PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

28 febbraio 2008

Laurent il Giovane utilizza Windows o Mac?

Annullata l'annunciata maratona cinematografica dedicata ai "Beatles".
Figura di m....?
No? Si? Boh...
Apple è titolare dei diritti di "'A hard day's night', 'Magical mystery tour', 'Yellow submarine' e 'Let it be'.
"
Interpellati a tale proposito - dichiara l'Assessore Vierin il Giovane" - e sollecitati a concedere il loro assenso a proiettare i film in occasione dell'evento che caratterizza la nostra regione, i responsabili della 'Apple' hanno risposto con un netto rifiuto".
Ma guarda un po' questi cattivoni della Apple...
Hanno però, i giornalisti, fatto proprio tutte le domande giuste? Per dire:
- l'assenso richiesto era per proiettare i film a titolo gratuito?
- ci si era "dimenticati" inizialmente di chiederlo?
- "netto rifiuto" di Apple o normale richiesta di pagamento di diritti?
- il preventivo teneva conto del costo di eventuali diritti di terzi?
- la delibera di spesa aveva considerato questo costo?
- come vengono gestite le istruttorie delle mostre e le relative delibere?
- Laurent Vierin considera ora Apple un nemico dell'autonomia?

98 commenti:

  1. bruno courthoud28 febbraio 2008 10:50

    Giuste le domande che poni, ma, gira e rigira, nel piccolo come nel grande, torniamo sempre allo stesso problema (che ormai stà rasentando il ridicolo): Viérin le jeune sa o non sa? è tenuto a sapere oppure no? non può non sapere o può non sapere?
    Ieri è stato condannato Massimo Pasqualotto per omicidio colposo in quanto, di fronte a ben tre allarmi di pericolo, non ha avvertito chi di dovere (la protezione civile in primis, penso, se non erro alle dipendenze della Presidenza della Giunta). Quindi la protezione civile non sapeva niente, non s'è accorta che pioveva, e se anche se n'è accorta, non era tenuta a preoccuparsi.
    E come potremo ancora fidarci di un geologo che non avverte chi di dovere? Mi limito qui ad osservare che il geologo "ufficiale", vincitore a suo tempo del concorso per il posto di "geologo regionale" è da tempo demansionato ed in cella d'isolamento, senza mansioni e con un incarico inesistente in legge di "collaboratore". Personalmente l'ho conosciuto ed apprezzato, sia dal punto di vista della correttezza professionale che della intrinseca conoscenza della materia; aveva però un grande difetto: era un po' troppo ligio nel suo lavoro.
    Un altro banale ma significativo esempio tratto dalla mia esperienza personale: nel breve periodo (un mese), in cui ho svolto le mansioni di direttore, prima dell'"incidente" con l'allora coordinatore, ho chiesto formalmente ai miei superiori alcune indicazioni (programmi, ecc.) previste dalla legge per poter impostare correttamente il lavoro della Direzione. Ovviamente non ho mai avuto alcuna risposta. Mi è stato invece riferito che le mie richieste sarebbero state giudicate "inopportune".
    Che un dirigente, prima di scrivere qualcosa (= fare il proprio dovere), debba richiedere per le vie brevi ai suoi superiori se la sua richiesta o segnalazione è giudicata o meno opportuna?
    Intanto Viérin le vieux, ad ogni chiusura di processo, si frega le mani e sorride furbescamente sotto i baffi.
    p.s. come scriveva spesso l'economista Ricossa sulla Stampa, credo che la più urgente di tutte le riforme, in Italia, sia lo stop allo spoils system alla vapellenentze ed il ritorno alla Costituzione (nella pubblica amministrazione si accede per concorsi pubblici). A meno che a tutti vada bene così.

    RispondiElimina
  2. A volte ho sorriso nel leggere la definizione che usa sempre Grisero quando parla della VDA: la Repubblica delle banane.
    Debbo dire però che, depurata dagli accenti esagerati che il nostro utilizza, questa definizione si adatta perfettamente ad un sistema gestito in modo così dilettantesco.

    Sono onestamente stanco di vedere che le priorità per i nostri politici sono l'A.P.F. (= viaggi gratis per Perron nel mondo), i prodotti tipici (= un formaggio e un paio di vini che non riescono neanche a ritagliarsi una fetta di mercato), il bilinguismo (= lasciamo perdere ...) e gli sport de noutra tera (= la cirimella e il gioco da spiaggia dei piattelli opportunamente ribattezzati).

    Quando Grisero parla di Repubblica delle banane ha ragione.
    Ci vantiamo tanto del welfare valdostano e del livello di vita dei cittadini, e non ci rendiamo conto che con tutti i soldi che passano nelle mani della Regione chiunque avrebbe potuto assicurare un livello di benessere come quello attuale.
    Non siamo però stati capaci di dare vita a un sistema economico maturo che sappia stare in piedi da se.

    Se un vero federalismo (non solo fiscale) un domani dovesse metterci in condizioni di camminare con le nostre gambe cosa succederebbe?
    1) tutte le superstalle di cui sono piene le vallate sarebbero destinate alla chiusura in quanto nessun allevatore produce ricchezza sufficiente per mantenere strutture del genere;
    2) le società che gestiscono le piste di sci andrebbero a gambe all'aria (forse con l'eccezione di Pila, Courmayeur e Cervinia ma neanche sicuro ...);
    3) gli alberghi alla prima stagione negativa verrebbero chiusi o riconvertiti in alloggi da vendere;
    4) le famiglie ricomincerebbero a comprare i libri di testo ai figli;
    5) forse la sanità se la caverebbe;
    6) Cofruit, Cva, Casinò, e tutte le altre aziende mantenute sparirebbero all'istante;
    7) Carema non insisterebbe più per cambiare Regione.

    A volte mi sono trovato a dire che l'Union Valdotaine è lo specchio cacato e sputato del PCI nell'Emilia Romagna, però una differenza c'è, e grossa, il PCI in quelle zone ha saputo costruire un tessuto produttivo di beni e servizi che oggi è in grado di tenere in piedi l'economia regionale, l'UV no.

    Ecco, questi sono i pensieri che mi suscita il dilettantismo dell'enfant prodige.

    Però sa il francese, oh didon ...

    RispondiElimina
  3. Francamente non ho capito cosa volete. Vi lamentate che la Valle è assistita ma vi lamentate, quindi volete, se vi lamentate. Ma cosa volete? Cosa pretendete? E se pretendete non avete forse una mentalità da persone che pretendono di essere assistite? Se fossimo soli, se qui, se li', ma non siamo soli, la Val d'Ayas è il fuoriporta di Milano (più che di Torino) ed il turismo dipende molto dall'economia meneghina. I quattro formaggi e due vini che denigrate sono amati dai milanesi che vengono qui, non importa che non sono prodotti a milioni, sono un motivo per cui la gente qui viene e che comunque abbellisce il loro soggiorno, lo stesso tante pacchianate folkloristiche, ma voi le disprezzate e disprezzate i turisti che si accontentano delle pacchianate kitch, siete snob. Sapete invece quello che al turismo fa male? Tanti valdostani sempre incazzati ed ignoranti e che denigrano tutto quello che si fa e che piace al turista senza conoscere neppure veramente la storia e la geografia della valle. Gli sport popolari esistevano anche altrove? Sì. Esistono ancora? No. E' qualcosa di diverso per il turista? Sì. Fa piacere al lombardo dire al figlio guardando la rebatta od il fiolet: sai, ci giocavo io da piccolo alla lippa. Peccato che da noi non si faccia più. Ed allora? Che c'è che non va? La regione è ufficialmente bilingue e l'Italia non fa parte dell'associazione dei paesi francofoni? Bella figura di merda non per la Valle, ma per l'Italia. Altro che non mandare Perron a rappresentarci come valdostani, andrebbe mandato a rappresentare l'Italia. E l'Italia invece fa la figura di merda a non valorizzare la sua storia fatta anche della storia della valle d'Aosta (Aosta la vieja) e della sua francofonia proprio perchè da sempre italiana, la vieja. Altro che anti-italiani, vogliamo che anche l'Italia sia rappresentata in seno a quella associazione, perchè ha una francofonia storica particolare che va riconosciuta.

