PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

27 giugno 2008

indovinello 2

(foto démon)
chi sa dov'è questo fantastico caffé?
(dall'album "Valle che vorresti, Valle che hai")

14 commenti:

  1. Alberto Grisero - Aosta27 giugno 2008 16:30

    Potrebbe trattarsi del vecchio borgo di Mongiove (per gli unionisti francofoni, Montjovet!)

    RispondiElimina
  2. potrebbe essere ubicato in una stazione ferroviaria?

    RispondiElimina
  3. Corrado Olivotto28 giugno 2008 10:45

    Ciao Ottoz.

    Sono a Savigliano e scrivo da un Internet-café.

    Mi spiace vedere come questo blog sia diventato molto diverso da quello che avevo conosciuto all'inizio della nostra frequentazione virtuale.

    Mi spiace soprattutto che sia diventato il circolo della critica a tutti i costi e che, forse proprio per questo, sia ormai frequentato solo da personaggi bisognosi di scaricare le proprie frustrazioni.

    Da quandi sei uscito dall'Union Valdotaine hai iniziato con una serie di attacchi, che qualcuno ha stigmatizzato, alle varie istituzioni locali ed alle loro scelte e adesso inizi ad utilizzare le rarità decadenti presenti sul territorio più curato d'Italia per mettere in cattiva luce chi governa.

    Io all'inizio ho apprezzato il tuo stile libero e intelligente, però mi pare che tu ti stia facendo prendere dal risentimento personale perdendo di vista la necessaria obiettività.

    Ho letto anch'io il testo della proposta di modifica statutaria che Borluzzi presenterà per il tramite di una non competente ma disponibile Onorevole, e non vi ho rinvenuto una sola parola che possa essere ricondotta al concetto di libertà.

    Il metodo democratico, che evidentemente al mio amico Giancarlo va stretto, vorrebbe che Egli con le sue ragioni convincesse la maggioranza che le sue idee sono giuste onde poi ottenere dalla maggioranza suddetta un ribaltamento elettorale che consenta la realizzazione del suo pensiero.

    Ahimé per Lui la maggioranza invece vota per un partito che ha nel suo programma la conservazione del poco di francofonia che c'è nonché la sua espansione.

    Il fatto che Lui ritenga liberticida questo progetto di recupero e valorizzazione della lingua che si parlava nel regno dei Burgondi non gli da il diritto di passare per la Mussolini e per un eventuale patto nel PDL nazionale per imporre alla VDA la sua impostazione.

    Se la Mussolini presenterà tale proposta, e se il PDL vorrà che essa diventi legge, sarà stato perpetrato un abuso autoritario, e questo al di là della bontà o meno dei contenuti.

    Non condivido questi metodi.

    Non condivido il disfattismo che stai facendo tu Ottoz con gli ultimi tuoi interventi; non condivido le ossessioni compulsive di Mafarka che non vuole accettare la democrazia; non condivido il quotidiano spargimento di letame operato da un paio di tuoi ospiti fedelissimi.

    Spero che vedendo le tue foto chi governerà la VDA presenti dei progetti e sistemi quello che c'è da sistemare, ma anche se non lo facesse ricordatevi che è sufficiente farsi un giro dove sono io adesso per vedere la differenza tra la cura del territorio come che c'è da noi e il disastro che c'è altrove.

    E di questa buona qualità del nostro territorio, con l'UV è stato artefice anche Rollandin e la gente non lo dimentica.

    Non sono mai stato contro la giusta critica ma questo sta diventando il blog dei disadattati e ciò non ti fa onore perché tu, Ottoz, sei una persona intelligente.

    Saluti.

    RispondiElimina
  4. corrado,

    apprezzo oltremodo il tuo spirito costruttivo e. una risposta puntuale mi permetta di provare a chiarire evenuali equivoci. per semplicità riporto il tuo commento in corsivo, intercalando le mie considerazioni:

    ...Mi spiace vedere come questo blog sia diventato molto diverso da quello che avevo conosciuto all'inizio della nostra frequentazione virtuale.

    temo che ciò sia dovuto principalmente al tono dei vostri commenti e solo in parte ad un mio cambio di atteggiamento (quanto meno lo spero)

    Mi spiace soprattutto che sia diventato il circolo della critica a tutti i costi e che, forse proprio per questo, sia ormai frequentato solo da personaggi bisognosi di scaricare le proprie frustrazioni.

