PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

10 gennaio 2009

appropo' di appropo'

da quasi un mese si accumulano giornali nel nido dei miei computer. Notizie varie da commentare qui, metti da parte, vedremo. Succedono un sacco di cose, si pubblicano un sacco di c.....e, prendo appunti, rimugino, in bilico tra buttare giù in fretta, sinteticamente, magari con una battuta (il mio modo migliore di non farmi capire), oppure analizzare più a fondo (annoiando chi tutto ama meno che leggere). Così il momento giusto passa, la pigrizia la spunta, la pila delle cose interessanti cresce, appropo' langue. Aggiungi che c'è anche da lavorare, un cantiere fermo per la neve. La sindrome da depressione natalizia è stata finalmente riconosciuta a livello medico, ci sono gli auguri da scrivere, quelli a cui rispondere, quelli da inviare via email, le caldaie che fanno i capricci al palaindoor, l'influenza che era dal 1974 che non stavi a letto per più di un giorno e che ti rifila sette giorni di letto con bronchitaccia e tutto il resto, compresa una ricaduta di altri cinque (se basteranno). Su tutto l'incapacità di sottrarsi, di non pensare, di disinnescare i perché, di capire i come, di vincere sui se, di risvegliarti dall'incubo di facebook.
Che lo Spirito del Vangelo secondo Tux ci invii un garante di facebook.

7 commenti:

  1. bruno courthoud10 gennaio 2009 14:29

    che è il vangelo secondo Tux?

    RispondiElimina
  2. eccone un passaggio:

    E allora accadde che Microsoft divenne grande e potente, tra le Corporation del Microchip; più potente di quanto qualsiasi altra Corporation del Mainframe lo fosse mai diventata. E il cuore di Gates si era indurito, e lui giurò dinanzi ai suoi Clienti e ai suoi Ingegneri le parole della sua maledizione:

    "Figli di Von Neumann, ascoltatemi: Ibm e le Corporation del Mainframe hanno incatenato i vostri progenitori con gravi e perigliose licenze, tanto che voi vi siete lamentati acciocché gli spiriti di Turing e di Von Neumann vi liberassaro. Ora io vi dico: io sono più grande di qualsiasi Corporation prima di me. Vi libererò delle vostre licenze? No, io vi legherò con licenze due volte più gravi e dieci volte più perigliose di quelle dei miei progenitori... Vi catturerò e vi ridurrò in schiavitù come nessuna generazione è stata mai resa schiava. E per quale ragione piangerete gli spiriti di Turing, di Von Neumann e di Moore? Essi non possono sentirvi. Io sono diventato una licenza più grande di loro. Piangerete soltanto per me, e vivrete alla mercé della mia pietà e della mia ira. Io sono i cancelli dell'inferno; io possiedo il portale per l'MSNBC e le chiavi dello Schermo blu della morte.
    Abbiate paura: abbiate una grandissima paura; servite solo me, e vivrete".

    (from: The Gospel according to Tux)

    Tux è il soprannome del pinguino, simbolo di Linux, e quindi del free source software. Poiché la livrea del pinguino somiglia a uno smoking (in americano "tuxedo"), il pingui-linux è soprannominato appunto Tux.
    E poiché un'altra definizione di Linux è GNU (acronimo ricorsivo che sta per Gnu is Not Unix), si dice che il Vangelo di Tux sia letto nella chiesa di Sant'Ignuzio.

    RispondiElimina
  3. ...sto pian piano tornando in linea

    RispondiElimina
  4. bella foto! me lo ricordo, il pulpito! Quanto te lo invidio, non hai idea.

    RispondiElimina
  5. bella foto! il pulpito, me lo ricordo! non hai idea di come te lo invidio...

    RispondiElimina
  6. non so quale sia dei due il messaggio che consideravi buono, ma certamente si equivalgono.
    Il "pulpito" come lo chiami tu, mi ha permesso di concentrare gran parte dell'hardware che utilizzo personalmente in casa. Nella foto non si vede tutto, e ti confesso che è diventato stretto. Sto meditando su una modifica che mi consentirebbe di quasi triplicarlo, ma non ho voglia di imbarcarmi in lavori, falegnami, ecc.
    Quassù me ne sto tranquillo, mi gestisco anche un po' di musica e di foto, ho il controllo visivo sula sala, lo stanzino che ho alle spalle mi consente di avere un (disordinato) archivio a portata di mano.
    Man mano che aggiungo, tolgo, collego, scollego e ricollego, si aggroviglia tutto sutto il tavolo, ma soprattutto si accumula polvere tra cavi, alimentatori, ciabatte, ups ecc.
    E' fastidioso il periodico lavoro di riconfigurazione, riordino dei cavi, inserimento di dispositivi "di sintesi" che consentano di eliminarne altri.
    Una rete mista cavo e wi-fi: in altre zone della casa c'è il "pulpitino" di Lyana, poi ancora quello di Pilar e quelli che si attivano temporaneamente quando Laurent e Patrick sono in Valle.
    Il buon vecchio secondo principio.

    RispondiElimina
  7. Ah, uno dei due potevi buttarlo! E' che, dopo aver inviato il primo, il coso non mi dava il solito messaggio di conferma "il commento è stato inviato"... quindi temevo se lo fosse fumato.

    Ma te lo sei trovato per caso, o l'avevi fatto costruire appositamente per questo scopo? O aveva un altro scopo, e poi l'hai riconvertito? A me, più che il fatto di avere tutto raccolto a portata di mano, piace tantissimo la posizione, incombente sul soggiorno, a nido d'aquila. Eccezionale.

    RispondiElimina