PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

9 giugno 2009

Parfait Jans poeta

Sempre attento alle vicende politiche nostrane, Parfait Jans, conosciuti i risultati elettorali, ha inviato questo poetico commento:


Désormais, à l'instar du gamin Gavroche (personnage du roman « les Misérables » de Victor Hugo) qui chantait sur la barricade:


« Je suis tombé par terre,
c'est la faute à Voltaire,
le nez dans le ruisseau,
c'est la faute à Rousseau… »



nos petits Valdôtains pourront chanter:

«L 'U.V. » est tombée dans le piège romain,
c'est la faute à Rollandin,
elle a choisi le mauvais chemin,
c'est la faute à Rivolin… »



(foto 12vda)

16 commenti:

  1. Ma Lei non è iscritto al PDL (o abbiamo di nuovo cambiato casacca?)

    RispondiElimina
  2. Ottoz cambia camicia come tira il vento

    RispondiElimina
  3. Ottoz cambia la camisa come tira el vento!

    RispondiElimina
  4. @ anonimo 1:

    ti sfugge che la L di PDL significa appunto libertà...

    libertà senza aggettivi
    libertà di ironia e, soprattutto, di autoironia...

    spero che tu non sia così limitato da pensare che la partecipazione ad un progetto comporti il pensiero unico e la morte dell'analisi critica e, soprattutto dell'ironia e della capacità di ridere di se stessi...

    RispondiElimina
  5. @anonimo 2:

    parla come mangi.
    hai già qualche problema con l'italiano, lascia perdere lo spagnolo oppure scrivi giusto:

    cambia la camisa como tira el viento

    quando dici una strozata, dilla almeno in modo corretto!

    RispondiElimina
  6. en todo caso, cada mañana camisa limpia, sólo los cerdos no se cambian nunca.

    RispondiElimina
  7. bruno courthoud10 giugno 2009 14:00

    che perdita per Strasburgo! come farà a funzionare il Parlamento europeo senza un rappresentante valdostano ed il suo qualificato ed imprescindibile apporto? Dovrà funzionare senza che sia stato possibile portare la montagna in Europa (ma non dovrebbe esserci già, o nessuno si è ancora accorto che le Alpi sono in Europa? Eppure basta una cartina geografica!).
    Comunque:parenti, serpenti. Se la Lega, parente naturale dell'UV, avesse ricosciuto l'apparentamento di fatto, a quest'ora il jambon de bosses sarebbe a Strasburgo (a che fare?)

    RispondiElimina
  8. cambio, almeno per oggi, il colore di fondo di appropó, in modo che tu non continui a confonderlo con Foglio Azzurro

    RispondiElimina
  9. hoja azul es otra cosa, para quedarle al español...

    RispondiElimina
  10. esperando qué hora tú no lo confundas con hoja verde!

    RispondiElimina
  11. Un bel verde merda non c'è che dire!!!

    RispondiElimina
  12. per gli anonimi come te blogger non ha altro da offrire...

    RispondiElimina
  13. per chi si firma, si può fare di più...

    RispondiElimina
  14. A Bruno Courthoud.
    La tesi che avanzi sul fatto che un apparentamento con la Lega circola in molti ambienti, a partire da quelli unionisti. E' una frottola bella e buona. Anche in quel caso Marguerettaz non sarebbe mai passato. Essendo valdostani non sappiamo come funzionano le cose fuori valle e ragioniamo da ignoranti. Sappiamo tutti che in Italia, nord centro e sud, le preferenze sono totalmente pilotate, in particolare in quei partiti dove si giocano forti interessi. La Lega ambiziosa e sfrontata come i barbari che credevano di metterla in sacca a Roma, non avrebbe mai corso il rischio di perdere un eurodeputato. Si può stare tranquilli che in quel contesto Marguerettaz sarebbe arrivato primo escluso. Avrebbero fatto in modo di portare l'ultimo sopra le 20mila preferenze. Il caso di IDV col galletto è un esempio esaustivo... PD e PDL (il primo ha fatto l'accordo con la SVP, il secondo con l'UV) possono permettersi di perdere un seggio e giocare la trattativa su altri tavoli. L'UV non avrebbe mai potuto coinvolgere in nessun modo la Lega in Valle, perchè i suoi rappresentanti sono così così e prechè non sono rappresentati da nessuna parte. Per il PDL o PD (in caso vi fosse stata una scelta diversa) la trattatriva poteva svilupparsi su altri fronti, convenienti ad entrambi i partiti. La poesia di Parfait Jans poi è di una banalità totale, superficiale e ben poco ironica.

    RispondiElimina
  15. Bruno,
    che la citazione di Rivolin serva solo a fare la rima è vero, che la poesiola non faccia ridere più di tanto va bene, ma, nell'intenzione di Jans, ironica era...
    Oltre al fatto che sentire tutte le campane, anche se non perfettamente intonate, non guasta mai.

    RispondiElimina
  16. quanto al resto del ragionamento, non fa una grinza.

    RispondiElimina