    RispondiElimina
  4. vorrei sapere che lavoro fa il grande orso per poter sputare cosi elegantemente nella regione in cui presumibilmente vive. Non sono più un UV da almeno 6 o 7 anni xche non sopporto più la degenerazione politica locale, ma non è mica tutta merda ......., e infondo se esistono le strutture e le società in Vda, non è il caso di denigrare tutto ma piuttosto agire per migliorare la situazione. Quindi al posto di sputtanare tutto e tutti lavorare un pò di più e ogniuno faccia la sua parte

    RispondiElimina
  5. Per proseguire il ragionamento vorrei dire che la priorità che dovrebbero porsi sia lo schieramento di centrodestra che quello di centrosinistra dovrebbe essere proprio questa: superare lo stadio di economia mantenuta per dare vita a una nuova economia che inizi a fondarsi su se stessa. e sulle sue potenzialità.

    Capisco anch'io che versare fiumi di denaro in direzione delle aziende agricole significa avere il territorio abitato e curato e guadagnare voti; capisco benissimo che rilevare o sovvenzionare tutte le aziende in perdita mantiene l'occupazione ai massimi livelli e fa guadagnare voti; mi rendo conto che finanziare aziende pubbliche che producono molta meno ricchezza di ciò che costano produce lavoro e fa immagine oltre a produrre consenso; però tutto ciò ci fa dipendere dai denari altrui.

    L'economia agricola e zootecnica in una regione come questa può diventare autosufficiente, a condizione che la si smetta con le strutture sontuose in cui abitano 15 vacche e si spingano gli attori alla cooperazione ed alla sostituzione della attuale miriade di aziendine agricole con poche grandi aziende cooperative.

    Anche il turismo potrebbe smettere di essere un settore assistito e cominciare a produrre ricchezza, a condizione che si inizi una seria opera di revisione delle strutture, dei costi e delle modalità gestionali, magari creando dei piccoli distretti in cui i diversi soggetti cooperino alla realizzazione di obiettivi comuni.

    Ed anche l'industria potrebbe riprendere vigore da una politica capace di puntare sulle risorse indigene e su manodopera altamente qualificata, chissà perché mantenere aziende in crisi è preferibile allo stilare dei piani industriali che coinvolgano imprese e lavoratori locali in progetti di ampio respiro.

    Non dimentichiamo poi il settore finanziario, anche qui la VDA potrebbe cominciare una politica del credito che sappia attrarre gli operatori nazionali ed esteri (una piccola Svizzera).

    L'economia assistita e mantenuta ha permesso agli egoismi di prendere il sopravvento sull'interesse comune; se chi guida il vapore volesse smettere di pisciare soldi in ogni direzione per tappare la bocca ai più vari piagnistei e per perpetuare il proprio potere ed iniziasse finalmente a riflettere sullo sviluppo autocentrato forse potremmo ancora sperare di trovarci, quel giorno che si chiuderanno i rubinetti romani, con in mano un lavoro con cui vivere decentemente.

    RispondiElimina
  6. Uahlim, ti prego, l'apologia dei viaggi di Perron proprio non mi va giu.

    RispondiElimina
  7. Ma guarda che per quanto riguarda l'allevamento già avviene così: le miriadi di aziendine indipendenti di cui parli conferiscono tutte il latte a dei caseifici consorzili come la Fromagerie Haut Val d'Ayas. Solo apparentemente ci sono mille attori economici indipendenti su un mercato, in realtà sono tutti dei dipendenti o delle aziende dell'indotto della grande azienda locale casearia. Ma tu questo lo chiami assistenzialismo, mentre la stessa cosa, con gli stessi operatori dipendenti da una grande azienda con un salario fisso, lo chiameresti capitalismo. In realtà non vedi che la realtà che auspichi è la stessa di quella che c'è perchè non sai vedere oltre le parole.

    RispondiElimina
  8. Alberto Grisero - Aosta28 febbraio 2008 17:29

    Noto con piacere che, questa volta, il Grande Orso è sostanzialmente sintonizzato sulla mia lunghezza d'onda! Io però parlo di PROVINCIA delle banane perché sono maliziosamente convinto, nel mio "paranoico" realismo, che certe cose possano capitare soltanto (o quasi) in Valle d'Aosta (che si tratti di soccorso alpino, di amministrazione regionale o della mostra sui Beatles, il discorso non cambia...)
    P.S: siamo sicuri che l'ex P.C.I. - P.D.S. - D.S. - P.D. (eppoi cosa ancora?!) sia riuscito, anche solo in Emilia & Romagna, a produrre beni?

    RispondiElimina
  9. uno che commenti il contenuto del post no, eh?

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud28 febbraio 2008 22:51

    se vuoi la mia opinione te la esprimo: l'apparato burocratico dell'amministrazione è ormai nelle mani di un esercito di dilettanti altamente "efficaci ed efficienti", per cui c'è da aspettarsi di tutto. Probabilmente si saranno accorti all'ultimo momento di qualche mancanza, hanno cercato in qualche modo di rimediare sperando nella generosità della Apple, ma non ci sono riusciti perché troppo tardi.
    p.s. l'efficacia ed efficienza viene generalmente misurata (e pagata) col raggiungimento di certi obiettivi tipo: evadere una certa pratica in un certo lasso di tempo. In genere (succedeva ad es. nell'ufficio in cui lavoravo) il responsabile controlla il tempo di evasione, ma ormai ... non è più in grado di valutare la bontà del contenuto (tanto, se poi qualcosa non va, ci rimette chi aveva la pratica in mano).

    RispondiElimina
  11. bruno courthoud28 febbraio 2008 22:55

    si tratta della prova concreta della bontà della teoria del caos.

    RispondiElimina
  12. anche per Papillon contava il tempo di evasione.

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud29 febbraio 2008 09:28

    Poi che tutte le famiglie Viérin, compresa la regione, usino Windows, lo sanno tutti. Il perché, non lo so. Probabilmente perché è un'amica dell'autonomia, come suggerisci tu. Infine i politici sono tutti bugiardi, anche questo è risaputo e noto a tutti. Le poche eccezioni confermano la regola.

    RispondiElimina
  14. Risponde al vero l'affermazione, pubblicata oggi dalla Stampa, che Borluzzi alle prossime politiche correrebbe con la stessa lista appoggiata dal ragionier Lattanzi?

