PRENDRE PARTOUT
METTRE CHEZ-NOUS
____________

21 gennaio 2011

votare e non contare
è una cosa da imparare

L'ultimatum in conto terzi, ecco le dernier cri tra le anomalie della politica valdostana.
Un mese, non un giorno di più, è disposto a concedere Leo La Torre a UV e Eteila, poi dicano chiaro se vogliono il Pdl in maggioranza.
Se no?
Il capogruppo di se stesso non lo dice, ma lancia la stampella oltre la barricata e pensa già a un "Patto federativo con Pdl e Lega"...
Sarebbe simpatico sapere che cose ne pensano non tanto i sei dei trentacinque (tra i quali non risulta agli atti alcun leghista), ma, magari, i loro elettori.
Da oltre un anno sentono ululare l'ossessivo mantra "siamo in maggioranza, siamo in maggioranza, siamo in maggioranza..." assistendo attoniti allo spettacolo di tre loro consiglieri che votano qualsiasi roba, anche e soprattutto se contraria ai valori, ai principi e al programma del loro partito.
Non basta: poiché l'innamorata incassa i voti ma non cede alle loro profferte, vorrebbero ora entrare in maggioranza dalla porta di servizio, con un mezzuccio uccio uccio: federarsi con la Fédération e, essendo questa in maggioranza, trovarsi magicamente nella stanza dei poussoirs. Senza dare fastidio, per carità, giusto un po' di sano voyeurismo politico. E con l'impegno, per non sconvolgere la prassi, di non rifiutare qualche piccolo contentino di sottogoverno (senza esagerare... al massimo, come direbbe Totò: "a proposito di politica, non ci sarebbe qualche consulenzina da mangiare?").
Viene in mente la storiella di quel masochista innamorato che fa sesso con un sadico e durante l'amplesso lo aizza: "fammi male, fammi male, faaaammi male...". Risponde trucido, dosando con sapiente delicatezza i colpi, il sadico: "no, no, no..."


14 commenti:

  1. giancarlo borluzzi22 gennaio 2011 10:29

    Mi pare che qui si veda la parte emergente dell'iceberg e non quella sott'acqua, di maggiori dimensioni.
    Quest'ultima rimanda al perchè La Torre si sia così espresso.
    Mia interpretazione: si avvicinano, non allontanano, le elezioni politiche e l'UV vuole due suoi eletti,o tesserati o telecomandabili.
    Ma per ottenere tale risultato il PdL non deve presentarsi alle elezioni politiche.
    Ipotesi non deglutibile dal PdL nazionale, ma accettabile nell'ambito di una maggioranza regionale comprendente il PdL che appoggia un candidato di coalizione.
    Anche la federazione tra Federation, Lega e PdL potrebbe essere un ingenuo marchingegno funzionale alla non presentazione di due candidati del PdL alle politiche: i due partiti governativi sono federati con chi è comunque nella maggioranza regionale e deve appoggiare ciò che ordina il padrone rossonero: per la proprietà transitiva etc.
    Il mese di tempo, guardacaso, coincide col tempo richiesto dagli avvenimenti(caso Ruby e voto sul " federalismo" innanzi tutto) per saperne di più sull'eventualità elettorale. Leggendo la carta stampata, m'è parso che la posizione di UV e Stella sia possibilista sull'uscita di La Torre, quanto meno non così ostica come in precedenza.
    Forse tutto è stato preordinato dal leone che vuole due parlamentri suoi; La Torre è uscito allo scoperto vista la sua contiguità con il capo prossimo futuro ( ma sostanzialmente da sempre, dopo aver retrocesso il coordinatore ufficiale a suo portavoce) del PdL valdostano, quello che commentando sul blog di Caveri il caso Ruby ha confermato che per lui la terza persona singolare dell'indicativo presente del verbo avere coincide con la prima lettera dell'alfabeto.

