PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

20 febbraio 2008

sondaggio sul casinò


su Impresa VdA un interessante sondaggio sulle nuove nomine del Consiglio di Amministrazione del Casinò. Vale sempre la pena di partecipare.

24 commenti:

  1. Conosco personalmente da tanti anni il dott. Varvello, persona stimata, onesta e di provata capacità. Non posso che augurargli buon lavoro.
    Andrea Vuillermoz

    RispondiElimina
  2. io non lo conosco, ma se gode della stima di Andrea Vuillermoz Curiat sono disposto a rivedere la mia opinione.

    RispondiElimina
  3. m'kuzzi oil company20 febbraio 2008 11:26

    McCain-Rice : che accoppiata ! Auguri a eddy per i 30000 , veri , di domani . Per festeggiare bene , rispondi al CCC , che hai slalomato .

    RispondiElimina
  4. tanto più se, in una logica di stretta osservanza cencelliana, il suddetto dottore facesse riferimento, come si dice, a chi Andrea Vuillermoz Curiat stima al di sopra di ogni altro.
    E'sempre utile che le griglie di lettura siano chiare a tutti.
    In proposito, o qualcuno conta per due, o a qualcuno spetta due e a qualcuno nulla.
    Andrea Vuillermoz Curiat potrebbe illuminarci in proposito.
    Segnalo infine agli intervenuti quanto leggo sui comunicati stampa:
    "...l'amministratore delegato, scelto dagli azionisti, Riccardo Varvello, manager specializzato in
    informatica, gestione ospedaliera e nelle risorse umane, originario di Valtournenche...".
    Do per scontate due cose:
    1 - il dott. Varvello, specialista in gestione ospedaliera, saprà certo curare un ammalato grave come il casinò;
    2 - il dott. Varvello, essendo stato sin qui un fornitore del casinò, certamente rimuoverà dans le plus bref délai gli eventuali motivi di conflitto d'interesse.

    RispondiElimina
  5. oil driller,
    che è il CCC? Un carabiniere più carabiniere degli altri?
    Puoi ripetere la relativa domanda?

    RispondiElimina
  6. Chiedi a Bruno : AAA , BBB , CCC .... Ciao fino a venerdì .

    RispondiElimina
  7. Abbiamo un ex dirigente regionale che dopo aver effettuato numerosi guasti nelle aziende partecipate dalla regione - Banca della Valle d'Aosta, Centrale del latte, Pila spa, ecc - riuscirà certamente a demolire definitivamente quel poco che resta del Casino.
    Vergognosa azione preelettorale.

    RispondiElimina
  8. Caio Giulio Cesare20 febbraio 2008 14:41

    Vista l'imminenza delle elezioni politiche nuovamente mi incazzo al pensiero che io non sono come gli altri Italiani.
    Non è che mi interessi molto quale mangiasoldi locale andrà a Roma, tanto la scelta si riduce al candidato unionista o a quello comunista, quello che mi irrita maggiormente è il non poter contribuire alla percentuale dei singoli partiti né all'elezione del Premier.
    Chiedo a Ottoz se non potrebbe essere il tema di un'interrogazione parlamentare da parte dei sui compagni di partito in caso riuscissero ad accedere al Parlamento.
    Se si impegnassero, inequivocabilmente, in tal senso forse invece di votare per AS potrei anche prendere in considerazione il PDL.
    W l'Italia.

    RispondiElimina
  9. bruno courthoud20 febbraio 2008 15:20

    casinò: forse aveva ragione un mio excollega, demansionato (ancora attualmente) in Regione (non al casinò)come me, il quale non ha ritenuto (ancora) opportuno avanzare alcuna causa: "quando vogliono distruggere tutto, bisogna dar loro una mano".
    elezioni: caio giulio cesare ha perfettamente ragione per quanto concerne il fatto che i nostri voti non contribuiscano al conteggio in campo nazionale. Come ho fatto altrove, invito Caveri, dopo le sue esternazioni in merito all'autodeterminazione dei popoli (Kosovo) a proclamare unilateralmente l'indipendenza della VDA (chi glielo impedisce?) e di accollarsene tutte le responsabilità. Altrimenti taccia per sempre.
    In ogni caso i vescovi hanno detto una cosa che TUTTI I CATTOLICI e non solo dovranno condividere. NO alle liste sporche. Pas de propreté, pas de vote (per candidati, liste, coalizioni). Al momento io ci vedo Rollandin, Lavoyer,Carradore (?), aggiungerei la Viérina (insufficienza o mancanza di prove, quindi non vera assoluzione). L'assemblea dei vescovi si è già pronunciata.
    p.s. sono molto incazzato: c'è demansionamento e demansionamento!
    caio giulio cesare: ma ci sono ancora comunisti in giro? ti riferisci a Giuliano Ferrara? o c'è comunista e comunista? Io non ne vedo più da un bel po' di tempo.

    RispondiElimina
  10. L'elezione del nuovo consiglio di amministrazione della casa da gioco valdostana è l'ennesima dimostrazione dell'incapacità, e della politica degli interessi dei personaggi che siedono in giunta. Finchè la politica è questa sarà sempre peggio !

