PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

22 aprile 2009

E' l'ora in cui la turistica Aosta
ha già messo a nanna tutti i ristoratori.

Nella notte del lungo Tevere
carciofi da Perilli al Flaminio.

Alla romana fantastici, alla giudìa sublimi.

13 commenti:

  1. Dante de Issime22 aprile 2009 07:59

    Che paragone senza senso. Comunque può sempre trasferirsi laggiù. La Valle intiera ne sarebbe felice.

    RispondiElimina
  2. Più che Dante, consentimi di chiamarti affettuosamente "Coglione". Non de Issime, per carità, Coglinoe e Basta.
    Voglio bene a questa valle e ad Aosta, ma senza fette di prosciutto sugli occhi e soprattutto senza coda di paglia... Sogno una valle migliore, e ritengo che le giuste critiche siano comunque utili per migliorare.
    Mi spiace di deluderti, continuerò a fare il valdostano a Roma e il romano in valle d'Aosta.
    Tu continua pure a fare il coglione, ma non a Enscheme. I Walser sono troppo in gamba per avere qualcosa da spartire con te.

    RispondiElimina
  3. Time is money . So , dinig here , is terribly expensive . But if you like to waste your time it'ok . Also because food is correct .

    RispondiElimina
  4. Perilli or Al Bolognese ? If your pockets are full of time , four friends at the first place pay quite as much as you alone at a table of the second one . So , mr. Eddy , visit Perilli with mr. Dante de Issime : you'll save money and , waiting for food , you may work in order to open his mind .

    RispondiElimina
  5. bruno courthoud23 aprile 2009 18:38

    beati quei paesi in cui si può chiamare m.... la m.... . maledetti invece quei paesi in cui, oltre a mangiare m...., occorre anche dire che è buona.
    Rimarranno per l'eternità nella m.... .
    Dante ha espresso infinite volte questo concetto con parole altamente poetiche, io mi accontento della prosa più prosaica.

    Il profeta ebreo sarebbe stato più "dolce" e avrebbe detto:
    "Beati voi che vivete nella m...., perché vostro sarà il regno dei cieli".

    Ma tutti i nodi, prima o poi, vengono al pettine.

    RispondiElimina
  6. e se il pettine si muovesse un po' più velocemente, il prima potrebbe prevalere sul poi.

    RispondiElimina
  7. Andrea Vuillermoz24 aprile 2009 12:18

    Concordo.Speriamo veramente che il pettine si muova. E allora ne vedremo delle bellissime e mi divertirò come un matto. Occhio però.Gli anni passano inesorabili e si corre il rischio di non vedere nulla...

    RispondiElimina
  8. bruno courthoud24 aprile 2009 18:42

    sulla velocità del pettine sono un po' pessimista. come, a piccole dosi, ci si abitua anche al veleno, figuriamoci se non ci si abitua e ci si adatta anche alla ....!

    RispondiElimina
  9. ma veramente, ragaazzi , non vi pare di perdere il vostro tempo tempo?
    Cosa emerge da questi illustri commenti?
    Qualcuno che mastica poco l'inglese e qualcun altro che mastica ancora meno l'italiano.
    Nessun risultato utile .
    Nessun contributo al futuro dell'umanità....

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud7 maggio 2009 22:08

    al futuro dell'umanità pensano, giorno e notte, i politic(h)iens ed altri anonimi benefattori dell'umanità; noi, poveri mortali, possiamo anche perdere il nostro tempo, e, ormai con la dentiera in bocca, mastichiamo come possiamo.

    RispondiElimina
  11. Contenti voi......

    RispondiElimina