PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

15 maggio 2007

il valzer dell'ICI (e io pago...)

Francesco Rutelli, preoccupato dalla serie di problemi nei quali il governo è inciampato la settimana scorsa (family dico's day, Padoa-Schioppa-pensiero sulle pensioni, tesoretto-telenovela, elezioni siciliane), chiede a gran voce che l'ICI sulla prima casa sia quanto meno ridotta. Romano Prodi, con il fiato del Ministro dell'Economia sul collo, risponde che prima si dovranno rivedere gli estimi catastali.
Traduzione dal Prodi-politichese:
care famiglie, il valore catastale di casa vostra è troppo basso, per cui l'ICI è alta in percentuale, ma bassa in assoluto. Perciò prima vi aumenteremo il valore catastale e solo allora vi ridurremo la percentuale ICI.
Domanda:
con la percentuale ICI più bassa, applicata su un valore catastale più elevato, pagheremo meno di prima o più di prima?
Per Padoa Schioppa la seconda. Prodi avrà comunque mantenuto la promessa: ICI ridotta. Le tasse non si sa.
Gli italiani potranno sempre dire come Toto' e Peppino: e io pago...

10 commenti:

  1. Ciao Eddy, Per educazione tralascio ogni commento su quanto hai appena pubblicato. Ti scrivo questo post per informare te e i tuoi lettori che ho aperto uno spazio mio e che se lo vorrete potrete venirmi a trovare su "www.olivottus.blogspot.com". Ciao e a presto. Corrado Olivotto

    RispondiElimina
  2. grazie, verrò. Perchè tralasci?

    RispondiElimina
  3. Perché sono accusato di essere uno di destra (e un po' è vero) e questo inquina il giudizio sui miei commenti. Se io critico il buffo governo Prodi le mie parole sono accolte con un sorrisetto che sottintende: "eh, cosa volevi che dicesse ...". Comunque il giudizio è abbastanza scontato, sono dei pagliacci. Ciao. Corrado Olivotto

    RispondiElimina
  4. Scoperto l'acqua calda?

    RispondiElimina
  5. certo che non riesco a capire perchè si parla di riduzione ICI quando l'ici è di competenza dei comuni. Se il governo vuol ridurre le tasse lo faccia su tasse di sua competenza non su quelle di altri.

    RispondiElimina
  6. si parla di riduzione perché l'ICI è di competenza comunale, ma nel senso che il comune può solo scegliere a quale livello fissarla entro un minimo ed un massimo stabiliti per legge statale. E' una competenza a sovranità limitata. Lo stato può, con una sua legge, modificare la forchetta tra minimo e massimo. Lo stato può anche abolire l'ICI, al limite. La competenza del comune è sul quanto, non sul se.

    RispondiElimina
  7. caio giulio cesare16 maggio 2007 15:49

    Vedi OTTOZ, se questo ridicolo governo non riesce neanche a concordare le palle da raccontare ai cittadini, non credi che sarebbe suicida per i valdostani portarsi a casa un governo analogo votando per il galletto? Ma te li vedi Valleise, Riccarand, Louvin, Tamone è Andrione a governare insieme? Altro che Rutelli e Padoa-Schioppa. Saluti amichevoli. Caio Giulio Cesare (imperatore)

    RispondiElimina
  8. Corrado Olivotto20 maggio 2007 22:03

    Visto che questa linea di discussione è ancora in cima alla lista ne approfitto per chiarire alcune cose. Oggi la distinzione tra destra e sinistra è molto meno evidente che un tempo. L'estrema destra e l'estrema sinistra condividono diverse tematiche sociali e un certo qual disprezzo per la democrazia borghese, mentre i moderati di entrambe le fazioni condividono l'idea dell'ineluttabilità del capitalismo e, con sfumature diverse, dell'ineluttabilità della disuguaglianza. Per assurdo penso che mentre questi governi di coalizione vanno in crisi un governo fatto di comunisti e fascisti, o dei centristi di ambo le parti, andrebbe benissimo. Certo, a destra c'è l'esaltazione dell'individuo e a sinistra è preminente la massa, a destra c'è la religione mentre a sinistra c'è il materialismo, ma sono abbastanza delle palle, in realtà la vera alternativa è tra socialisti e liberisti e ne abbiamo in entrambi gli schieramenti. Un governo di fascisti e comunisti abolirebbe l'ICI sulla prima casa, uno di centristi no: un governo di fascisti e comunisti metterebbe la patrimoniale, uno di centristi no; un governo di fascisti e comunisti difenderebbe la sanità e la scuola pubbliche, uno di centristi no; eccetera. Ora tu mi dirai: "che c'entra questo con il mio post iniziale?" Niente. Solo che volevo dire queste cose e anche dire che a questo punto non so se sceglierei il governo centrista. Ciao.

    RispondiElimina
  9. c'entra, c'entra e introduce un tema interessante: che cosa s'intende quando si parla di destra e di sinistra? Destra o sinistra rispetto a che cosa? La storia ci può aiutare? Dedicherò oggi un post a questo tema, non è mai troppo tardi per farsi nuovi amici e nemici.

    RispondiElimina