    è inevitabile che, chiuso il bolscevico, chiuso il forum di Luciano, chiuso quello dell'UV, chiuso quello di 12VdA ecc. tutti si riversino qui. Se devo essere punito perché rispetto la l'altrui libertà d'espressione, diciamolo chiaro.
    rimarco peraltro che qui, forse per i miei sforzi nel mantenere un basso profilo nel tono delle risposte, nessuno ha mai trasceso come è avvenuto sistematicamente nei blog e forum chiusi, e rarissimi sono stati i casi dei commenti che ho dovuto censumoderare.

    Da quandi sei uscito dall'Union Valdotaine hai iniziato con una serie di attacchi, che qualcuno ha stigmatizzato, alle varie istituzioni locali ed alle loro scelte e adesso inizi ad utilizzare le rarità decadenti presenti sul territorio più curato d'Italia per mettere in cattiva luce chi governa.

    sono sommessamente uscito dall'UV a fine 2003 illustrandone i motivi all'allora presidente, e non ricordo alcuna esternazione o attacco. Sono stato riparacadutato in Consiglio nel maggio 2006 con una dichiarazione di adesione al gruppo UV quale indipendente, ho aperto il blog a dicembre 2006. Ho lasciato il gruppo a luglio 2007. I post dicembre-luglio sono ancora in linea: mi dici in che cosa sono diversi da quelli di oggi? Esempi concreti, però.

    Io all'inizio ho apprezzato il tuo stile libero e intelligente, però mi pare che tu ti stia facendo prendere dal risentimento personale perdendo di vista la necessaria obiettività.

    sono incapace di nutrire risentimenti personali, è un difetto che mi perseguita da tutta la vita e che mi ha danneggiato nolto. Non posseggo nel dna il gene specifico del rancore, mi spiace. Quanto all'obiettività, è un ideale che tutti ci poniamo ma che sappiamo non esistere. Ci limitiamo a fare il possibile. E' già tanto sapere da che parte arrivano gli schiaffi. Per lo meno così tutto è più chiaro.

    Ho letto anch'io il testo della proposta di modifica statutaria che Borluzzi presenterà per il tramite di una non competente ma disponibile Onorevole, e non vi ho rinvenuto una sola parola che possa essere ricondotta al concetto di libertà.
    Il metodo democratico, che evidentemente al mio amico Giancarlo va stretto, vorrebbe che Egli con le sue ragioni convincesse la maggioranza che le sue idee sono giuste onde poi ottenere dalla maggioranza suddetta un ribaltamento elettorale che consenta la realizzazione del suo pensiero.
    Ahimé per Lui la maggioranza invece vota per un partito che ha nel suo programma la conservazione del poco di francofonia che c'è nonché la sua espansione.
    Il fatto che Lui ritenga liberticida questo progetto di recupero e valorizzazione della lingua che si parlava nel regno dei Burgondi non gli da il diritto di passare per la Mussolini e per un eventuale patto nel PDL nazionale per imporre alla VDA la sua impostazione.
    Se la Mussolini presenterà tale proposta, e se il PDL vorrà che essa diventi legge, sarà stato perpetrato un abuso autoritario, e questo al di là della bontà o meno dei contenuti.
    Non condivido questi metodi.

    non condivido nulla di quanto sostiene Borluzzi. Mi limito a rispettare la sua opinione come quella di tutti e ad ospitarla quando la esprime in termini corretti

    Non condivido il disfattismo che stai facendo tu Ottoz con gli ultimi tuoi interventi; non condivido le ossessioni compulsive di Mafarka che non vuole accettare la democrazia; non condivido il quotidiano spargimento di letame operato da un paio di tuoi ospiti fedelissimi.

    ovviamente mafarka (che io non a caso chiamo mafarkuzzi) è borluzzi, per cui ritengo di avere già risposto. Gli ospiti "fedelissimi" sono quelli che non trovano ospitalità altrove. Parafrasando un precetto evangelico: "avevo necessità di essere pubblicato e mi hai pubblicato". Quale disfattismo: sano realismo, per evitare cattive sorprese

    Spero che vedendo le tue foto chi governerà la VDA presenti dei progetti e sistemi quello che c'è da sistemare, ma anche se non lo facesse ricordatevi che è sufficiente farsi un giro dove sono io adesso per vedere la differenza tra la cura del territorio come che c'è da noi e il disastro che c'è altrove.

