bravo free, forza free ..." poi quando ho espresso qualche parere non allineato sono diventato una zavorra di cui liberarsi.

    Forse l'Union questo calo di consenso se lo sta proprio cercando visto e considerato che il Peuple sta pubblicando editoriali che neanche il Partito Comunista Bulgaro avrebbe mai pubblicato.

    Ma vi/ti è tanto difficile accettare e vivere serenamente il confronto democratico? Credi/credete veramente di essere unici depositaari della verità?

    Se non rinnoverò la tessera sarà anche grazie a atteggiamenti come il tuo ma tanto ... a te che te ne frega, a te fa piacere, ti va bene così.

    Povero Mouvement.

    Corrado

    HO DIRITTO AD UNA RISPOSTA CIVILE ?

    RispondiElimina
  37. Il sig. François accusa i "fuoriusciti" di essersi gettati a sinistra (eccetto Ettore Viérin, che ha aderito a Forza Italia) e manifesta incredulità per questa loro scelta, dal momento che, a suo parere, già l'UV, negli ultimi anni, guardava troppo da quella parte. Vorrei precisare che non mi risulta che Augusto Rollandin abbia mai coltivato consolidati rapporti e contatti con la sinistra né che, nei suoi anni di permanenza al Senato, abbia bistrattato o fieramente osteggiato il governo di centrodestra del cavalier Berlusconi.
    Ciò che appare innegabile, e anche Eddy lo riconosce, è il progressivo deficit di democrazia che si registra in Valle d'Aosta. Gli atteggiamenti autoritari dell'UV sono facilmente rintracciabili così come è facilmente verificabile il controllo capillare del voto: ne avremo una dimostrazione chiara il 18 novembre, quando dai soliti noti verranno stilate le liste dei votanti (per i quali si prospettano severe reprimende e punizioni); e ne avremo un'ulteriore riprova qualora il referendum sulla preferenza unica dovesse fallire per mancato raggiungimento del quorum (sull'ipotesi che vinca il SI, in caso di superamento del 45% dei votanti, non ho dubbi). Posso comprendere gli unionisti che si indignano contro coloro che paventano pericoli reali per la democrazia e la libertà nella nostra amata Valle, tuttavia un'analisi più lucida e distaccata consentirebbe loro di scorgere gli stessi rischi, alimentati da una dirigenza del loro movimento ormai ammorbata e completamente avulsa dai reali problemi dei valdostani. Anche la cosiddetta partecipazione degli aderenti e iscritti all'UV alle scelte politiche si riduce a ratifiche plebiscitarie durante affrettate riunioni sezionali di decisioni prese altrove, in organismi ristretti, controllati ed oppressi dal dualismo e dalla forte rivalità tra i due leaders principali del mouvement.
    Invito gli unionisti a ponderare, con molta calma, sulla realtà politica in cui ci troviamo immersi; sono sicuro che correranno in massa a votare ai referendum, ovviamente dando un voto ragionato a ciascuno dei cinque quesiti!

    RispondiElimina
  38. Invece Perrin non riesce a cavare un ragno dal buco,nell'unica occasione, dove i voti dei nostri rappresentanti contano. Complimenti per la decisione e l'intraprendenza con cui portano a casa un bel niente!!!!!!!!!!!Già, ma loro rispettano gli accordi fatti prima delle elezioni.Buon riposo.

    RispondiElimina
  39. Andrea Vuillermoz4 ottobre 2007 15:28

    Francois, pensa se al posto di Perrin ci fosse ancora il tanto vituperato Gueste. Pensa a cosa avremmo (tutti noi valdostani) portato a casa.

    RispondiElimina
  40. bruno courthoud4 ottobre 2007 16:40

    tutta qui la politica? portare a casa quanto più si può?

    RispondiElimina
  41. tarte tatin alla senape4 ottobre 2007 16:52

    Da inserire negli annali della Valle d'Aosta nonchè da riferire al mondo intero . Un capoccia rossonero candidamente ammette il compito che dovrebbero svolgere i parlamentari eletti in questa regione : " portare a casa " da Roma ! Complimenti , lo Stato per Andrea Vuillermoz è una mucca da mungere e quanto più uno munge più è bravo !!!!! Anche se il latte è statale poco conta , qui ci sono tanti ingenui che bevono la fiaba del latte regionale dono del leone . Grazie e complimenti per la sincerità .

    RispondiElimina
  42. Ex martello (ora Cuor di Leone)4 ottobre 2007 16:57

    E poi ci stupiamo se alle accuse di voto di scambio, oppure ai tentativi di fermare il controllo e la compravendita del voto (cfr. il referendum sulla preferenza unica), i puri e duri dell'UV rispondono con un'alzata di spalle o con l'invito all'astensione! La loro cultura politica si ferma alla capacità di monetizzare il proprio voto determinante. Val più l'affermazione di Andrea di un trattato.

    RispondiElimina
  43. mezze penne al detersivo4 ottobre 2007 19:12

    Chi non prende bene le misure la fa fuori dal vaso .

    RispondiElimina
  44. bruno courthoud4 ottobre 2007 23:10

    Saremo eternamente grati a françois e ad Andrea Vuillermoz per aver definitivamente chiarito i nostri dilemmi. E' tutta questione di trippa per i gatti da raccogliere a Roma e distribuire ad Aosta. E noi che ragionavamo di statuto dell'UV, etnie. fédéralisme global, federalismo fiscale, autonomie, Emile Chanoux, pensiero unico dell'UV! Dentro o fuori dal vaso, l'hanno fatta! Era ora!