    RispondiElimina
  2. Prego la S.V., che predica bene e razzola male, di andare a leggere l'articolo a lei dedicato sul sito del Consigliere Regionale del PDL Alberto Zucchi, forse la boria e superbia che la contraddistingue potrebbe sgonfiarsi

    RispondiElimina
  3. Ho controllato sul blog di Zucchi: cattivissimo, il nostro "anonimo".
    A proposito: su Patuasia, un lettore insinua che il nostro si sarebbe aggiudicato tutte le polizze della CVA, per un ammontare di circa 8 milioni di euro, una bella "consulenzina", se accertata. Ne sai qualcosa?

    RispondiElimina
  4. Direi, con il dovuto affetto, che Zucchi ha pestato una merda. Gli direi: vuoi costruire un dossier? Costruiscilo bene.
    Alla delibera dovrebbe vedere di allegare il documento di liquidazione. E se non lo trovasse?

    RispondiElimina
  5. Caro Eddy, credi sempre di fare il furbo, di essere più intelligente degli altri. Forse vale il proverbio "non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te stesso" tu che sei stato in maggioranza con l'Union sei quello che ha più scheletri nell'armadio, fai un pietoso favore a tutti e smettila di blaterare a vanvera

    RispondiElimina
  6. Non ti hanno nemmeno pagato? Carina. La cifra è risibile, specie se al lordo delle imposte. Ribadisco però la mia domanda: sai se un "anonimo" percepisce, come broker/assicuratore, qualcosa da CVA o da altre controllate dalla Regione? Più chiaro: la Regione, via le sue controllate, privilegia una compagnia o un soggetto oppure distribuisce in modo equanime le sue polizze? Una volta, se non ricordo male, c'era un personaggio che dicevano privilegiato, ma pare che abbia ora perso i favori di chi decide: qualcuno lo ha sostituito nel cuore dei potenti? Se non puoi o non vuoi dirlo tu, sai dove si può trovare l'informazione? Perché cerco di orizzontarmi nella politica valdostana e ho la sensazione che seguendo i soldi si capisca molto più che ascoltando i discorsi...

    RispondiElimina
  7. il potere si basa su strutture algebriche abeliane, basate sul principio commutativo: invertendo l'ordine dei broker il prodotto non cambia.

    RispondiElimina
  8. Per poter concorrere all'assegnazione delle polizze CVA bisognava concorrere ad un appalto Europeo, che Zucchi ha vinto... Capisco che per chi è abituato ad incarichi ad personam o ad assegnazioni di strutture pubbliche in egual modo, ciò sia difficile da comprendere...

    RispondiElimina
  9. Questo è l'Eddy Ottoz che conosco, quando non sa più cosa dire per farsi notare tira fuori la supercazzola dal cilindro, oppure il coito degli stambecchi da inserire nel programma, vai avanti così che andrai lontano, e prima ci vai meglio è.

    RispondiElimina
  10. Ringrazio l'anonimo delle 17:27 per la spiegazione. Non sapevo dell'appalto europeo, in effetti, apparentemente, una garanzia. Lei, che pare così informato, mi spieghi allora, per favore: ma com'è che, prima, appalti o non appalti, i lavori andavano tutti a uno e ora invece tutti a un altro? La concorrenza? Oppure gli appalti in qualche modo possono essere guidati - in modo legittimo, ci mancherebbe, visto che la turbativa d'asta è reato in Valle sconosciuto - ? E il signore di cui parla ha ricevuto altri incarichi da soggetti pubblici o parapubblici, questi magari non preceduti da una gara europea?

    RispondiElimina
  11. Complimenti per il blog. Ti ho letto volentieri.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  12. Caro Anonimo poco Anonimo delle 02:16 (non dorme o niente di meglio da fare?). Lo chieda al diretto interessato. Mi pare abbia un sito molto seguito ed aggiornato. Così potrà pure rispondergli delle Sue mal celate accuse (turbativa d'asta, pilotaggio di appalti ecc). Saluti sportivi.

    RispondiElimina
  13. ciao, molto interessante il tuo articolo

    RispondiElimina