    RispondiElimina
  15. Martello , Aloisi alle regionali si è già prenotato per essere nella lista del ragionier Lattanzi , come certo hai letto sulla Stampa . Tale Aloisi fu indicato come il referente valdostano di Storace : c'era sulla Stampa che hai certo letto . Il rapporto Storace / Fini è tale per cui il secondo vuol fare terra politicamente bruciata attorno al primo , il quale , come i suoi colleghi , non dispensa certo lodi al Popolo berlusconiano . Martello , anche questi concetti ci sono sulla Stampa . Sono curioso di sapere perchè di ciò da me detto tu non chiedi lumi costì . Illuminami , grazie .

    RispondiElimina
  16. Non mi risulta cha Aloisi abbia mai scritto, seppure sotto mentite spoglie, su questo blog. Risulterebbe, invece, che Borluzzi talvolta qui abbia lasciato il segno.
    E la tua richiesta di illuminazione, o Marcello, non fa che confermarmi la trasparenza di certi pseudonimi.

    RispondiElimina
  17. bruno courthoud29 febbraio 2008 18:34

    per il grande orso
    in poche parole vuoi dire che stiamo bene grazie ad una "rendita vitalizia" assicurata? Oggi (alla vigilia delle elezioni) hanno scoperto che abbiamo anche noi il nostro "tesoretto" da distribuire.
    A proposito di Borluzzi: adesso gli toccherà studiare anche il patois (vedi ANSA)

    RispondiElimina
  18. bruno courthoud29 febbraio 2008 18:36

    Così impara (Borluzzi)!

    RispondiElimina
  19. Per Martello . Ti invito a leggere il tuo penultimo post , poi il mio post precedente a questo e infine il tuo ultimo commento : chicchessia direbbe che per te rispondere in maniera conseguente , logica è un puro optional .

    RispondiElimina
  20. martello (9.28),
    l'ho letto anch'io oggi su La Stampa:
    1 - non ne so di più
    2 - non ne sapevo niente

    RispondiElimina
  21. 3 - le politiche non sono le regionali

    RispondiElimina
  22. Eddy Ottoz è disinformato sulla politica nazionale . Oltre a essere un sostanziale unionista trasmigrato sotto altra insegna , come evince dal suo accettare il talebanismo unionista secondo il quale i residenti dovrebbero essere illiberalmente privati della loro specificità e utilizzati maniacalmente come strumento per attestare che la Valle d'Aosta del 2008 sarebbe quella del 1808 . Il tutto condito da frottole e invenzioni di obiettivi / collocazioni che non attengono certo più al campo della politica , ma di un facilmente intuibile altro .

    RispondiElimina
  23. Anche se uno cambia colore dell'abito , dentra resta quello che era . E' inconcepibile che uno cambi casacca ma poi , nei temi importanti , sia volutamente quanto carnascialescamente allineato alle amenità necessarie al partito da cui è uscito al fine di allearsi con lui , pur avendolo da poco abbandonato . A me è chiaro chi è in ipoglicemia politica costante e ritengo doveroso che la casa madre romana sia informata delle panzanissime che caratterizzano la dependance valdostana .

    RispondiElimina
  24. marcello,
    prendo atto che ricorri ora a uno pseudonimo meno gastronomico, modernista e fantasioso, ma che sempre mafarkuzzi ai quattro formaggi sei. Toccato sul vivo reagisci sconclusionatamente, consentimi la licenza poetica, "a cazzo", ma rimane il fatto che:
    - la politica nazionale è su tutti i giornali e quindi anche i muri sanno che Azione Sociale a Roma è confluita nella lista del PDL;
    - la politica regionale non è su tutti i muri e perciò probabilmente a Roma non tutti sanno chi è Borluzzi; nella migliore delle ipotesi ne sanno poco in pochi;
    - mi risultava da forte certa (è un fatto pubblico) che Borluzzi stava raccogliendo le firme per presentare una lista di Azione Sociale alle politiche in Valle;
    - ho appreso ieri da La Stampa che Borluzzi non la presenterà perché sarebbe stato stoppato da Roma;
    - per quanto mi concerne ciò non nasce da alcuna trattativa con il PDL valdostano, non essendoci stato, che io sappia, alcun contatto, fino a stamane, con il suo direttivo di cui faccio parte;
    - né mi risultano esserci stati contatti in vista delle regionali, a meno che gli insulti pubblici siano contatti. Restarebbero comunque unidirezionali;
    - la politica nazionale, come già detto, è su tutti i giornali e quindi anche i muri sanno che a Roma La Destra di Storace è fuori del PDL;
    - la politica regionale ha suoi opportuni margini decisionali e in Valle La Destra di Aloisi ha invece fatto un accordo con il PDL valdostano, esattamente il contrario di quanto avviene a Roma;
    - mi sfugge come tutto ciò prefiguri un talebanismo "unionista" non saprei di chi;
    - l'incomprensibilità dei tuoi sproloqui su 2008/1808, alleanze e talebanismi ecc. è il segno del tuo scarso controllo di nervi;
    - la Valle d'Aosta, e in particolare l'UV, pullula di integralismi di tutti i tipi ma, poiché il talebanismo è qualcosa che va oltre, ti segnalo che l'unico talebano rimasto in Valle d'Aosta sei tu;
    - firmati Borluzzi, qualcuno, leggendo distrattamente, potrebbe non capire chi sei;
    - non prendertela, a forza d'insultare capita che si venga insultati;
    - si chiama politica? fai tu...

    RispondiElimina
  25. Il Popolo delle libertà avrà la maggioranza nei due rami del Parlamento : lo dice Berlusconi , lo confermano i sondaggi , lo penso io e credo anche tu . Ergo : che senso ha anche solo pensare di fare desistenza per far eleggere integralisti unionisti nel momento in cui costoro si impegnassero ad appoggiare Berlusconi , posto che ( questo è il punto ) tali integralisti vorrebbero come contropartita l'introduzione nella Costituzione del principio dell'intesa tra Stato e UV ( anche se formalmente si chiama altrimenti ) su modifiche statutarie che l'UV stessa pretende essere quelle di fingere la regione con le caratteristiche del 1808 ( fatto comico , ma il meno grave dei due ) , imponendo di conseguenza a tutti i residenti ( secondo fatto , talebanico per eccellenza ) percorsi culturali identici ( premessa per un particolare posizionamento di questa regione , a maggioranza relativa calabrese , nel contesto nazionale ed europeo ) per le finalità scaturenti dai beceri scritti di Chanoux ?

    RispondiElimina
  26. Aggiungo : nel tuo ultimo post hai usato i trattini per differenziare i periodi . Il quinto periodo dimostra che non ti si tiene informato di cosa tuoi colleghi fanno . E' offensivo pensare che uno raccolga firme con lo spirito di chi beve una birra : chi lo fa è perchè ha in mano deleghe indispensabili alla presentazione di simboli e candidati . Non si può , per puro utilitarismo , bloccare , in una regione ove i voti politici non entrano nel conteggio nazionale , chi è alleato a Roma solo per poi fare desistenza . Questa è da raccontare al mondo , caro unionista .