    RispondiElimina
  45. Sig.Bruno,provi a vivere solamente di teoria, di idee e così via,vediamo quanto campa.Perchè ogni tanto sento parlare degli interessi dei Valdostani? Se poi stando a quanto dice lei a Roma bisogna solo andarci, per portare a conoscenza degli altri, chissà che cosa.Certo bisognerebbe essere bravi a fare qualcosa di concreto,per noi, visto che sono stati eletti in Vda o forse lei e quelli come lei che sanno tutto e dano lezioni di stile a tutti,pensano che siano gli eletti della Sicilia, o quelli della Puglia che devono dire qualcosa a nostro favore.Io non sono un capoccia, ma un semplice cittadino Valdostano che vota Union senza vergognarsi,soprattutto ho rispetto per gli altrui pensieri,o militanze politiche,contrariamente a lei che si crede dio in terra e si permette di giudicare in modo vergognoso quelli che non la pensano come lei.Se lei in passato a subito dei torti, non creda di essere il solo e soprattutto non ne faccia sempre una questione politica.

    RispondiElimina
  46. Andrea Vuillermoz5 ottobre 2007 09:44

    Courthoud, tu che hai scaldato la sedia in regione per 30 anni hai fatto molto per la tua regione vero?

    RispondiElimina
  47. bruno courthoud5 ottobre 2007 17:09

    Gueste, gueste, perché ci hai abbandonati?
    françois e andrea vuillermoz sconsolati posero.
    per françois: sei un pò incazzato? calmati. Non basta raccogliere trippa e darla ai gatti, occorre almeno che i gatti sappiano farne qualcosa. Guardati intorno (agricoltura, turismo, funivie, casinò, industrie, ecc. è tutto un fallimento e un tappar buchi).
    Se vuoi approfondire le tue conoscenze in materia di "noi poveri valdostani", leggiti i verbali delle Assemblées des trois états (senza pregiudizi). Un consiglio? Tiriamoci su i pantaloni, invece di piangere sempre miseria, ieri a Torino, oggi a Roma: di paesi montani svantaggiati son piene le Alpi (ed il mondo).
    per andrea vuillermoz: credo di aver dato alla regione più di quanto non abbia ricevuto. Vuole davvero che le faccia un elenco di chi scalda ed ha scaldato la sedia in regione? Dispostissimo (cito i torti subiti solo perché sono emblematici di un modo di operare, non certo per farmi compatire).
    Per quanto concerne l'operar teorico e pratico: mi va bene, ma allora finitela di prendere per il c..o la gente con ideali, autonomia, federalismo, chanoux e non chanoux, abolite lo statuto dell'Uv o per lo meno riscrivetelo
    Tanti auguri all'UV SpA.

    RispondiElimina
  48. pantegana al cartoccio5 ottobre 2007 17:33

    Chi la fa la copra . Ma qui uno l'ha fatta e si è scordato di metterci un pietrone sopra , scatenando reazioni commisurate . Possibile che il non copritore non commenti ulteriormente la sua uscita , dicendoci se afferra di averla fatta grossa e smettendo di ritenere il suo silenzio dorato solo perchè dopo il suo deposito altri hanno lasciato qui il loro post ? Portare a casa , portare a casa , portare a casa ....

    RispondiElimina
  49. bruno courthoud5 ottobre 2007 17:54

    evidentemente non c'è modo di coprire: sono cose che tutti sanno, mancava solo la confessione.
    P.s. per andrea vuillermoz: se vuole posso anticiparle il nome del Direttore della Direzione (sic!) alla quale ho tenuto su le mutande per trent'anni.

    RispondiElimina
  50. François, a leggere bene "capoccia non era rivolto a te, ma piuttosto all'ineffabile autore del commento del 4 ottobre ore 14.28. In realtà, più che "capoccia", nel caso sarebbe più adatto "capoccetta", che però in romanesco è affettuoso (famo capoccetta). No buono. Ci sarebbe allora "Capoccetto rosso", che però è una crittografia a chiave per "Bertinotti, comunista testardo" (vedi www.nextonline.it/archivio/18/13.htm). Ci sarebbe infine Capoccetto rozzo (vedi www.colonnaromana.it/forum/index.php?showtopic=6011), ma non so se ci si volesse spingere fino qui, anche se la metafora è suggestiva e a sprazzi illuminante. Boh...

    RispondiElimina
  51. Bruno,
    se la superficie della losa è inferiore a quella della busa, che 'vvoi coprì?

    RispondiElimina
  52. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  53. bruno courthoud6 ottobre 2007 09:32

    Neanche con una losa norvegese?
    Eddy, ci hai fornito altri due nomi (che già conoscevamo già) da aggiungere alla lista dei proscritti in vista di un consiglio regionale pulito (almeno quello).
    Aggiungo: già Caveri aveva detto o scritto da qualche parte che, se lui fosse ora a Roma, avrebbe avuto bisogno di un Jumbo per "portare a casa" quanto raccolto, e non di una modesta carriola come Nicco e Perrin (sarà per questo che vuole ampliare l'aeroporto?). Peccato che in tanti anni non sia riuscito a portare a casa la caserma Testafochi, già pronta ed impacchettata da più di venti anni.
    Se a qualcuno interessa l'uso delle virgolette antiquerela, posso fornirgli le testuali parole della magistratura: sono importantimme!

    RispondiElimina
  54. ma non sono piccole e nere?

    RispondiElimina
  55. Ci siamo..� giunta l'ora del pianto delle imprese!!avete letto la stampa di oggi? dopo essere stati colti con le mani nella marmellata i bambini sfoderano l'arma del "chiudo e licenzio tutti", il solito ricatto morale...che tristezza...

    RispondiElimina