PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

30 giugno 2010

dhagli Appennini halle Ande

Di spalla, oggi su La Stampa, "Un liceale su tre non sa scrivere in italiano", un pezzo di Mario Baudino. Elena Ugolini (Invalsi), dichiara con amarezza: "...dopo 13 anni di scuola ci troviamo davanti a ragazzi di un'estrema povertà dal punto di vista linguistico. La mia rabbia è constatare che non siamo riusciti a insegnare loro a scrivere".
A scanso di equivoci, e a beneficio di chi dice: "che goduria, ricevere le vostre vituperie...", spara “cancellamento“ al posto di “cancellazione“ e accusa gli altri di essere "villantatori", chiarisco che Invalsi non è il passato remoto di invalere. Trattasi invece dell'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.
En tout cas la conclusione è che la gente non sa più scrivere.
La Stampa se ne accorge oggi, 30 giugno? In Valle siamo più avanti, lo sapevamo già da alcuni giorni. Lo testimonia il comunicato qui sotto.

(cliccate sulla foto per leggere)

Sorvolate sulle virgole che mancano, quelle che sono di troppo, lo stile (!) circonvoluto, il valzer degli incisi e delle coordinate, il testo che gratta e fatica, le parole inutili che allungano il brodo.
Cercate the big kahuna.

19 commenti:

  1. ai proprio ragione...

    RispondiElimina
  2. A parte "hai" collaboratori che era troppo facile, vien da chiedersi con quale sistema i colleghi verranno "saldati", ad arco continuo? A stagno? A ultrasuoni? Penso che i correttori di Word vengano utilizzati a sproposito e troppo spesso l'essere umano ripone troppa fiducia nello strumento informatico. Sarebbe bene rileggere prima di inviare. Proprio l'altro ieri un eminente giudice del Tribunale, che detesta l'uso spropositato delle e-mail, mi ha detto: "Quando scrivi un'e-mail ragiona come se stessi scrivendo e firmando una lettera, il testo sarà più corretto e il tono più educato". Come dargli torto?
    Saldati saluti!
    Paolo

    RispondiElimina
  3. Se questi sono i professionisti della parola locali non dobbiamo certo rammaricarci per la chiusura de "La Gazzetta". E sperare invece che chiudano tutte le testate valdostane, infaticabili generatrici dell'encomio non solo servo, ma anche barbaro e sgrammaticato. Au passage, a quanto ammontano i contributi versati dalla generosa RAVA a questa congerie di analfabeti di ritorno?

    RispondiElimina
  4. giancarlo borluzzi5 luglio 2010 07:40

    Caro Eddy, solo in Valle succede che un partito a noi vicinissimo abbia, quale capogruppo in consiglio regionale, un signore che scrive "ogniuno" e "logoroico" più altro..... Di che stupirsi, dunque?

    RispondiElimina
  5. "Verranno saldati?" ad arco continuo, con fiamma ossidrica o a stagno?

    RispondiElimina
  6. Dall'ANSA di oggi: # 10:48 - AEREI: AL CORRADO GEX VOLI GRATIS PER GIORNATE AERONATICHE. Mi prenoto subito, speriamo sia uno spettacolo indimenticabile, dei culi volanti non se ne vedono tutti i giorni...

    RispondiElimina
  7. ils se ressemblent, ils se rassemblent...

    RispondiElimina
  8. Penso non si sappia piu' quasi nulla di grammatica & c. dall'introduzione dei moduli nella scuola elementare (ca 20 anni fa se non ricordo male). Ma siamo sicuri che i redattori di tanta normale ignoranza (nel senso etimologico della parola) provengano esclusivamente da questa formazione?

    RispondiElimina
  9. Ma leggi questa recensione di Mereghetti sul Corriere di oggi.

    http://tinyurl.com/329ehrk

    Superato lo shock per la parentetica iniziale, prova a contare quanti altri errori trovi. Sembra che abbiano pubblicato la brutta copia di un articolo scritto da un analfabeta.

    RispondiElimina
  10. Caro Borluzzi la tua ignoranza supera a malapena la tua arroganza. E' proprio vero che in questo paese chi non conosce commenta e chi non sa insegna e tu ne sei uno straordinario esempio. Non hai mai combinato nulla di costruttivo nella tua vita, ne politicamente ne mi risulta professionalmente, eppure ti intestardisci ad impartire lezioni. Un piccolo, sono sicuro inascoltato, consiglio "ignorami", ti prego. Magari guarisci dalla sindrome dell'invidia.