    RispondiElimina
  27. Precisazione . Col termine " talebano " va inteso : " integralista sommo , negatore dei pricipi liberali , tipici nel mondo occidentale , che impongono il rispetto di ogni singola persona " . Strano poi che Eddy guardi i nicks altrui , quando il suo stesso abito azzurro attuale è un nick per non definirsi rossonero .

    RispondiElimina
  28. bruno courthoud1 marzo 2008 13:02

    povero fosson, in che quaterna l'hanno inserito! insieme a 3 disoccupati inseriti nelle liste di collovamento dell'UV (Dino Viérin, Vicquéry e Perron), euro 0 pronti per la "rottamazione"! Speriamo che abbia il buon senso e l'orgoglio di tirarsi fuori e di lasciare che bolliscano nel loro brodo! che i due capoclan Viérin e Rollandin, all'ultimo momento, facciano una pace "siciliana" (Viérin per le politiche, Rollandin per le regionali) e che poi, eventualmente, si dividano le spoglie!
    che schifo! che tanfo di cadavere!

    RispondiElimina
  29. bruno courthoud1 marzo 2008 13:15

    Cerise ha già espresso la sua solidarietà, sul settimanale indipendente La Vallée, al condannato in appello geologo regionale Massimo Pasqualotto. Come avevo anticipato, la Regione saprà senz'altro ricompensare degnamente il suo funzionario per i servizi resi.

    RispondiElimina
  30. E vero che F.I. appoggerà l'ormai certa candidatura di perron alla camera? Come mai non l'altrettanto certa di Tonino al senato?

    RispondiElimina
  31. marcello (10.28),
    sono assolutamente contrario a qualsiasi forma di desistenza. Da sportivo convinto non mi piacciono le gare truccate.
    Punto.

    RispondiElimina
  32. marcello (10.47),
    a me risulta che stavi raccogliendo le firme. Conosco personalmente qualcuno che ha firmato.
    Punto.

    RispondiElimina
  33. marcello (10.47) bis,
    non ho nicks, firmo sempre con il mio nome.Punto.

    RispondiElimina
  34. col termine talebano va inteso:
    "chi studia nelle scuole coraniche", se preferisci طالبان, i "portatori dell'ideale politico-religioso che vorrebbe recuperare tutto il portato culturale, sociale, giuridico ed economico dell'Islam (almeno come da essi stessi inteso e interpretato) per costituire uno Stato teocratico".
    Fai tu l'adattamento alla realtà valdostana e poi fammi sapere.

    RispondiElimina
  35. bruno,
    mi stupisce la compliance di Tonino Fosson. Mettiti nei suoi panni: "sono stato eletto con parecchi voti. Ho fatto l'Assessore bene, mediamente meglio degli altri. Alle regionali esco di sicuro bene e se mi va male rifaccio l'Assessore alla sanità, sennò chissà..."

    RispondiElimina
  36. in ogni caso, notizia di stamani, da fonte più che autorevole e personalmente consultata, Fosson è sicuro per il Senato, stanno decidendo (o avrebbero già deciso) per la Camera.

    RispondiElimina
  37. anonimo (13.21),
    il PDL NON "appoggerà l'ormai certa candidatura di perron alla camera".
    Nella maniera più assoluta.
    Punto.

    RispondiElimina
  38. bruno courthoud1 marzo 2008 19:00

    povero fosson, forse in un momento di distrazione e di debolezza ha fatto confusione tra il mouvement e la chiesa cattolica, in cui vige la regola dell'obbedienza! E intanto uno l'hanno già praticamente fottuto (a differenza di caveri che ha subodorato fin da subito)!

    RispondiElimina
  39. bruno courthoud1 marzo 2008 23:21

    povero fosson, messo in ceppi e pronto per essere condotto al Colosseo, di fronte ai leoni veri. Ne propongo da subito la canonizzazione. Chi fosse al corrente di qualche miracolo o presunto tale, si metta subito in contatto con il vescovo.
    Fedeli CL, fedeli unionisti, valdostani e non, risparmiategli questo martirio, accontentatevi della disponibilità ed obbedienza di questo novello Abramo, sarete ricompensati alle prossime elezioni regionali: potrà, se del caso, risparmiarvi la lotta fratricida tra Caveri e Rollandin, con relativo spargimento di sangue valdostano! O peggio ancora (tra i due litiganti il terzo gode) lo spettacolo di un Cerise capotavola, con il suo meraviglioso basco da avanguardista in testa! Pensateci e riflettete, siete ancora in tempo!

    RispondiElimina
  40. Eddy , su " talebano valdostano " : basta che al termine islam sostituisci la dizione " cavolate di chanoux " . Sul tuo nick : non è un fatto letterale ma sostanziale . Per me sei un rossonero che veste di azzurro , per ragioni legate a dissidi col sarto che ti faceva gli abiti milanisti .

    RispondiElimina
  41. Firme : io ho scritto una cosa e tu rispondi con altra che centra nulla . Mi sembri Martello .

    RispondiElimina
  42. bruno courthoud2 marzo 2008 12:41

    FOSSON, dì di NO, sei ancora in tempo! Non farti fottere! E poi non è mica peccato, o hai scambiato la tua Santa Trinità con quella di UV, SA e FA? Sei diventato un mussulmano votato al martirio? Non rientra nei tuoi programmi e allora perché accetti? Il Comité Central di CL è stato interpellato e consultato? Ma davvero ti vuole a Roma? Non buttare via cinque anni della tua vita in questo modo sciocco e stupido! Non farti usare e ... gettare!

    RispondiElimina
  43. bruno courthoud2 marzo 2008 13:43

    Avviso per eddy e per tutti i naviganti
    Stamattina non riuscivo ad aprire questo blog: Google mi avvertiva che il mio modesto ed innocuo computer (oltreché innocente) era oggetto di bombardamento e che, comunque, avrebbe fatto in modo di ripristinare al più presto il contatto. Così è stato. Che qualcuno abbia dichiarato guerra a un modesto computer? Poverino (il mio computer), mi stavo affezionando! Attiverò in ogni caso la contraerea. Si accettano consigli.

    RispondiElimina
  44. bruno courthoud2 marzo 2008 15:49

    Fosson si è fatto "f......"!
    Forse avrà pensato (con buone ragioni) che se diceva di NO adesso lo avrebbero "fottuto" dopo, alle regionali.
    Pare infatti che già Mario Andrione, a suo tempo, in camera caritatis dicesse che il dispetto era lo sport preferito di noi valdostani. Caveri, attento!

    RispondiElimina
  45. Alberto Grisero - Aosta2 marzo 2008 18:38

    Premesso che, secondo mé, la prossima legislatura non durerà 5 anni ma soltanto un paio, come questa,
    chiunque vincerà alla Camera (Berlusconi o Veltroni che sia), al Senato dovrà, quasi certamente, fare i conti con Casini & Mastella e saremo daccapo con ciò che si è visto in questi 2 anni.
    E qui in Valle d'Aosta, chi vincerà? Si accettano scommesse...

    RispondiElimina
  46. Marcello di latte scaduto da 3 mesi,
    la prossima volta mettiti nel frigo che duri di più!
    L'azzurro è mille e mille volte meglio del rossonero, anche biblicamente una corrisponde al cielo ed agli angeli, e l'altro agli inferi...
    Per fortuna (noi) siamo un popolo libero che può anche cambiare opinione e modificare il proprio assetto ideologico.
    Impara l'obiettività, please!