    potremmo mandare disguido grimod a fare il sindaco lì. I saviglianesi potrebbero finalmente godere di una migliore cura del territorio pagandosela con le multe per divieto di sosta e il portafoglio degli aostani godrebbe di un po' di respiro. Fai un giro ad Asti e dimmi

    E di questa buona qualità del nostro territorio, con l'UV è stato artefice anche Rollandin e la gente non lo dimentica.

    certamente, questo è il punto nodale di tutta la questione: finché le critiche erano secondo te (penso inconsciamente) funzionali al ritorno di rollandin il blog ti andava bene, ora che le critiche potrebbero essere fastidiose per rollandin il blog non ti va più bene. Errore: l'innegabile pragmatismo realizzativo e la capacità di sintesi di rollandin non fanno scomparire di per sé i problemi. Possiamo tranquillamente continuare a evidenziarli perché siano affrontati. risolvendoli rollandin farà ancora più bella figura

    Non sono mai stato contro la giusta critica ma questo sta diventando il blog dei disadattati e ciò non ti fa onore perché tu, Ottoz, sei una persona intelligente.


    intelligente non sono, disadattato forse (ma non da oggi), normalizzato, spero, mai. E' questo desiderio di normalizzazione, di correre in soccorso al vincitore, che mi fa oggi più paura.

    RispondiElimina
  5. L'ultimo post che le ho mandato (forse per sbaglio) non va bene. Mi si è chiusa la finestra isnpiegabilmente.

    RispondiElimina
  6. Di fronte(o dietro) alla stazione di saint vincent?

    RispondiElimina
  7. Singolarissimo eddy . Non uso un altro aggettivo per non essere accusato di utilizzare termini magari ritenuti non corretti e quindi essere censurato . La singolarità deriva dai due pesi e due misure : eddy chiede , giustamente , dimostrazione a corrado di suoi diversi atteggiamenti nel blog , e lo chiede con esempi concreti . Però se io chiedo dimostrazione del suo non condividere la mia posizione , chiarendo i punti , lui non ha mai risposto con esempi concreti , metodologicamente simili a quelli richiesti al corrado . Mah .

    RispondiElimina
  8. bravo, anonimo, proprio il vecchio caffé della stazione, dietro la stazione della ferrovia di saint-vincent, giù a tenso.
    seguirà, scusandomi anticipatamente con corrado olivotto, una miniserie di foto della stazione (appena potrò)

    RispondiElimina
  9. due pesci e due misture. prendo e porto a casa.
    mafarkuzzi, sei tornato alla veteroincomunicabilità: rispondo e dici che non rispondo, rispondo e dici che non rispondo, rispondo e dici che non rispondo, all'infinito...
    vedi un po' tu.

    RispondiElimina
  10. Amen . Con l'ultima ( non ) risposta di eddy e con lo scritto di freeoliver che evidenzia giudizi oggettivamente non appiccicabili a quanto quella proposta di legge prevede , tolgo il disturbo , ma per davvero , non faccio cioè come taluni che poi ritornano sui loro passi dopo un pò . Aggiungo che quanto dico dipende pure dalla constatazione dell'incomunicabilità valdostana , tale certo non per colpa mia : ho dato il testo di legge e alcuni che l'hanno ricevuto hanno scritto lucciole per lampadine proprio sui contenuti del testo , non mi riferisco ai giudizi , oltretutto inesistenti . Non leggerò manco i commenti a questo bye bye , magari a freeoliver ed eddy invierò il comunicato successivo al no di FI alla giunta rollandin evidenziando la differenza tra forma e sostanza nel comportamento forzista . Comunicato che giungerà pure a quanti a roma hanno a cuore le sorti della libertà in quell'italia di frontiera che non vede solo la valle in preda agli out of mind della politica : con questi farò delle cose per questa parte d'italia vera cuckoo's nest . Ciao eddy , la tua volontà di dialogare , purtroppo più teorica che pratica , è comunque lodevole in questa regione con troppi personaggi dal cervello sempre a bora bora .

    RispondiElimina
  11. Alberto Grisero - Aosta28 giugno 2008 17:57

    Egregio Corrado Olivotto, alias "Free Oliver", alias "Il Mago", tu come le scarichi, le tue frustrazioni? Hai qualche pratica sessuale da suggerire a tutti noi?! Se tu fossi, almeno, furbo, noteresti che non c'e' un'enorme differenza tra le considerazioni di Mafarka e le mie; eppure, lui lo apprezzi, mentre a me' mi detesti: vedi un po' tu...

    RispondiElimina