    RispondiElimina
  11. Ahhhh... E io che pensavo che il partito "vicinissimo" fosse l'UV, visto il noto tropismo borluzziano per i fieri montanari francofoni, con i quali, ça va sans dire, consumare un appassionato "french kiss". Ma no, il Nostro sbeffeggiava invece il SUO (maiuscole fasciste obbligatorie) capogruppo! Un nuovo DUCEtto, un novello Starace - "cretino obbediente" a detta di Mussolini -, un indomito Arpinati locale. Risate assicurate! Che nessuno dica poi che l'avvicinamento del PdL all'UV non porta risultati...

    RispondiElimina
  12. UV? Solo nel caso che il titolo fosse Des Happennins aux Halpes", dis-donc!

    RispondiElimina
  13. giancarlo borluzzi17 luglio 2010 15:41

    Amatissimo Massimo Lattanzi,vorrei "ignorarti", ma per farlo tu devi togliere il disturbo dal mio partito.
    Oggettivamente, oltre a essere un praticone inadeguato nei confronti della politica intesa come battaglia volta a far prevalere alcuni valori e contenuti rispetto a determinati altri, sei estraneo al PdL, come dimostrato(piccola parte emergente dall'iceberg delle tue caratteristiche) dal plurimo scrivere che la carta dei Valori del PdL è "pattume".
    Se tu ti trasferissi in Federation saresti a casa tua e permetteresti ad altri di costruire un partito con una linea che oggi non esiste: è stata imposta un'attesa da deserto dei Tartari per un ingresso in maggioranza che dubito arriverà.
    Oltretutto, Augusto Rollandin va a Roma e ottiene quanto gli serve senza mai coinvolgere il PdL nostrano: ci ridono dietro e ci puniscono elettoralmente come i numeri del 23 maggio dimostrano.
    Il tuo inizio è singolare: sei tu che sgrammatichi, io sottolineo il fatto per quello che è, ma tu cerchi di capovolgere la questione.
    Cosa tu abbia fatto nella vita credo lo dimostri l'atteggiarti costante a padrone delle ferriere; non so nulla di una tua professione, comunque compatibile con le tue caratteristiche.
    Il libro della mia vita è ricco di esperienze ricercate in funzione di DNA fra noi opposti.
    Io mai spenderei,ad esempio, il mese di agosto come stai per fare tu, se le voci giuntemi sono veritiere.
    Professionalmente ho vissuto due periodi diversi, divisi da una tragedia umana, e non capisco in quale sfera magica tu voglia trarre lumi sul mio passato specifico.
    E' poi una barzelletta sostenere che io ti invidio: ringrazio il Signore Iddio per avermi fatto opposto a te in tutto.
    Da ultimo: tu non sei mai capace di impostare un discorso su quanto ti viene addebitato, borbotti a vanvera dimostrando che vivi nell'illusione di essere quello che non sei e ti senti appagato dal farti battere le mani dai tuoi simili.
    Ma la politica è altro e per questo non ti posso purtroppo "ignorare" come gradirei.

    RispondiElimina
  14. Credo che sarebbe forse il caso di interrompere questo sgradevole quanto inopportuno scambio di credenziali con la speranza che le energie spese inutilmente nel vilipendio reciproco possano essere impiegate nella acquisizione di un maggior consenso da esprimere nella prossima occasione elettorale.

    RispondiElimina
  15. Non sono d'accordo con Anonimo (19 luglio 2010). Continuate a ribattere perché il confronto è esilarante. Ad esempio: cosa farà Lattanzi nel mese di agosto?

    RispondiElimina
  16. Una sera, durante un comizio a Saint-Christophe (correva l'anno 1993), dopo una serie di interventi in buon patois e in improbabile francese, un assessore uscente, en s'adressant alla minoranza italiana, aprì così:
    "In giro per tutta la Valle i nostri avversari ci stanno vilipendo..."
    E, dopo una retorica, sapiente interruzione, concluse:
    "...ma non ci lasceremo soccombere!".

    RispondiElimina
  17. Guardi che Ella la pensione la percepisce grazie all'UV!!! Non sputi troppo nel piatto dove ha mangiato e bene per anni.Invece di guardare sempre in casa d'altri volga lo sguardo nella Sua. E la smetta, infine, di fare sempre il professore. Non ne ha ne i titoli ne le capacità.

    RispondiElimina
  18. gentile anonimo,

    mi risulta oscuro il meccanismo per il quale percepirei "la pensione" "grazie all'UV". Le sarei grato se mi chiarisse il punto.

    Le sarei altrettanto grato se mi facesse un esempio di dove e quando avrei "mangiato e bene per anni".

    Ma, soprattutto, veda curarsi la sindrome da coda di paglia, si troverà meglio. Due bustine di autoironia al giorno potrebbero aiutarla. Chi le ha detto che mi riferivo all'UV? (oppure era presente anche lei?).

    RispondiElimina
  19. si offende anche in conto terzi?

    RispondiElimina