    RispondiElimina
  47. bruno courthoud2 marzo 2008 19:25

    per Grisero
    credo che adesso UV, FA e SA abbiano terminato il loro conclave e abbiano pertanto già proceduto a fare lo spoils system (suddivisione delle spoglie dell'orso), quindi il tuo problema non si pone neanche. Adesso si tratta solo di prendere l'orso (il secondo, quello delle regionali; il primo è solo funzionale al secondo, se non fosse per questo non avrebbe molta importanza).
    In poche parole: i posti a tavola nella prossima Giunta sono già stati decisi (è stato espulso il solo Fosson), .... orso consentendo.
    Rimane ancora da compilare il programma (che palle queste formalità burocratiche!

    RispondiElimina
  48. bruno courthoud2 marzo 2008 19:26

    per Grisero
    credo che adesso UV, FA e SA abbiano terminato il loro conclave e abbiano pertanto già proceduto a fare lo spoils system (suddivisione delle spoglie dell'orso), quindi il tuo problema non si pone neanche. Adesso si tratta solo di prendere l'orso (il secondo, quello delle regionali; il primo è solo funzionale al secondo, se non fosse per questo non avrebbe molta importanza).
    In poche parole: i posti a tavola nella prossima Giunta sono già stati decisi (è stato espulso il solo Fosson), .... orso consentendo.
    Rimane ancora da compilare il programma (che palle queste formalità burocratiche!

    RispondiElimina
  49. alberto,
    l'unico che dovrà fare i conti con Mastella sarà Mastella.

    RispondiElimina
  50. bruno,
    se c'è stato un bombing contro il tuo pc puoi verificarlo, ma non è semplicissimo. Si può anche cercare di scoprire da dove arrivava.

    RispondiElimina
  51. bruno,
    se non riuscivi ad aprire appropò, ma internet per il resto funzionava, non vedo come il tuo pc potesse essere sotto bombing.
    Io poi uso normalmente un mac, blogger è su google (io non ho un mio internet server), su mac non attaccano i virus (praticamente tutti scritti per la piattaforma wintel) e ho comunque installato un antivirus per intercettare i virus che, pur non attaccandomi, potrebbero rimbalzare dal mio mac verso altri computer windows. Potrebbero esserci dei problemi di linea. Non so. Qual'è la tua configurazione hw/sw?

    RispondiElimina
  52. marcello,
    se sei makarkuzzi hai capito , se non sei mafarkuzzi, anche se gli somigli molto, cìè un equivoco e lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  53. bruno,
    non credo che i posti a tavola siano stati decisi, credo che siano stati solo promessi. Dopo la candidatura di Fosson ce n'è ora uno in più, ma le regionali sono ancora da venì...
    Quorum, non quorum, più di 50% al primo giro, meno ci 50% al primo giro, Fosson e Perron vincono, Fosson e Perron non vincono, Fosson vince, Perron no, troppe ancora sono le variabili perché i posti a tavola siano sicuri e le promesse siano mantenute.

    RispondiElimina
  54. bruno courthoud2 marzo 2008 22:40

    per eddy
    Internet e la relativa connessione funzionavano regolarmente. Era solo il tuo blog che non si apriva, ma compariva una schermata in cui Google mi faceva presente che a causa di messaggi reiterati (però non usava questo termine) da ricondursi a virus o spam.... (non ricordo bene, sono molto ignorante in queste cose) il mio computer o la rete era infettata. Aggiungeva di riprovare in seguito in quanto avrebbero provveduto. Da quel che mi dici non dovrebbe pertanto essere una questione specifica del mio computer, ma una questione di rete. O no? Ho riprovato dopo mezz'ora e tutto funzionava.

    RispondiElimina
  55. bruno courthoud2 marzo 2008 22:41

    per eddy
    Internet e la relativa connessione funzionavano regolarmente. Era solo il tuo blog che non si apriva, ma compariva una schermata in cui Google mi faceva presente che a causa di messaggi reiterati (però non usava questo termine) da ricondursi a virus o spam.... (non ricordo bene, sono molto ignorante in queste cose) il mio computer o la rete era infettata. Aggiungeva di riprovare in seguito in quanto avrebbero provveduto. Da quel che mi dici non dovrebbe pertanto essere una questione specifica del mio computer, ma una questione di rete. O no? Ho riprovato dopo mezz'ora e tutto funzionava.

    RispondiElimina
  56. bruno courthoud2 marzo 2008 23:31

    sì, i posti a tavola sono stati decisi (spoils system: divisione delle spoglie dell'orso), ma l'orso è ancora da prendere! Sennò, che hanno fatto in tutta questa settimana, hanno redatto il programma?

    RispondiElimina
  57. Singolare eddy . Tu non ti concentri innanzi tutto per rispondere , ma per capire chi ti scrive . Io trovo buffa la cosa .

    RispondiElimina
  58. nick che non sta bene tradurre,
    Metà di una risposta sta nella domanda. L'ha detto, se non ricordo male, Gibran Khalil Gibran. Nel leggere la tua domanda, non posso fare a meno di cercare di capire chi pone la domanda e perché. E' più forte di me.

    RispondiElimina
  59. Hasta Siempre3 marzo 2008 14:42

    E comunque, al di là di ogni valutazione, volendo essere realisti più del Re, l'unico voto che può far perdere i candidati unionisti è quello dato a Nicco e Perrin.
    Le altre espressioni di voto saranno solo utili per contarsi e per lanciare messaggi in vista delle regionali ma contribuiranno ad agevolare la marcia del leoncino verso Roma.

    RispondiElimina
  60. più o meno come scandire in corteo

    El pueblo
    unido
    jamás
    será
    vencido.


    (ritmo tirtaico, please)

    RispondiElimina
  61. Hasta Siempre3 marzo 2008 15:43

    Bah, non mi sembrava di avere buttato lì uno slogan, mi pareva di aver detto una verità.
    A te probabilmente non importa che a Roma vadano due unionisti, ti interessa di più dare all'UV un segnale sulla reale forza del centrodestra in vista delle regionali.
    Alla gente scontenta invece interessa castigare l'Union e ciò può avvenire solo votando a sinistra.
    Non perché i rossi siano più bravi eh, solo per una spietata legge numerica.
    Chi vuole misurare la propria forza faccia listine e listarelle, chi vuole mettere l'UV nell'angolo può solo votare a gauche (magari turandosi il naso come farò io).
    Hasta Siempre.

    RispondiElimina
  62. Hasta Siempre3 marzo 2008 15:45

    Ottoz, mi insegni a usare il grassetto nei post?

    RispondiElimina
  63. esiste una parte di elettorato che in ogni caso non voterebbe a sinistra, o no?
    Nell'area degli indecisi di centro-centro-sinistra il tuo ragionamento fila, in quella del centro-centro-destra è utile non farsi ammaliare da sirene SA o FA.
    Una cosa non esclude l'altra.