    RispondiElimina
  11. Alberto Grisero - Aosta20 febbraio 2008 16:52

    Premesso che i comunisti ci sono, ECCOME, e fanno anche danni (con la loro sfiga ideologica),
    mi sembra urgente che il Casinò di Saint-Vincent sia sottratto alle grinfie dell'Union Valdotaine; per la sua rinascita avrei tre proposte: una sua cessione allo Stato, come per gli altri 3 Casinò italiani; una società privata a partecipazione statale (sempre che esistano ancora), oppure, l'acquisto da parte di un privato (p. es. Montezemolo, in quota Fiat, in modo tale da riavere la Juve dai 29, DìCONSI 29 scudetti ad allenarsi in Valle d'Aosta). A dire il vero, il mio sogno è di sottrarre l'intera Regione alle grinfie del Leone Rampante!

    RispondiElimina
  12. Alberto Grisero - Aosta20 febbraio 2008 16:59

    A proposito di elezioni americane, mio caro amico "m'kuzzi", non temi anche tu che Barack Obama sia un po' troppo a sinistra, rispetto a Hillary Clinton? Se consideriamo che il "destro" John Mc Cain è in età pensionabile...
    Apriamo un dibattito!

    RispondiElimina
  13. bruno courthoud20 febbraio 2008 18:29

    A proposito di "a qualcuno spetta due a qualcuno nulla":
    a Giancarlo Voyat, ex direttore dei giochi del casinò, sono stati giustamente riconosciuti dal tribunale del Lavoro 4 anni di demansionamento, è stato reintegrato nella sua funzione dirigenziale, e il casinò (idem Regione) dovrà risarcirgli euro 20.000 per danno alla professionalità e euro 40.000 per danno esistenziale.
    Al sottoscritto invece dallo stesso tribunale, stesso giudice, sono stati riconosciuti in sentenza almeno due anni di demansionamento effettivo, ma il relativo ricorso (avverso la Regione) è stato respinto. Sono stati sentiti solo 2 dei 4 testimoni convocati regolarmente. ?????
    Questione di targa? (Io viaggiavo e viaggio senza targa). Aspetto l'appello (primi di aprile) e poi, se del caso, pianto casino (saremo proprio sotto elezioni). Ricordo che il Pres. Giunta e papà della riforma 45/95, era, al periodo, Dino Viérin UV, il quale amava ripetere:"Io nomino chi voglio (vedi Maccari), anche l'usciere".
    Caveri successivamente parlerà di dirigenti da "rottamare" (quali?)

    RispondiElimina
  14. Alberto Grisero - Aosta21 febbraio 2008 16:47

    Mio caro Bruno Courthoud, ti riferisci alla targa della macchina o è una metafora politica?
    Nel primo caso di consiglio d'immatricolare l'automobile, nel secondo... beh, mi sono fatto la convinzione che tu sia stato pesantemente preso di mira dal regimetto delle banane valdostane, perché (esattamente come mé) hai dato fastidio a qualcuno "in alto". Noi Veri Maschi Italiani sappiamo usare gli attributi virili, sia a letto, sia fuori, ed io so benissimo che qualcuno (anche a mé vicino) sta solo aspettando che io faccia un passo falso, in modo tale che un certo psichiatra che ha fatto politica in una "lista civetta" dell'Union Valdotaine, mi dichiari interdetto, facendomi ricoverare in qualche gulag psichiatrico e mettendo l'eredità che ho ricevuto da Vittorio Grisero, a disposizione di "chi sa lui" (e anch'io!)

    RispondiElimina
  15. bruno courthoud21 febbraio 2008 18:47

    l'unica persona a cui posso aver dato fastidio è una "stronzetta" che non vale neanche la pena di nominare. Purtroppo è diventata il mio Dirigente (le ho dovuto tenere su le mutande, professionalmente parlando, per tutta la mia carriera presso la regione). Il fatto è che questa "stronzetta" aveva per moglie un amico intimo di Caveri; i due hanno anche avuto periodi di permanenza contemporanea e frequentazione in quel di Roma. L'amico di Caveri aveva frequentazioni monarchiche e conservava in banca i soldi della VDA: una carriera strepitosa!

    RispondiElimina
  16. bruno courthoud21 febbraio 2008 18:50

    aveva per marito, lapsus ...

    RispondiElimina
  17. Alberto Grisero - Aosta22 febbraio 2008 16:30

    Questo amico di Caveri che aveva frequentazioni monarchiche non sarà mica, per caso, uno dei tanti figli naturali che Casa Savoia ha sparso per la Valle d'Aosta?! E' risaputo, infatti, che la Corte veniva in vacanza nei nostri castelli, si godeva la vita come Dio comanda e, 9 mesi dopo, nasceva il bambino (..."che non era di Marco e non era di Gino": Rino Gaetano docet!) Approfitto dell'occasione per chiedere a chi è più anziano di mé: prima che gli americani inventassero i profilattici, come si faceva a chiavare senza mettere incinta la partner? E' vero che si usavano rudimentali preservativi formati da budella di animali?

