PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

23 aprile 2009

botta e risposta sui massimi sistemi

Federalismo: "..."fanculo, Brunetta, ne assumo quanti mi pare!"
Brunetta: "Bastardo!"

22 commenti:

  1. bruno courthoud23 aprile 2009 18:47

    del tutto a margine:
    Grimod se la prende coi dirigenti comunali. In regione pare che alcuni dirigenti si scannino tra di loro. I politici non sanno più cosa fare (dei dirigenti che hanno scelto loro!), anche perché son talmente bravi e preparati che non sanno più giudicare quale di loro sia il più bravo e preparato!
    Grimod se la prende anche con i sindacati, che starebbero dalla parte dei dirigenti.
    Politici allo sbando di fronte alla casta dei dirigenti!
    Le cose andavano molto meglio quando andavano peggio (prima della cosiddetta riforma della pubblica amministrazione, ovvero dell'introduzione dello spoils system alla vapeullinentze).

    RispondiElimina
  2. è stato denunciato il pactum sceleris, ma qualcuno non se n'e vuole fare una ragione.

    RispondiElimina
  3. La gente sceglie le Giunte.
    Le Giunte fanno le scelte.
    I dirigenti le realizzano se, quando e come vogliono.
    Le Giunte tornano poi al giudizio degli elettori.
    I dirigenti stanno lì.
    E' giusto?

    RispondiElimina
  4. se comanda chi non dovrebbe, obbedisce chi non dovrebbe.
    Qualcuno considera la campagna elettorale europea già archiviata e si porta avanti con quella comunale.
    Il rasoio di Occam suggerisce però che la rottura del pactum sceleris non sia estranea a tutto ciò.

    RispondiElimina
  5. bruno courthoud24 aprile 2009 11:14

    i politici cominciano a raccogliere i frutti di quanto hanno seminato (la politicizzazione di tutto l'apparato dirigenziale). Penso che ne vedremo ancora delle belle.

    RispondiElimina
  6. Ppiuttosto penso che ne vedremo ancora delle balle...

    RispondiElimina
  7. Non mi piace la vostra logica disfattista.

    RispondiElimina
  8. bruno courthoud24 aprile 2009 18:38

    se le affermazioni di grimod fossero vere, e cioè se fosse vero che un pugno di dirigenti stanno paralizzando l'amministrazione comunale di aosta, l'unica conclusione da trarne sarebbe che la riforma della pubblica amministrazione, in luogo di produrre gli effetti sperati (efficacia ed efficienza), ha prodotto gli effetti opposti (la paralisi della pubblica amministrazione).
    L'unica alternativa è che grimod tenti di giustificare la paralisi della propria amministrazione, cioè la propria incapacità, addossandone la colpa ai funzionari. In un caso o nell'altro, la conclusione è comunque che la macchina non funziona, né a livello politico, né a livello amministrativo.
    E i sindacati a completare il quadro.

    RispondiElimina
  9. Troppo bello!! in un colpo solo ritrovati Coutoud de Rhima e il mitico Olivotto che badte bene si è reiscritto al Sindacato... grazie Eddy questo non è un blog, ma un regalo del signore!!
    ps Olivotto ti prego continua a scrivere non potremo viver senza le tue lezioni ( di vita e di morale!!)

    RispondiElimina
  10. bruno courthoud25 aprile 2009 21:42

    le parole del sindaco grimod sono comunque molto gravi e devono essere prese alla lettera:
    se effettivamente i dirigenti comunali paralizzano l'attività dell'amministrazione (contravvenendo pertanto palesemente ai loro obblighi contrattuali e professionali), essi devono essere rimossi e avverso i medesimi devono essere assunti i necessari provvedimenti disciplinari.
    Se invece non è così, grimod si assuma la responsabilità della denunciata paralisi dell'amministrazione e agisca di conseguenza.
    Forse grimod non si rende conto della gravità delle sue affermazioni, noi cittadini sì.