    RispondiElimina
  64. è una delle poche istruzioni html che accetta questo requester di blogger. Provo a scriverti il tutto, inserendo degli spazi, vediamo se funziona. Prima della posizione dalla quale vuoi iniziare il grassetto devi scrivere:
    < b >
    da questo momento tutto apparirà in grassetto, ma solo se "chiuderai" l'istruzione mettendo alla fine del grassetto questo:
    < / b >

    RispondiElimina
  65. funziona. ora togli gli spazi. prova a scrivere:
    < b >grassetto< /b >
    senza mettere gli spazi all'interno delle coppie di segni "minore di" e "maggiore di"

    Devi solo ricordarti sempre, dopo aver "iniziato" il grassetto di chiuderlo, se no non funziona, dà errore, e non ti accetta il messaggio.
    < b > e < /b > si chiamano "tag"
    se vuoi fare il corsivo usa "i" (italic):
    < i > inizio corsivo
    < /i > fine corsivo

    e così per ogni tag.
    Puoi combinare le tag:
    < b >< i > inizio corsivo grassettato
    < /b > < /i > fine corsivo grassettato

    blogger accetta pochissime tag, l'html ne ha un fottìo.

    RispondiElimina
  66. Alberto Grisero - Aosta3 marzo 2008 16:42

    Le Regionali prevedono il doppio turno e le Politiche sono apertissime a qualsiasi risultato, come due anni fa: io non penso, quindi, che il "cartello autonomista" abbia già deciso come spartirsi i posti nella Giunta che "uscirà" dopo l'8 giugno.
    Ciò premesso, c'è una cosa che m'incuriosisce: come mai Casini e Mastella non hanno ancora fatto l'accordo per correre insieme, al centro?

    RispondiElimina
  67. clemente chiete, ma mastella fete...

    RispondiElimina
  68. Alberto Grisero - Aosta3 marzo 2008 17:10

    Davvero "complimenti" per la "serietà" delle sue risposte! Mi sa che è meglio se lei "linka" un nuovo post...

    RispondiElimina
  69. slice of shit3 marzo 2008 17:36

    Risposta soddisfacente di Eddy , rara avis . Su Hasta siempre : matematicamente ha ragionissima . Per votare Perrin-Nikko ( nord di Tokyo ) bisogna riuscire , davanti alla scheda , a concentrarsi al 101 per cento su cosa rende l'UV il male assoluto per la regione . Chi , in tal modo , riesce a bypassare le caratteristiche della sinistra e dei candidati torgnonogiapponesi , esprime , anche se di centro-destra o destra o centro , un voto apparentemente folkloristico , ma utile e fors'anche saggio in quel regno dell'assurdo nomato Valle d'Aosta .

    RispondiElimina
  70. bruno courthoud4 marzo 2008 00:07

    io direi saggio, e folkloristico solo in apparenza. Alle politiche si tratta di fatto di scegliere tra l'accoppiata Nicco-Perrin e l'accoppiata Perron-Fosson.
    Al di là delle posizioni di ciascuno, occorre tenere conto che:
    1) i voti a destra dati in VDA andranno persi totalmente a livello nazionale e favoriranno invece, a livello locale, la triplice alleanza UV-FA-SA;
    2) sempre a livello nazionale i programmi di Veltroni e quello di Berlusconi non sono poi così "distanti" tra di loro, tali da giustificare uno scontro "ideologico" a livello locale;
    3) a Roma, per la politica nazionale, che ci vada la prima o la seconda coppia, non cambia assolutamente nulla;
    4) Perrin e Nicco hanno sottoscritto un programma con PD e alleati in maniera trasparente e democratica;
    5) le candidature di Perron e Fosson sono invece "programmate" (con il sacrificio di Fosson)esclusivamente in funzione delle elezioni regionali e intendono perseguire prima di tutto la spartizione del potere tra la triplice alleanza (già effettuata a tavolino prima ancora della cattura dell'orso) in occasione delle successive elezioni regionali.
    Programmi? Ma chi se ne frega!
    La vittoria di Nicco e Perrin sarebbe in ogni caso una grande vittoria della democrazia contro forze micronazionaliste che con una vera democrazia poco hanno da spartire, se non nulla.

    RispondiElimina
  71. camel shit - daily imported from belucistan4 marzo 2008 07:33

    Vorrei centrare il problema . Silvio Berlusconi parla di voto utile : analizziamo tale concetto in valle . Il babbuinico micronazionalismo che ammorba l'aria ha una causa che va estirpata . In tale ottica , e individuato nell'UV il nemico da battere ( come riconoscono quanti ragionano e non vogliono pure loro accomodarsi al desco rossonero ) , nonchè escluse le liste localmente di pura bandiera , anche se piange il cuore dirlo , l'unico voto utile , nell'accezione berlusconiana del termine , è quello ai torgnonipponici . Tapparsi il naso , trattenere il respiro e comportarsi di conseguenza . Bruno , fosse possibile il voto per delega , cioè un elettore valdostano che dà mandato , poniamo , a un cittadino svizzero di votare nell'urna per lui , valdostano nè di sinistra nè filo dissidenti rossoneri , visto che per alcuni tale voto a perrin-nikko causerebbe momentanee quanto variegate crisi interiori ...... Matematicamente il discorso fila , ogni voto non a perrinikko è un voto per l'Union . Meditate gente , meditate e applicate correttamente in regione il concetto berlusconiano di voto utile .

    RispondiElimina
  72. carino torgnonipponici, manda perrinikko in seconda posizione.

    RispondiElimina
  73. gorilla shit - produced &amp; packed in borneo4 marzo 2008 09:50

    Unionisti dicono che i 2 perrofossi vinceranno per 2 ragioni , che cito testualmente : 2 anni fa molti unionisti votarono la concorrenza in critica a Rollandin ( non ho conoscenza delle dinamiche interne rossonere ) ; inoltre sarebbe sparito l'effetto sorpresa legato al number one di Torgnon City ( idem ) . A me pare invece che l'arcobaleno sarà ai valori elettorali precedenti , mentre il pd qui supera oggi ampiamente la consistenza che 2 anni fa avevano le sue componenti attuali . Il dubbio è : i fuoriusciti rossoneri a che punto stanno ? Non ho esperienza di tali popolazioni , qualcuno mi illumina ? Io comunque penserei che i torgnonipponici si confermeranno .

    RispondiElimina
  74. Hasta Siempre4 marzo 2008 10:14

    Due parole al destro che mi ha dato ragione (così provo anche il grassetto e il corsivo).

    Sono lieto che tu abbia capito il senso del mio discorso. Perrin e Nicco non rappresenteno neanche me però qui siamo alle prese con una normativa elettorale fetente (l'uninominale secca) che rende totalmente inutile ogni voto dato a chi non vince, per cui l'imperativo è individuare qual'è lo scenario meno peggiore.

    A questo punto chi, come me, ritiene prioritario che l'UV col suo integralismo culturale, le sue falsificazioni storico-sociali e la sua politica fatta di corruzione e prepotenza si pigli uno schiaffone sul muso, deve individuare l'unico avversario che abbia una concreta possibilità di vincere.

    Dirò una bestialità ma se io fossi Giancarlo Borluzzi in queste politiche non farei la lista di bandiera né farei la desistenza in favore del candidato inutile del PDL, io se fossi Borluzzi voterei Nicco e Perrin per non far vincere l'odiato partito delle panzane.

    Hasta Siempre

    RispondiElimina
  75. Hasta Siempre4 marzo 2008 10:16

    Cazzo, funziona, grazie.

