PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

26 novembre 2008

Alitaglia

la risposta di Fantozzi ai sindacati: Alitaglia...

4 commenti:

  1. bruno courthoud26 novembre 2008 21:45

    mi ricordo che a vaprio d'agogna, in provincia di novara, tagliavano effettivamente le ali alle galline, affinché non potessero uscire dai loro recinti (Malpensa non è molto distante da vaprio d'agogna, un tiro di schioppo).

    RispondiElimina
  2. Tutta la faccenda Alitalia è a dir poco penosa. Dovevano cederla subito ad Air France, solo che il vero problema non era mantenere una compagnia di "bandiera" (francamente a me non puo' fregar di meno visto che volo principalmente con Ryanair e EsayJet), ma adeguarsi agli standard europei di lavoro. Con il numero di piloti e assistenti di volo in servizio a Roma in Francia fanno volare il 300% degli aerei italiani. La sala VIP di Alitalia a Caselle costa 25.000 euro al giorno!!! Ma stiamo diventando tutti matti? Kakkio me ne frega della sala Vip e del capuccino gratis, chiedo solo aerei sicuri che volino in orario, poi La Stampa o Repubblica me li compro da solo. Il fondo lo abbiamo toccato quando i dipendenti festeggiavano a Fiumicino la notizia che da li' a poco avrebbero perso il posto di lavoro, ci hanno preso per il kulo anche in Siberia quando hanno visto quelle immagini. Il vero problema è che Lufthansa o Air France o chi per loro avrà solo un minimo controllo della nuova società, diciamo che mirano a strategie di marketing e nuove linee. Il riposizionamento del personale invece sarà bloccato come al solito dai sindacati, all'estero i governi non mollano anche quando si trovano di fronte a 25 giorni di sciopero generale che paralizza la nazione intera. In Italia, vado a memoria, non riesco a ricordare più di due giorni di sciopero consecutivo, poi il governo, di qualunque estrazione esso sia, cala le braghe e oggi ci troviamo a sguazzare nella..... Da un recente rapporto dell'UE sulla sicurezza aerea europea emerge che le compagnie cosiddette di bandiera sono meno sicure (si tratta di poche cose, per lo più legate a gilet salvagente mancante o alle pile scariche delle torce elettriche di emergenza) delle low cost. L'aereo più vecchio della flotta di Ryanair è del 2001, Alitalia vola con gli md80 e md82 degli anni 80!!! Con tutti i soldi che si sono fatti tra biglietti venduti e aiuti cospicui dello Stato non sono nemmeno riusciti a cambiare gli aeromobili. Penso (pensiero personalissimo, come sempre) che l'Italia ha commesso (tanto per cambiare) un gravissimo errore in passato quando non è entrata nel consorzio Airbus con Alenia. Almeno avremmo avuto qualche A319 o A320 a prezzo di favore, come gli inglesi e i francesi. L'md80, in gergo chiamato "mad dog" è in assoluto l'aereo che ha avuto più incidenti (l'ultimo a madrid quest'anno). Superato nell'avionica ha una struttura alare di bassissima portanza, eppure nella flotta Alitalia ce ne sono ben 76! Poi la società dice che sono più sicuri del 737 perchè hanno avuto meno incidenti. Ci credo, Air Afrique ha solo 737, Air Tanzania e Air Macau anche e cosi' via, non c'è un solo mad dog che voli nei paesi poveri, proprio perchè ha dei costi di manutenzione esorbitanti oltre al dettaglio non di poco conto, che la casa che li ha costruiti (la Mc Donnel Douglas) non esiste più da anni. Vediamo come andrà a finire l'ennesima telenovela del pese d'o sole...

    RispondiElimina
  3. Mal pensa... un nome... un programma... persino Cochi e Renato hanno preso per il culo la scelta di fare quell'aeroporto... fatto a mano tutto in piano che piace tanto all'aeroplano... in Piemonte l'han fatto, l'aeroporto di Milano...che per andare in città ci vuole il treno... maddai...

    RispondiElimina
  4. bruno courthoud27 novembre 2008 10:25

    ormai siamo un paese di drogati assuefatti ... e la droga non basta mai (vedi valle d'aosta).

    RispondiElimina