    RispondiElimina
  18. su MTV, nella trasmissione "loveline" troverai tutte le risposte che ti servono.

    RispondiElimina
  19. bruno courthoud22 febbraio 2008 23:26

    No, no, quelli hanno fatto tutti i poveracci (molti in Valsavarenche)! Io ho conosciuto solo un figlio del conte Rossi di Montelera, qui in val di Rhemes (dove il conte ha una riserva di caccia privata), morto in casa di riposo. Questo invece è andato ai funerali di Umberto II e coltiva amicizie monarchiche anche in quel di Roma, in quel luogo che chiamano Parlamento! E poi tiene in banca i soldi della VDA!. Come si può dirgli di no se chiede un "favore" per la moglie? O se la moglie ha deciso che qualcuno va messo da parte? D'altronde, anche la controparte potrebbe aver bisogno di un favorino ... . Sai com'è! Così va il mondo.
    Chissà perché tutte le volte che sento parlare di meritocrazia (parola diventata improvvisamente di moda) mi vien da ridere!

    RispondiElimina
  20. Alberto Grisero - Aosta24 febbraio 2008 18:08

    Mio caro Bruno Courthoud, la meritocrazia dovrebbe essere una cosa normale, quasi scontata, ma non puoi dimenticare che l'estrema Sinistra "arcobaleno" predica, a livello nazionale, che in questo mondo "dobbiamo" andare avanti tutti, a prescindere. Non a caso, la scuola ha cominciato a scadere dalla riforma Berlinguer in avanti: guai ad insegnare secondo dettami "borghesi"!

    RispondiElimina
  21. bruno courthoud24 febbraio 2008 19:54

    Devo in gran parte darti ragione. Aspetto ancora che Elio Riccarand allora Assessore, mi dia qualche spiegazione in merito al perché abbia dato ascolto alla "stronzetta" di cui ho parlato, la quale, in relazione ad uno specifico incarico da darsi o non darsi, ha dato ascolto alla medesima la quale si è opposta strenuamente esclusivamente perché a suo tempo quell'incarico, ricco quanto inutile, non era stato dato al di lei fratello (nel merito la "stronzetta" aveva tutte le ragioni). E' stato persino convocato e sentito il di lei fratello! Il fatto ha provocato un dissidio tra me e la "stronzetta" (per questioni di competenze, non di merito) cha avrebbe potuto e dovuto tranquillamente essere sanato (tutti erano d'accordo fuorché la "stronzetta"). La vicenda mi è costata di fatto l'incarico con relativi soldi, la carriera, sei anni di isolamento coatto, l'anticipo della pensione, la salute. Può bastare?. Non ho MAI avuto spiegazioni. Ah, dimenticavo, il marito della "stronzetta" era ed è amico intimo di Caveri. Neanche Vallet (sempre UV), che ne conosceva bene le immense capacità professionali e sodale, allora, UV di Caveri, è riuscito a disfarsene e a smuoverla dal suo posto. Poi Riccarand, è venuto mogio mogio a chiedermi se potevo rimanere in Assessorato a dargli una mano per la legge urbanistica, perché in Amministrazione non sapeva a chi cacchio rivolgersi, mentre la "stronzetta" prendeva i soldi da coordinatore e dio solo sa che cosa facesse.
    per Riccarand:
    tf: 335/8149306
    b.courthoud@tiscali.it
    per Grisero:
    ho votato spesse volte per l'Arcobaleno, come ho già detto, come voto di protesta, non di adesione. Non lo farò più, piuttosto non vado a votare o voto scheda bianca. (Se una persona o un partito ha le palle, lo si vede quando è al governo, non quando è all'opposizione, troppo facile!)

    RispondiElimina
  22. alberto,
    non dalla riforma Berlinguer, ma dalla riforma Malfatti (decreti delegati) dei primi anni '70.

    RispondiElimina
  23. bruno courthoud25 febbraio 2008 08:13

    ho due figli che vanno a scuola. Ho sempre detto a tutti gli insegnanti che non mi vedranno MAI in quegli organismi previsti dai decreti delegati. Gli insegnanti facciano gli insegnanti e i genitori facciano i genitori. Ho detto loro che, nel caso abbiano qualcosa di particolare da riferirmi, rimango invece a loro disposizione.

    RispondiElimina
  24. Alberto Grisero - Aosta25 febbraio 2008 16:26

    Egregio Eddy Ottoz, io ho frequentato le Elementari e le Medie negli Anni '70 e mi sono trovato molto bene; non posso dire altrettanto dell'Istituto Tecnico per Geometri di Aosta (ho già avuto modo di parlarne, su questo blog) che, nei rutilanti Anni '80, era gestito da questa "provincia delle banane valdostane". D'altra parte, se per la Sinistra il proletario ha sempre ragione, per l'Union Valdotaine è il valdostano "verace" ad avere sempre ragione: se poi uniamo le due cose, considerando che il Preside era il compianto Oddone Bongiovanni...

    RispondiElimina