    RispondiElimina
  76. Hasta Siempre4 marzo 2008 10:22

    Per essere onesto dorei anche simulare la situazione opposta.

    Se l'unico candidato possibile in alternativa all'UV fosse un Forzista Italico o, peggio, un Nazi-Alleato, io sarei disposto a turarmi il naso e votarlo?

    Probabilmente no, quindi capisco Eddy Ottoz.

    RispondiElimina
  77. snake shit - freshly from producer to table4 marzo 2008 10:43

    Nell'immediato dopoguerra i partiti avevano una struttura e un peso enorme nella società . A poco a poco le cose sono cambiate e si è giunti a quanto sarebbe stato impensabile negli anni cinquanta : Fini ha praticamente sciolto il terzo partito nazionale senza interpellare nessuna base del suo movimento , perchè oggi in buona sostanza ci sono dei capoccia e altri che votano , con una struttura organizzata intermedia che è microscopica rispetto a quelle tipiche nel dopoguerra . Ciò premesso , si creano localmente degli squallidi comitati elettorali , per l'elezione o rielezione di qualcuno , e questi comitati vorrebbero far credere di rappresentare organizzazioni partitiche o pluripartitiche solo perchè sottolineare l'agire in unica funzione elettorale ( meglio ancora : agire per l'elezione di tizio o caio o cacasenno ) non è trendy . Ciò premesso , nel microcosmo valdostano quanto il mangiapadroni HS afferma nel suo ultimo post significa , tradotto all'essenziale : sbattiamocene dei partiti , che a Roma possono creare aggregazioni valide per gran parte dello stivale , ma in Valle usiamo il cervello e INTERPRETIAMO i valori alla base degli accordi romani alla luce della situazione locale . Qualsiasi equilibrismo comporti . Come dare torto al mangiapadroni HS ? Qui INTERPRETARE significa che l'abbattimento della ragnatela di potere creata dall'Union nel tempo va spazzaturata e ogni azione non funzionale a tale fine è una patacca . Facile ad ammettersi , ma la metabolizzazione dei passaggi successivi , comprendenti il copulaggio politico con HS , richiede stomaco . Se però uno pensa all'Eden che c'è al termine del percorso , magari ci riesce . Ciao mangiapadroni , mangiati invece i marroni .

    RispondiElimina
  78. Comunque non c'è gran differenza tra i perrofossi e i perrinikki . Ciò che fa invece la differenza è che dietro i primi c'è la corazzata rossonera e gli spenti yesmen di fa e sa ( questi ultimi ubbidirebbero a qualunque richiesta , anche di Hasta Siempre , se fossero assicurate loro poltrone ancora più confortenvoli per il fondoschiena ) , mentre i secondi hanno come supporters formazioni condivisibili o meno , comunque dignitose come pd e arcobaleno . Poi nikko è un freelance senza scuderie e perrin combatte la ragnatela ed è guardato a vista da pd e arcobaleno . Un manifesto sul voto utile in valle sarebbe d'uopo . Hasta Siempre , ricordati : i marroni .

    RispondiElimina
  79. HS - owner eater4 marzo 2008 12:30

    Farò il possibile.
    Grazie per l'apertura mentale che dimostri, c'è gente che si dichiara liberale e non capisce la metà di ciò che gli si dice.
    HS - owner eater

    RispondiElimina
  80. hurrà to hs4 marzo 2008 13:44

    Le persone valgono per la materia grigia che posseggono e non per le sigle partitiche che si cuciono addosso . Buon appetito , HS .

    RispondiElimina
  81. Alberto Grisero - Aosta4 marzo 2008 16:16

    Premesso che, carlo Perrin, mi sembra un ingenuo facilmente manipolabile, io non sono per niente sicuro che, Roberto Nicco, sia meno peggio dell'Union Valdotaine e che usi metodi molto diversi da quelli di "lorsignori"...

    RispondiElimina
  82. Il Grande Orso4 marzo 2008 16:31

    Dal suo punto di vista Hasta Siempre parrebbe aver ragione.

    Trattasi dell'eterno macchiavellismo dei comunisti che ha origine ai tempi in cui è nata la loro ideologia.

    Il fine giustifica sempre i mezzi, e infatti non hanno avuto pudore alcuno ad accantonare tutte le loro idee e ad allearsi con monarchici, liberali e democristiani in nome della vittoria contro l'occupante nazista e i suoi servi.

    Il punto però è proprio quello che ha fatto presente l'imprescindibile Grisero: facendo vincere la sinistra si otterrebbe di far perdere l'UV, e va bene, ma poi in pratica cosa cambierebbe?

    Avremmo a Roma dei fedeli alleati di Veltroni che al momento giusto parlerebbero in francese facendo ridere Camera e Senato e che sosterrebbero le stesse amenità degli unionisti su lingua, cultura, etnia, ecc.

    Qualcuno un giorno mi ha detto che tra la cacca di cane e quella di gatto si rifiutava di scegliere, aveva ragione lui, meglio correre da soli testimoniando l'esistenza di qualche testa pensante.

    Cordialità.

    RispondiElimina
  83. meglio materia grigia sostenuta da saldi principi etici e morali.

    RispondiElimina
  84. mosquito shit4 marzo 2008 17:06

    La prima è premessa per i secondi .

    RispondiElimina
  85. bruno courthoud4 marzo 2008 23:32

    per eddy
    son già tutti pronti ai nastri di partenza, stanno solo aspettando il candidato della CdL che ancora manca. Cosa gli è successo? Siamo tutti curiosi.
    per il grande orso:
    Veltroni, parlando del PD e del suo programma in un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais ha definito il PD "riformista non di sinistra" (lasciando ovviamente di stucco qualcuno). Prescindendo dai suoi trascorsi politici, secondo te si tratta invece di "eterno machiavellismo dei comunisti" in cui il "fine giustifica i mezzi"?
    Per quanto concerne le elezioni politiche a livello locale, credo che sia in palio lo stesso concetto di democrazia: Perron e Fosson sono solo uno specchietto per le allodole dietro di cui si nasconde (neanche tanto) un "patto scellerato" che mira esclusivamente alla conservazione del potere, con le elezioni regionali, da parte di chi non ha più nessuna intenzione di mollarlo, costi quel che costi. C'è di che pensare.
    p.s. credo di avere abbastanza chiara la nozione di "comunismo", per lo meno nella sua accezione più ortodossa (ormai defunta, per lo meno in occidente e in Europa); stento invece a capire cosa si debba intendere per destra e cosa per sinistra e dove stia la linea (o il punto) di demarcazione, anche se Eddy ha già cercato di spiegarcelo.

    RispondiElimina
  86. La differenza tra sinistra e destra era che la prima pone l'ideologia alla base dell'agire e l'individuo si deve adattare ; la destra guarda alla persona , unica e irripetibile , e la sua ideologica difesa è conseguenza . Da ciò sicuramente deriva che il leone è di sinistra in valle ; per il resto , tutte le posizioni sono più o meno indecifrabili , al di là delle autoattribuzioni di comodo .