    RispondiElimina
  11. bruno courthoud25 aprile 2009 21:52

    i documenti più antichi a disposizione (secenteschi) portano generalmente la versione cortod, o al massimo curtod. La conversione della o in u è tipica di tanti toponimi e nomi della valle di reme. Cortod è così diventato courtod, poi courthod, ed infine l'attuale courthoud.
    Il nome della valle, è, nel locale francoprovenzale: rima, e non reme. Nei documenti più antichi troviamo sempre reme, più raramente rima. Rhemes è la scrittura attuale, che, caso vuole, sia del tutto uguale (Rhemes) alla scrittura inglese che individua la città di Reims.
    Il termine Rima indica invece anche alcune località e paesi walser della valsesia.

    RispondiElimina
  12. bruno courthoud25 aprile 2009 23:30

    anonimi e sinonimi
    si parlava proprio di m...e.

    RispondiElimina
  13. x l'Anonimo.

    Non ho più intenzione di dialogare con chi si nasconde nel buio.

    Codardo !!

    RispondiElimina
  14. anonimo (25 aprile 2009 16.45)

    l'unico regalo del signore è la gestione del campo di atletica, che Grimod ha omaggiato al suo fido Andrea Vuillermoz Curiat (sotto la formale copertura dell'Atletica Cogne Aosta), senza uno straccio di procedura ad evidenza pubblica.
    Lamentandosi peraltro dei dirigenti...

    RispondiElimina
  15. Andrea Vuillermoz4 maggio 2009 09:51

    A qualcuno brucia il culo? Come dissi tante volte... "Chi è causa del suo mal pianga se stesso".

    RispondiElimina
  16. al comune sicuramente si, con tutti i costi aggiuntivi di cui farsi carico, in violazione della delibera di Giunta del 20 febbraio.

    RispondiElimina
  17. Andrea Vuillermoz4 maggio 2009 15:01

    Ma pensa... Racconta la verità Eddy. Non è forse il Coni che ha disdettato la Convenzione per mano di Oro e per bocca tua? E come mai il CONI VDA rimane in silenzio (anzi non gliene frega niente)? Sei forse tu il Presidente del CONI in Valle d'Aosta? Il fatto di essere in Giunta nazionale del Coni ti da forse il diritto di ficcare il naso in faccende che non ti riguardano? E poi tu saresti superpartes vero? A tal proposito mi piacerebbe sentire il parere di ORO,che dovrebbe essere il diretto interessato. Oppure, sotto sotto c'è qualcos'altro? E per finire, se il Comune, pur di levarsi dalle balle la tua figura è disposto ad accollarsi altre spese doveva proprio essere esasperato...

    RispondiElimina
  18. Andrea Vuillermoz Curiat,
    finora me ne sono stato zitto, niente risposte, dichiarazioni, conferenze stampa, ecc.
    Se però lo desideri, pubblicherò un megapost con tutti i documenti, e l'esatta, obiettiva ricostruzione degli avvenimenti, compreso lo smascheramento delle "bugie" del buon Guido Cossard come apparse tra virgolette su La Stampa.
    Ho evitato sinora di fare la benché minima polemica, ritenendo che una mia vittoria personale avrebbe potuto corrispondere ad una sconfitta degli atleti per il filibustering o, se preferisci, l' harassment, che si potrebbe scatenare nei loro confronti.
    Non ho perciò sin qui (malgrado l'opposto consiglio di tutti i giornalisti che hanno preso visione dei documenti), risposto alla guerra personale nei miei confronti, poiché la verità, assai scomoda per il Comune, potrebbe nuocere agli atleti, che non debbono essere le vittime innocenti delle reazioni che potrebbero scatenarsi.
    Non mi ci tirare per i capelli, però...

    RispondiElimina
  19. Andrea Vuillermoz4 maggio 2009 16:11

    Ecco bravo.Finiamola qua. C sono cose più importati nella vita che polemizzare con te.

    RispondiElimina
  20. bravo, Andrea Vuillermoz Curiat, vedo che, appena si profila il rischio di pubblicare la verità e la documentazione a supporto, fai marcia indietro.
    Bravo...

    RispondiElimina
  21. bruno courthoud4 maggio 2009 22:04

    proprio adesso che incominciava a diventare interessante!

    RispondiElimina
  22. nemico temibile, la verità...

    RispondiElimina