    RispondiElimina
  87. bruno courthoud5 marzo 2008 11:11

    il leone dice di essere ni droite ni gauche! probabilmente ha le idee più chiare di me e te su destra e sinistra. Eddy dice invece che dentro c'è di tutto (dall'estrema destra all'estrema sinistra), una specie di zabaione, insomma! Io credo che abbia perso l'orientamento e che sia senza bussola per ritrovarlo.

    RispondiElimina
  88. bruno courthoud5 marzo 2008 12:18

    credo di aver finalmente capito! Ho letto sulla Stampa che all'ultimo Conseil fédéral Viérin e Rollandin, i due "estremisti" dell'UV si sono lamentati perché, alle politiche, lo stemma dell'Union verrà imbrattato, anche se poco poco, con quelli di SA e FA. Le cose dovrebbero stare così: lo "spettro costituzionale", qui in VDA, va dell'estrema sinistra di Viérin all'estrema destra di Rollandin (in mezzo c'è traffico nelle due direzioni). Tutti gli altri partiti e mouvement sono "extraparlamentari", per il momento ammessi in Conseil in attesa della "piena autonomia" (Caveri), ai sensi dell'art. 2 dello Statuto dell'UV. Non è così?

    RispondiElimina
  89. extraparlamentari certamente no, su extraconsiliari potremmo approfondire

    RispondiElimina
  90. bruno courthoud5 marzo 2008 14:30

    hai ragione

    RispondiElimina
  91. Alberto Grisero - Aosta5 marzo 2008 16:32

    A livello nazionale è facile prevedere che, nel prosieguo della campagna elettorale, assisteremo ad uno scontro al calor bianco fra gli ex alleati, sia di Destra che di Sinistra (oggi, tra Fini e Casini, sono volate parole grosse e questo, francamente, mi dispiace).
    A livello locale, invece, penso che una vittoria incrociata, alle Politiche, di Nicco e Fosson (quest'ultimo mi sembra, infatti, meno "allineato" di Perron) unitamente ad una vittoria del Galletto al 2° turno delle Regionali (appena 18 seggi su 35!) manderebbe, finalmente, in corto circùito, il "sistema Valle d'Aosta.

    RispondiElimina
  92. Non ne sono così convinto.
    Tralasciando il problema del voto incorciato credo che, visti gli utlimi sviluppi, le attuali formazioni che si presentano alle elezioni politiche (PDL, UVSAFA, GALLETTO) si ripresenteranno (con poche eccezioni come la Lega Nord) tali e quali alle regionali.
    Se così avverrà, lo scenario più probabile (anche se le variabili sono comunque molte) parrebbe prevedere che nessuno possa arrivare al 50% + 1 dei voti e dunque ottenere immediatamente i 21 seggi del premio di maggioranza (anche se credo che l'aspirazione di UVSAFA sia proprio questa).
    Secondo me, l'ipoetsi più probabile è il ballottaggio tra UVSAFA e Galletto per la conquista di 18 consiglieri, premio di "maggioranza" in caso di ballottaggio.
    E se così fosse, vedo il primo schieramento nettamente favorito sul secondo.
    1. Se il Galletto vince al secondo turno, prende 18 consiglieri e con chi governa? da solo con gli evidenti rischi del caso? si allea con chi (UV, SA o FA) ha duramente combattuto in campagna elettorale? con il PDL?
    2. Se vince l'alleanza UVSAFA al secondo turno, pur ottenendo solamente 18 consiglieri ha la possibilità di poter comunque governare spostando il suo asse verso il PDL. Anche perché, nel ballottaggio, gli elettori del PDL dovranno votare ed è presumibile che votino UVSAFA piuttosto che il Galletto.
    3. Anche la candidatura di Fosson, da questo punto di vista pare funzionale a questo scenario.
    4. Se così fosse (ovvio, sono considerazioni personali) pare corretta la recente affermazione di VdaVive per cui l'attuale maggioranza si sta spostando a destra e, in ogni caso, comunque vadano le elezioni nella prosssima legislatura, chiunque governi dovrà necessariamente scendere a compromessi con l'UV.


    Un saluto dal seminato

    RispondiElimina
  93. alcune considerazioni:
    - i risultati delle elezioni regionali avranno certamente un "effetto traino" sulle regionali. Non sarebbe indolore alle regionali per l'UV perdere le politiche, non scevro di effetti un eccellente risultato del PDL.
    - l'alleanza UVSAFA è stata deglutita con difficoltà dall'UV nella certezza di superare il 50%+1 al primo turno; diversamente l'UV avrebbe preferito presentarsi da sola per non prendere impegni sul futuro assetto della Giunta (assessorati et alia), una prima assoluta per l'union;
    - l'idiosincrasia dell'UV per il ballottaggio nasce anche dal terrore che al secondo turno scattino dinamiche anti-guste+timore di successive alleanze con il centro-destra. Il risultato sarebbe a questo punto 18 consiglieri per PD, arcobaleno e renouvive. Ne rimarrebbero 17 in tutto tra UVSAFA e PDL. Lascio immaginare la débacle per l'UV (e non solo), in questo caso...
    - se UVSAFA raggiunge al primo turno il 50%+1 voto, continuerà la traversata nel deserto, ma sarà interessante vedere i guasti in giunta si SA e di FA;
    - comunque vadano le elezioni regionali, è chiaro che chiunque dovrà fare i conti con l'UV: non a caso è il partito di maggioranza relativa, e, siamo realisti, dimagrito o no, resterà tale.

    RispondiElimina
  94. Il Grande Orso6 marzo 2008 10:53

    Interessante analisi.
    Speriamo che l'eventuale spostamento a destra dell'asse di governo comprenda anche un aggiornamento dei temi perché se si tratta della svendita del PDL in cambio di poltrone non serve.
    Non guasterebbe ad esempio un ritrovato interesse per la libertà linguistica (quella che Frassy sbandierava in una campagna elettorale di pochi anni fa).
    Borluzzi aiutaci tu.

    RispondiElimina
  95. mi risulta difficile ipotizzare una vittoria UVSAFA al primo turno (ma probabilmente da semplice osservatore non colgo tutti gli aspetti).
    Se prendiamo ad esempio le elezioni comunli di aosta del 2005, dove gli schieramenti erano più o meno gli stessi con la fondamentale eccezione che gli allora DSGV e Margherita erano alleati di UVSAFA.
    Grimod ottenne poco più del 57% dei voti.
    Se prendiamo per buono tali cifre ne dovremmo dedurre che, depurati del PD, l'aleanza UVSAFA dovrebbe faticare e non poco per arrivare al 50% + 1.
    Consideriamo inoltre che allora, l'area di centro destra riconducibile all'odierno PDL venne pressoché annullata (un solo consigliere eletto) con la logica conseguenza che se la destra non avesse franato probabilmente Louvin sarebbe arrivato al Ballottaggio pur senza il PD. Se oggi il PDL "tiene" mi pare francamente molto difficile superare il 50% al primo turno, tanto più che una candidatura come Benin non mi pare certo un candidato poco competitivo (tutt'altro).
    Francamente non capisco la tattica dell'UV.

    Grazie delle risposte.
    Un saluto dal seminato

    RispondiElimina
  96. Alberto Grisero - Aosta6 marzo 2008 16:14

    Egregio Anonimo, la mia analisi era funzionale al fatto di voler mandare in corto circùito la politica valdostana: capisci a mmé!

    RispondiElimina